381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Domeniche bestialiSudsport Beach Soccer Poule Scudetto 2024, il Catania FC vince contro Farmaè ViareggioCatania, la "Edimburgo del Sud": dove si inaugurano gli "slarghi" - VideoSu Sudsport BEACH SOCCER - Serie A Puntocuore: due squadre catanesi in Final Eight, ultime 72 ore di attesaRegione Siciliana: critiche asperrime al governo Schifani per la gestione dell'AST che taglia corse essenzialiSu Sudsport A Lignano Sabbiadoro l'ultimo atto della Regular Season di Beach Soccer: Domusbet.TV Catania in vettaLutto nel mondo dell'Informazione per la scomparsa del direttore Rino Lodato, giornalista perbene e garbatoSu Sudsport Conclusa la prima edizione del Sicilia Padel Tour, pronti per il 2025Schifani smentisce Trantino ed emana l'ordinanza per tutelare i lavoratori dal caldo afoso che il sindaco di Catania ha negatoProtocollo d'intesa tra ASMOE e COI-AIOG per il miglioramento della sanità in medicina ed in odontoiatria estetica

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Ordine dei Medici: continua la saga della "Sede milionaria che ancora non c'è" e parte la denuncia del prof.

27-03-2022 22:45

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus,

Ordine dei Medici: continua la saga della "Sede milionaria che ancora non c'è" e parte la denuncia del prof. Giansalvo Sciacchitano

Basta chiacchiere: oltre 5 anni non sono troppi? Denuncia a Corte dei Conti, Procura e Anticorruzione.

È un'altra di quelle storie tutte catanesi che solo a Catania possono accadere.

 

Ce ne siamo occupati, anche in questo caso sin dall'inizio e ancora la fine non è arrivata: anzi si complica e sono passati oltre cinque anni da quando è cominciata. Pazzesco.

 

La notizia è che i medici catanesi, quasi 10 mila, sono stati convocati dal presidente Igo La Mantia per un'assemblea dei soci dell'ordine, che è un ente pubblico (non dimentichiamolo) per questo sabato 2 aprile con un punto all'ordine del giorno che in pratica potrebbe essere considerata una plateale confessione di mala gestio.

 

E qual è questo punto all'ordine del giorno dell'assemblea dei medici del 2 aprile?

ordconvsed.png

Quindi, dopo averla comprata nel 2017 per milioni di euro, arrivando ad aumentare del 30% le quote dei medici  e indebitando anche quelli non ancora nati con un mutuo 25ennale, la rimettono in vendita per la seconda volta in nove mesi. 

Ma stavolta scatta la denuncia a Procura, Corte dei Conti ed ANAC.

E ancora una volta a prendere l'iniziativa, all'interno di una categoria professionale che appare alquanto distratta, è il prof. Giansalvo Sciacchitano, protagonista storico di battaglie epocali contro il "potere ordinistico" rappresentato soprattutto dall'ENPAM e che, dopo aver subìto di tutto in termini di ostracismo, sta ottenendo soddisfazione proprio in questi ultimi tempi da Corte dei Conti e persino Cassazione che gli stanno dando ragione su tutti i fronti in merito alle denunce da lui presentate. Su questo torneremo e non solo noi considerato che è una vicenda di livello nazionale.

Per quanto riguarda l'Ordine di Catania ha tentato, anche considerando il cambio di governance, di provocare una presa di coscienza rispetto a metodi poco trasperenti, ma le richieste di accesso agli atti non solo non hanno mai ottenuto risposte esaustive quanto piuttosto addirittura vere e proprie minacce.

 

Di quella vicenda, brutta davvero, ci siamo occupati e gli abbiamo anche dedicato un talk in diretta che fece parecchio rumore.

Adesso, di fronte a questo ennesimo tentativo di risolvere l'affaire della sede milionaria in malora, e tanto altro, provando a mettere la polvere sotto il tappeto senza affrontare il nodo delle responsabilità, Sciacchitano ha deciso di coinvolgere finalmente e formalmente le varie autorità che probabilmente avrebbero dovuto intervenire già da tempo.

 

In un esposto di ben 10 pagine e decine di allegati, Corte dei Conti, Procura e Anticorruzione vengono compiutamente informate di varie vicende che spaziano dalla "invenzione" della Fondazione dell'Ordine dei Medici, costata non si sa bene quanto, liquidata non si sa bene come e che nel frattempo ha provveduto a spese, gestione di corsi di formazione e assunzioni di personale senza alcun controllo.

 

Sulla "Sede milionaria che ancora non c'è" già costata milioni e che adesso vorrebbero vendere chissà a che prezzo, le incongruenze sono tante, forse troppe: dalla procedura di acquisto in violazione del bando pubblico alla enorme caparra di 600 mila euro versata, dai costi di IMU e "manutenzione giardino" agli incarichi di progettazione conferiti persino prima di acquistarla. 

Tanta roba, con l'aggravante che molti degli atti relativi a queste faccende presso gli archivi dell'ordine, almeno a stare ad una delle evasive risposte ad accesso agli atti, neanche si trovano più.

Ma il prof. Sciacchitano di molti ne aveva fatto copia quando ancora, a differenza di adesso, sul sito trasparenza dell'Ordine dei Medici di Catania si pubblicava qualcosa.

E adesso alcuni sono già allegati all'esposto depositato mentre gli altri restano a disposizione delle varie autorità interpellate.

 

Vediamo se stavolta qualcosa si muove, magari ricordandosi che si tratta di un Ente Pubblico ed è ora che finisca il tempo che chiunque assuma incarichi di gestione in enti e partecipate pubbliche comici a considerarli feudi privati.


Leggi anche:




image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder