sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

eventi mof 2021 (1)

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Pietro Agen si è dimesso dalla "Camera di Commercio che non esiste più". Scontro sulla gestione della SAC-aeroporto di Catania: "Un errore confermare Torrisi""Caso assessore Baglieri", interviene anche l'associazione di consumatori Primoconsumo. Silenzio invece dai palazziIntervista al Segretario Generale CISL Maurizio Attanasio. Sui precari covid: "Non lasceremo che li prendano a calci!"La guerra e i suoi effetti nel tempo. Per tuttiIntervista a Mons. Antonino Raspanti,Vescovo di Acireale e Presidente della Conferenza Episcopale Siciliana"Caso Baglieri", il CODACONS: "Assessore non paga TARI? CHIARISCA O SI DIMETTA SUBITO"Celebrato il primo congresso della battagliera sezione catanese del sindacato nazionale CUB Trasporti: il dr. Salvatore Ventimiglia confermato Segretario30 giugno/1 luglio a Palazzo dei Normanni il MID.MED SHIPPING & ENERGY FORUML'assessore regionale ai rifiuti Daniela Baglieri da 5 anni non paga ...la tassa sui rifiuti?Un pensiero per Fratel Biagio Conte che sta lottando. Ancora

Calcio Catania: volano gli stracci tra (improbabili) attori vecchi e nuovi...

20-02-2022 06:12

redazione

Cronaca, Focus, Sport,

Calcio Catania: volano gli stracci tra (improbabili) attori vecchi e nuovi...

...perché in effetti ormai è una comica

... perché in effetti ormai è una comica.

Con l'asta andata deserta ed i prossimi appuntamenti sempre più complicati, si acuiscono le tensioni intorno ad un mondo che è ormai emblema di tutta una città: FALLITA!

 

Raramente ci occupiamo di calcio non avendo mai visto una partita, ma riconoscendogli comunque una sua componente sociale per gli interessi  che muove e rispettando i sentimenti di chi si identifica con la squadra cittadina, capita che alcuni fatti  ci possano intrigare al punto di sottoporli ai nostri lettori.

 

È accaduto ieri con uno scambio al vetriolo riportato sulla pagina Facebook di Unica Sport, testata sportiva catanese fondata da Federico Lo Giudice.

francesco-russo-morosoli.jpeg

Il primo intervento è dell'imprenditore Francesco Russo Morosoli, che periodicamente è stato dato tra i possibili acquirenti della squadra catanese.

Si legge sulla pagina di Unica Sport:

 

Il patron degli impianti di risalita sull’Etna chiama a raccolta le forze produttive della città. “

 

È un appello che muove dal senso di appartenenza, rivolto ad imprenditori decisi e felici di esserci. La causa del Catania è una questione di tutti”.


"Le mie ultime esternazioni a mezzo stampa – afferma Francesco Russo Morosoli – avevano un preciso obiettivo: lanciare un appello a tutti gli imprenditori entusiasti di sposare la causa del Catania insieme a me.

 

Per la prima asta, purtroppo, solo il 7 febbraio sono stato informato della rinuncia degli investitori milanesi, profili coi quali stavamo elaborando un progetto serio e coinvolgente.

Riorganizzarsi non è stato semplice e oggi di tempo ce n'è davvero poco. Sono disponibile a qualsiasi interlocuzione con imprenditori decisi e felici di esserci.

 

Guardando al passato solo per un momento, ho il rammarico che la SIGI nel luglio del 2020 non mi abbia dato il 51%.

Avevo messo a budget 14 milioni di euro (solo uno in meno della cordata dei 4 imprenditori portati da Tacopina). Dopo l’indifferenza del presidente del CdA di SIGI questo budget è stato destinato ad investimenti importanti nel turismo, alle Gole dell’Alcantara e per il riammodernamento di Funivia dell'Etna”.


La seconda asta fissata dal Tribunale di Catania è la nuova occasione per restituire immagine e serenità alla città.

 

“Molti tifosi rossazzurri – spiega l’imprenditore – ritengono che in questo momento l'acquisto del club di Via Magenta sia realizzabile con un costo irrisorio.

In valore assoluto è vero, ma è il progetto sportivo quello che conta veramente.

Una cosa dev'essere chiara a tutti: per l'affiliazione alla Figc ci vuole una fideiussione di 12 milioni di euro, poi bisogna completare l'attuale stagione e in seguito stanziare 6-7 milioni per la successiva.

Puntando subito alla serie B.

Inoltre, bisogna integrare la provvista relativa alle minus valenze e porre rimedio ai debiti sportivi pregressi.

Andiamo ben oltre i 20 milioni di euro.

Ho l’imprescindibile responsabilità di salvaguardare la mia holding, ma questo non mi impedisce di esserci e fare la mia parte. Non sarebbe serio da parte mia comprare da solo il Catania.

Per tale ragione chiamo a raccolta le forze produttive della città. Cerco imprenditori forti, decisi, felici di esserci”.

274345003_604285304316952_3876088615391676106_n.jpeg

Apriti cielo. passano nemmeno un paio di ore e risponde a muso duro, sempre sulla stessa pagina, l'avvocato Giovanni Ferraù che è stato il frontman della sfortunata e per molti versi surreale avventura SIGI.

“Resto sbigottito nel leggere, su vari canali social, l’intervento di un rampollo catanese, figlio di imprenditori locali. 
 

Resto perplesso nell’apprendere che il suddetto era intenzionato ad investire ben 14 milioni di euro nel nostro amato Catania e che io, nella veste di Presidente di SIGI, sarei rimasto indifferente di fronte a tale proposta. 
 

Mi viene subito da pensare, con i Maneskin, che la gente “parla, parla ma non sa di che cosa parla”. 
In effetti, ricordo bene di un incontro con il soggetto in questione, tenutosi nel Luglio 2020 in un piccolo bar di periferia. 
Ricordo bene che mi disse che non aveva mai seguito il Catania, che non gli piaceva il calcio ma che avrebbe voluto investire 4 milioni (non 14 e neanche 40) sul Catania per “ripulire la sua immagine” macchiata, a suo dire, da un importante processo penale per un reato di inaudita gravità. 


La superiore motivazione mi lasciò molto perplesso; il Catania non era una lavatrice “che puliva l’immagine”, il Catania è molto di più. 


Declinai l’invito con il parere concorde del CDA di SIGI e dei suoi professionisti. 
Immagino comunque che chi parla vorrà  anche agire; il 4 marzo costui avrà la possibilità non di pulirsi la sua immagine, a quello ci penserà la giustizia, ma di sostenere concretamente, con i fatti e non con le chiacchiere, il rilancio del Calcio Catania.


Speriamo bene!”

Bhe, una certa pesantezza, in particolare i riferimenti alle disavventure giudiziarie ancora in corso di Morosoli non sono proprio da Monsignor della Casa, ma in effetti a ben pensare potrebbero anche starci visto che da queste parti tutto ormai si risolve in tribunale.

Interessanti le reazioni ai due interventi del variegato mondo tifoso, che alla fine resta, almeno nelle sue componenti più estranee agli interessi di varia natura, il vero patrimonio sentimentale di questa grottesca vicenda.

 

I commenti sono arrivati a valanga, ed i toni pressoché unanimi:

a537e855-52c8-48ae-9717-166b00f6c5b0.jpeg

Bhe, fantastico.

bde96071-7396-49eb-925d-7b9a5cbfed2a.jpeg

Nel frattempo si delinaano nuovi scenari che di certo faranno ancora discutere, come ad esempio l'arrivo in città dell'imprenditore romano Benedetto Mancini, che alla partita assiste con l'ex deputato regionale e imprenditore dei rifiuti Gianfranco Vullo.

 

E quindi forse comincia un'altra storia.

E in tutto questo baillame, la squadra del Catania scende in campo e vince 1 a 0 con la Virtus Francavilla: e i tifosi sono contenti, ogni tanto una gioia!

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder