sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

CONTATTI

MENU

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

1280x720

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Regionali, Caterina Chinnici pretende liste "immacolate", stop alle candidature di Giuseppe Lupo, Angelo Villari e Luigi Bosco"Tutti a cercare la diligenza, ma probabilmente siamo al Capolinea"Regionali, Meloni e La Russa provano ad imporre Renato Schifani imputato a Caltanissetta, gli avversari tirano un sospiro di sollievo e Cateno De Luca esultaBufera al Policlinico Universitario di Catania: arrestato il primario di cardiochirurgia Carmelo MignosaDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), Nino Rizzo, medico di famiglia: "Occorre una nuova governance dei sistemi sanitari"Potente spettacolo di Emergency venerdì 12 agosto all'Ardizzone Gioeni: oggi alle 18 il Talk di presentazioneCateno De Luca: al via la raccolta di firme per il Sindaco d'Italia. E di SiciliaSAC – Aeroporto di Catania: per l'Autorità Nazionale Anticorruzione è MALA GESTIORegionali, il ridicolo "veto" su Prestigiacomo di La Russa e Lega diventa boomerang: sul gommone pro-migranti c'era la senatrice leghista Valeria SudanoIl TALK di Sudpress, Speciale "Tosca" seconda puntata: sveliamo il misterioso Backstage dell'opera lirica

Regionali: è scontro totale tra Miccichè e Musumeci. Il caso del "favore" alla moglie del consigliere...

09-05-2022 06:52

redazione

Cronaca, Focus,

Regionali: è scontro totale tra Miccichè e Musumeci. Il caso del "favore" alla moglie del consigliere...

Anche stavolta la domanda è spontanea: ma che favore era?

scontrotratitani.jpeg

La settimana scorsa si è conclusa con le redazioni di tutte le testate invase dagli esiti dell'intervista che il presidente dell'Assemblea Regionale Siciliana Gianfranco Micciché ha rilasciato al quotidiano nazionale La Stampa.

 

Toni e contenuti sono da capolavoro e probabilmente hanno raggiunto l'obiettivo desiderato: il non ritorno.

 

Tuttavia, le redazioni si sono concentrate SULLE parti più esagerate, veri e propri insulti di quelli che segnano in maniera definitiva qualsiasi rapporto, personale o politico che sia.

 

Però, quello che probabilmente meriterà un chiarimento, magari non in sede giornalistica  nè politica è il caso di un "favore" di natura imprecisata che avrebbe causato un cambio di casacca che potrebbe sottendere interventi forse illeciti, magari di scambio politico-elettorale...

 

Passo indietro: nell'intervista Micciché ricorda come l'accordo sul nome di Musumeci nel 2017 si raggiunse sulla sua promessa che non si sarebbe ricandidato, cosa evidentemente non mantenuta.

 

Poi la "valutazione" sul comportamento di Musumeci: "Cinque anni a rompere la minchia. Ha trasformato i nostri assessori in ascari, a me ne ha tolti tre su quattro.". Sintesi perfetta per chiarire il contesto.

 

E ancora "analisi comportamentale": "Musumeci odia partiti, parlamento, stampa", ricordando quando apostrofò in aula il deputato catanese Luca Sammartino, oggi leader siciliano della Lega di Matteo Salvini, auspicando che di lui si occupassero "ben altri palazzi", riferendosi chiaramente ai guai giudiziari ancora in corso di quello che oggi è un esponente di punta di quel centrodestra che dovrebbe ricandidarlo.

 

Poi la bomba che ha scatenato il putiferio: "Musumeci è pur sempre un fascista catanese", estendendo l'epiteto al proconsole di Fratelli d'Italia Ignazio La Russa, "fascista siciliano", ed alla loro dante causa Giorgia Meloni "fascista qual è".

Insomma, un putiferio.

 

Ma l'appunto più insidioso arriva subito alla terza domanda cui Micciché risponde citando un anedotto inquietante definendolo "episodio esemplare": "Un nostro ocnsigliere comunale chiede un favore per la moglie. Il direttore della Regione mi dice: non è possibile. Dopo dieci giorni il favore viene fatto e il consigliere passa con Musumeci."

 

Anche stavolta la domanda è spontanea: ma che favore era, talmente "complicato" da determinare addirittura un cambio di casacca?

 

La conclusione di Micciché è politica: ""Ma come: distruggi i nostri partiti e poi ci chiedi i voti?"

 

E invece è probabile sottende altro: MOLTO ALTRO...

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder