sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

mof edizione 2022

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Presentato il concerto-evento "Emozioni", Mogol con Gianmarco Carroccia al Teatro Bellini il 18 giugnoIntervista ad Antonio Balsamo, presidente del Tribunale di Palermo23 maggio 2022: la cultura mafiosa celebra il suo trionfo. Perché ha vintoI TALK. SudPress e SudStyle in diretta alle 10.00: "SIAMO TUTTI EDIPO!"Dinamometri: caratteristiche e vantaggi dei modelli digitaliAd Aci Trezza Il Ciclope di Ligama illumina Villa Fortuna"Esterno notte"...un dispiacere essere solo in dieci in salaOrdine pubblico a Catania, interrogazione alla Camera e risposta del tutto inadeguata del MinistroLungomare di Catania dedicato (per finta) a Franco Battiato: il tripudio non è unanimeFondazione Taormina Arte: accesso agli atti sulla nomina del Sovrintendente Ester Bonafede

"Università Bandita", la Procura non ci sta: VUOLE L'ASSOCIAZIONE A DELINQUERE

08-12-2021 06:00

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Università, Focus,

"Università Bandita", la Procura non ci sta: VUOLE L'ASSOCIAZIONE A DELINQUERE

UNO SCHIFO, al di là di qualsiasi qualificazione giuridica o giudiziaria: UNO SCHIFO...MA ADESSO LA COSA PIÚ SIGNIFICATIVA É GIÁ ACCADUTA

Quando lo scorso 22 settembre gli indagati dell'inchiesta "Università Bandita" sono stati rinviati a giudizio quasi quasi brindavano gli scienziati imputati per il fatto che il GUP Marina Rizza aveva ritenuto non sussistenti gli estremi per portarli a processo anche per associazione a delinquere, come se gli altri reati per cui finivano alla sbarra fossero di minore pesantezza: corruzione, falso, abuso d'ufficio.

 

La motivazione del ricorso è eminentemente tecnica: secondo la Procura la decisione del GUP «è frutto di una un’errata applicazione della legge processuale, avendo il Giudice oltrepassato i limiti entro i quali è consentita la pronuncia di una sentenza di non doversi procedere». 

 

L'opinione pubblica, definiamola così, aveva subito scontato la decisione del giudice come una sorta di affievolimento delle varie posizioni, come se le migliaia di pagine redatte dalla DIGOS con intercettazioni allucinanti che descrivevano un sistema di malaffare senza precedenti non fossero altro che normale amministrazione di un sistema basato sullo scambio di riverenze e cooptazioni familiari.

Come fosse normale o quasi.

 

COL CAVOLO, QUELLO CHE È ACCADUTO E ACCADE ALL'UNIVERSITÅ DI CATANIA NON HA NIENTE DI NORMALE E MEN CHE MENO DI TOLLERABILE.

 

Quelle intercettazioni fanno schifo, descrivono gentaglia senza Dio e senza vergogna che ha distrutto l'Università di Catania, condizionato il futuro di interere generazioni, condannato la città alla mediocrità e alla miseria, annientato intere famiglie di quelli che questi "signorotti" ritenevano "merde da schiacciare", i tanti docenti e ricercatori umiliati e inibiti nelle carriere solo perché non sottostavano alle loro brame di potere, solo perché non rispettavano i "turni".

 

UNO SCHIFO, al di là di qualsiasi qualificazione giuridica o giudiziaria: UNO SCHIFO.

 

In una città minimamente civile gente simile non sarebbe più dovuta uscire da casa, e invece mantengono tutti le loro posizioni, alcuni persino promossi e financo ringraziati per il brillante "servizio reso".

 

UNO SCHIFO.

 

Adesso sui quei brindisi improvvidi e spudorati è piombata la scure della decisione della Procura di Catania di ricorrere contro la decisione del GUP di escludere l'associazione a delinquere: per gli inquirenti si tratta di un'associazione criminale eccome.

 

Ed emerge come sintomo di una continuità pelosa e pericolosa la decisione dell'attuale rettore Francesco Priolo di non costituirsi parte civile nei vari processi penali, come anche la pervicacia con la quale continuano a non eseguire le sentenze amministrative che li condannano: chi o cosa il rettore Priolo intende tutelare non costituendo l'istituzione pubblica in un procedimento così importante? In questo caso il segnale è chiarissimo.

 

Mentre non è compito delle procure lanciare segnali, le procure devono fare il loro mestiere trovando le prove sostenendole nei dibattimenti, ma quando lo fanno bene svolgono un servizio supplementare consentendo la conoscenza di fatti altrimenti occultati: a prescindere dagli esiti penali che seguono il loro corso e spesso seguono dinamiche difficili da comprendere.

 

Ma il resto deve farlo la Città, che quando viene a conoscenza di questi fatti, adeguatamente documentati, deve reagire senza attendere le sentenze, deve riuscire a sanzionarli socialmente quando viene messo a rischio l'Interesse Generale.

 

Perché non è grave il fatto che in una istituzione ci siano corrotti, profittatori, nepotisti, può capitare ed è anche fisiologico entro certi limiti, la cosa gravissima ed insuperabile è che una volta scoperti restino ai loro posti, siano addirittura confermati, protetti, tutelati.

 

Adesso non occorre attendere la valutazione della Cassazione, la cosa più significativa è già accaduta: il tentativo arrogante di mistificare gli esiti dell'udienza preliminare facendo credere che l'impianto accusatorio della Procura potesse risultare affievolito e che tutto potesse risolversi come tempesta in bicchier d'acqua, con questo ricorso della Procura è stato rispedito al mittente.

 

E LA VERGOGNA TORNA TUTTA INTATTA.

 

La risposta finale, tuttavia, non potrà darla neanche la Cassazione e nemmeno la Corte Costituzionale: dovranno darla i tanti docenti corretti e, soprattutto, i tanti studenti che devono tornare ad iscriversi all'Università di Catania pretendendo, PRETENDENDO, che torni quella di un tempo, un tempo che ormai nessuno ricorda più ma che tutti sappiamo esserci stato.

 

E TORNERÁ!

Ne va del futuro di Catania.


Leggi anche:


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder