Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Il Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"Il post del Sottosegretario Vittorio Sgarbi dopo essere intervenuto durante il Talk sul caso Palazzo Beneventano di LentiniA Catania ciclo di incontri sul "Curatore Speciale del Minore", nuova importante figura nel processo di famigliaLa Galleria Carta Bianca compie oggi 25 anni, un record di longevità. E il patron Checco Rovella ce lo raccontaIl TALK delle 10 in diretta dal Palazzo Beneventano di Lentini: "Ma perché in Sicilia è così difficile fare cose belle?"Un gioco ormai troppo pericoloso

Covid a Catania: l'Ufficio del Commissario Liberti nominato dal governo Musumeci confessa l'incredibile fallim

19-04-2022 08:00

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus, covid spese & C.,

Covid a Catania: l'Ufficio del Commissario Liberti nominato dal governo Musumeci confessa l'incredibile fallimento e gli enormi sprechi

Delle 5.000 vaccinazioni giornaliere annunciate ne hanno fatte neanche 800, con uno spreco di risorse pazzesco

vachub440.png

Adesso cominciano a parlare i numeri.

E sono numeri che forniscono gli stessi responsabili con toni che appaiono trionfalistici, mentre dovrebbero essere più che mesti per la plateale inadeguatezza rispetto agli obiettivi annunciati e considerando come per tutto il periodo emergenziale Catania sia stata sempre tra le peggiori città d'Europa in tutti gli indicatori.

 

Numeri che adesso si confida possano essere analizzati da organi di controllo indipendenti e confrontati con altre gestioni, anche per evitare che in casi analoghi si proceda nel futuro con la stessa irresponsabilità nominando gente non qualificata e lasciando sguarniti i presìdi territoriali.

 

Vediamoli questi numeri.

I primi sono contenuti in un comunicato diffuso dall'Ufficio del Commissario regionale anti covid di Catania Giuseppe Liberti nominato dal governo Musumeci su indicazione dell'assessore alla Salute Ruggero Razza che ne ha attestato competenza e curriculum adeguato all'incarico.

 

Il comunicato viene pubblicato sulla pagina Facebook dell'Ufficio del Commissario in data 14 aprile 2022 in occasione della chiusura dell'HUB vaccinale appositamente realizzato nel febbraio 2021 presso l'ex Mercato Ortofrutticolo di via Forcile.

Tra le varie amenità apologetiche, il dato che salta agli occhi è uno: dall'apertura, febbraio 2021, sono stati somministrati 350 mila vaccini.

350 mila vaccini in 440 giorni. Bene, lo scrivono loro.

 

Al momento dell'apertura, 28 febbraio 2021, veniva diffuso analogo comunicato a seguito dell'immancabile cerimonia con foto e applausi:

Estraiamone la parte più rilevante, quella "programmatica":

progetto-senza-titolo-(40).png

Chiaro? Questi noti scienziati accreditati con tanto di attestati contenuti nei verbali delle giunte regionali del governo Musumeci che li ha nominati, avevano stimato un potenziale di 5.000 mila (CINQUEMILA) vaccinazioni giornaliere e, sulla base di questa fantasmagorica previsione, avevano messo su, e mantenuto, una pletora di 130 addetti a vario titolo, costruendo per loro ben 55 postazioni. In realtà abbiamo notizia che siano molti di più, ma lo vedremo quando saranno pubblicati i conti economici.

 

E allora sviluppiamoli in un attimo e con semplicità questi "numeri":

 

Se nel periodo 28 febbraio 2021/14 aprile 2022 hanno effettuato 350 mila vaccinazioni, significa che hanno realizzato nei 440 giorni intercorrenti la media di appena 795 inoculazioni al giorno: altro che 5.000, neanche un sesto del preventivato e sul quale avevano stanziato milioni di euro per garantirne il fabbisogno.

Senza considerare le spese di realizzazione della struttura, personale di sicurezza (esterno), pulizie, sanificazioni, etc.

Oltre a quelle per il siero vaccinale vero e proprio e relative siringhe: insomma un disastro.

 

Con il risultato drammatico di quanto sta accadendo proprio in questi giorni con la tragica comica della gestione delle proroghe del personale precario che stiamo raccontando: se tutte queste risorse fossero state impiegate con un minimo di testa e guardando al futuro, si sarebbe potuto ovviare alle enormi carenze di personale presso i presìdi ospedalieri e territoriali senza dover ricorrere a finte ed improbabili "selezioni", assurdi "click day" e senza disperdere tutte quelle professionalità che si sono formate proprio durante l'emergenza mostrando coraggio e abnegazione nonostante l'incapacità di chi li dirigeva.

 

Adesso attendiamo che vengano pubblicati dati certi e confrontabili dei singoli centri vaccinali, non soltanto per mandare a casa e possibilmente chiamare a responsablità chi non si è dimostrato all'altezza degli incarichi ottenuti, quanto per impedire che tutte le enormi disfunzioni riscontrate possano ripetersi alla prossima emergenza.

 

In particolare le autorità di controllo devono rendere trasparenti e pubblicare per ogni singolo punto vaccinale i seguenti dati:

 

  • Media di somministrazioni giornaliere;
  • Numero somministrazioni complessive;
  • Consistenza media personale; 
  • Costo Personale; 
  • Costo medio per vaccino.

 

Rendendo così omogenei i dati, di alcuni abbiamo già qualcosa e li stiamo elaborando, sarà possibile confrontarli e comprendere cosa sia avvenuto realmente e magari anche perché.

 

È ora di pubblicare tutti i dati,

prima che finisca la campagna elettorale e

prima che arrivi un'altra ondata di virus!


Leggi anche:






image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder