sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

eventi mof 2021 (1)

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

La guerra e i suoi effetti nel tempo. Per tuttiIntervista a Mons. Antonino Raspanti,Vescovo di Acireale e Presidente della Conferenza Episcopale Siciliana"Caso Baglieri", il CODACONS: "Assessore non paga TARI? CHIARISCA O SI DIMETTA SUBITO"Celebrato il primo congresso della battagliera sezione catanese del sindacato nazionale CUB Trasporti: il dr. Salvatore Ventimiglia confermato Segretario30 giugno/1 luglio a Palazzo dei Normanni il MID.MED SHIPPING & ENERGY FORUML'assessore regionale ai rifiuti Daniela Baglieri da 5 anni non paga ...la tassa sui rifiuti?Un pensiero per Fratel Biagio Conte che sta lottando. AncoraStanno sfidando la furia popolare: aumento tassa rifiuti del 18%Nasce anche a Catania il Gruppo Archeologico Amenanos: tante le iniziative culturali in programmaA Catania il primo Fringe Festival del teatro Off: bando per gli artisti prorogato al 16 luglio

IL RUGGITO DEL CONIGLIO

14-01-2022 06:06

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus,

IL RUGGITO DEL CONIGLIO

E alla fine rinvia anche il minacciato quanto patetico e pericoloso "azzeramento della giunta"

mustestbas.png

Sta proprio finendo male la lunga carriera politica dell'unico pizzo che doveva piacere ai siciliani e che a quanto pare non piace proprio a nessuno e rimarrà uno degli slogan meno felici della comunicazione elettorale.

 

Nello Musumeci, il presidente della regione siciliana a fine mandato, si è ficcato in un cul de sac cui neanche un masochista stralunato avrebbe potuto ambire.

 

Non è riuscito a cogliere i segnali che da troppo tempo gli lanciava l'aula, quell'ARS cui, piaccia o meno, deve rispondere.

 

La logica che il presidente "risponde al popolo", come vorrebbe far credere con i suoi messaggi live, è semplicemente falsa e fuorviante: un presidente, per quanto eletto direttamente, deve avere l'abilità di far approvare dalla maggioranza i provvedimenti che propone. Se non ci riesce significa semplicemente che non è capace.

Ancor di più quando, e lo abbiamo ricostruito in un precedente articolo, il "favore popolare" di cui vagheggia non supera il 18% degli elettori siciliani, sommando i voti di tutti i partiti che lo hanno sostenuto: quindi, di che stiamo parlando?

 

Che è successo con lo smacco della votazione per i delegati all'elezione del presidente della repubblica?

 

Semplice, come accade in tutte le democrazie parlamentari, forze consistenti della maggioranza hanno colto l'occasione per ricordare a Musumeci che non è un presidente sudamericano ma espressione di una maggioranza cui deve rendere conto: anche qui, piaccia o meno, funziona così e paventare "ricatti", insultare "scappati di casa" che pure lo hanno votato è stato volgare e irresponsabile.

 

Se Musumeci ha effettivamente subìto tentativi di condizionamento illecito, come ha sostenuto nella sua intemerata diretta, ha il dovere di denunciarli pubblicamente facendo nomi e cognomi, in caso contrario trasforma un incidente di percorso in esempio di pura cialtroneria.

 

Se avesse mantenuto un minimo di lucidità, dote indispensabile per un presidente di regione degno del ruolo, avrebbe dovuto solo inghiottire il rospo e lavorare al recupero piuttosto che lanciarsi lancia in resta contro chi gli ha consentito comunque di stare seduto su quella poltrona per questi pessimi 4 anni e mezzo.

E invece ha combinato un casino.

 

L'epilogo della vicenda adesso si è addirittura risolto con il rinvio dell'annunciato, minacciato "azzeramento della giunta": e da debacle diventa zimbello, con opposizioni scatenate e social invasi da commenti caustici.

 

Il danno di questa vicenda, che si somma ad oltre quattro anni di assoluto immobilismo, è enorme, aggravato dall'irresponsabile ulteriore rinvio dell'approvazione dell'esercizio provisorio che lascia una regione priva persino dei più elementari strumenti di spesa.

 

Non resta che provare a limitare i danni di questa indefinibile stagione politica, stringendo i denti sino alla fine della peggiore legislatura di tutti i tempi.

 

E dobbiamo scriverlo, a futura memoria: perché ogni commento è davvero inutile.


Leggi anche:


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder