giovedì - 18 ottobre 2018

L’associazione catanese Megiss che “scopre il mondo sommerso”

Quando si parla di mare, e di “blu” in particolare, si scatena la magia di farmi dimenticare tutti gli impegni ed affanni quotidiani. Anche quest’anno che per la prima volta in vita mia non ho avuto il tempo di fare neanche un bagno. Quindi quando il mio “collega” sub Antonio Politano (anche se lui è

Mare inquinato e divieti di balneazione: nello stesso giorno ne revocano uno e ne ordinano un altro…

Lo avevamo previsto: 24 ore e su tutti i giornali locali è apparsa la replica dell’amministrazione Drago al polverone sollevato dall’ennesimo divieto di balneazione su un tratto di lungomare castellese tra i più belli e frequentati da turisti e non. Ma la cosa ovviamente non è risolta. Anzi: nello stesso giorno, 7 agosto, mentre con l’ordinanza

Mare inquinato: la Consitalia chiede l’intervento delle autorità e riporta l’articolo di Sudpress

L’ordinanza con cui il Comune di Aci Castello ha stabilito il divieto di balneazione su tutto il lungomare scardamiano, in piena estate, con i lidi aperti e senza i solarium pubblici catanesi, è stata non solo un fulmine a ciel sereno, ma ha suscitato grandissima rabbia per l’incapacità evidentemente di risolvere in modo definitivo e

Ingente presenza di eternit a pochi passi dal parco dell’Etna: il Comune di Nicolosi, l’Asp e l’Ente Parco dell’Etna che fanno?

Impressionante la quantità di frammenti di pericoloso eternit presente in Contrada Monpeluso, nel territorio di Nicolosi, a poca distanza dal rinomato sito naturale dell’Etna riconosciuto dall’UNESCO come patrimonio dell’Umanità. Nessuno sembra conoscerne l’esistenza eppure la discarica a cielo aperto è li dal 1998.

Stagione balneare 2018: per fortuna piove sui solarium comunali…inesistenti

Negli ultimi anni l’estate a Catania giunge con abituale ritardo, complici i mancati controlli fell’ex amministrazione comunale guidata da Enzo Bianco e  l’ingiustificato assenteismo della  S.C.R. SRL di Agrigento, la ditta proposta alla costruzione degli storici solarium di Piazza Europa ed Ognina.

Differenziata: la gestione Bianco condanna i catanesi a pagare ancora di più

Oltre allo schifo che c’è per le strade, Catania è anche tra gli ultimi comuni della Sicilia nella percentuale di raccolta differenziata: al 321esimo posto, una vergogna! Quello dei rifiuti, per come ridotto dall’amministrazione Bianco tra gare deserte, “appalti ponte” prorogati, arresti e interdizioni dei più stretti collaboratori del sindaco, è un settore che oltre

Lungomare: dopo la nuova illuminazione con zone al buio, i residenti si scatenano “rifiuti e fogna a cielo aperto”

Dopo l’inaugurazione del sindaco di giorni fa, della presunta “nuova ed economica” illuminazione, poi smentito immediatamente dai fatti con segnalazioni e foto serali di zone al buio inviate dai lettori, in redazione sono giunte nuove segnalazioni e così abbiamo deciso di fare un nuovo giro al lungomare. Risultato? Le foto parlano chiaro ed evidenziano, come se ce ne

Lungomare: nuova illuminazione sulla desolazione del viale Ruggero di Lauria

Il solito comunicato che trasuda orgoglio e vanto da ogni lettera, sembra soltanto uno stratagemma, nemmeno tanto celato, da utilizzare adesso che la campagna elettorale è entrata nel vivo. Eppure gli “enormi” risultati sul nuovo sistema di pubblica illuminazione al lungomare di Catania, “inaugurato” in tutta fretta, fanno da contraltare alle pessime condizione del resto

Catania tra gli ultimi venti comuni per la raccolta differenziata in Sicilia

Mentre i fedelissimi del sindaco Bianco si facevano assumere i fidanzati delle figlie e pagare gli affitti a Roma dall’azienda che gestisce l’appalto dei rifiuti, la città di Catania sprofonda nella sporcizia. E adesso si comincia a capire il perché. I dati sulla raccolta differenziata sono assolutamente terrificanti per la città, classificatasi 321 su 390

“Pic Nic al Parco dell’Arte”: domenica 8 dalle 10,30 organizzato da Kids Trip

Organizzato in collaborazione tra Kids Trip, il portale tutto catanese dedicato a famiglie e bambini creato dalla cultural manager Bianca Caccamese, e Fondazione La Verde La Malfa – Parco dell’Arte, domenica 8 aprile, dalle 10.30 alle 15.00, in Via Sottotenente Pietro Nicolosi, 29 a San Giovanni La Punta, si terrà un bell’evento all’insegna della natura

Rifiuti: trattative private, proteste e minacce di sciopero, è sempre più caos

I lavoratori del Consorzio Seneco (che comprende Senesi e Ecocar travolte dalle inchieste giudiziarie) attendono speranzosi che si faccia venerdì, giorno in cui avverrà l’incontro in Prefettura per capire cosa sarà del loro futuro. Mentre l’amministrazione Bianco, dopo gli scandali che hanno travolto le ditte, funzionari e dirigenti del Comune, avvia trattative private per affidare il servizio

Emergenza espurgo: Sidra: “A regime in poco tempo”, gli Autotrasportatori: “Falso, non si può lavorare”

Dura la risposta di Giovanni Rinzivillo, portavoce degli autotrasportatori Confcommercio Catania, al comunicato congiunto di Sidra Spa e Comune di Catania, sull’emergenza sanitaria in atto da mesi. Da tempo le ditte espurgo denunciano le limitazioni al depuratore di Pantano D’arci, gestito appunto dalla Sidra, a quanto pare, in difficoltà nello smaltimento dei rifiuti liquidi provenienti dalle

Emergenza rifiuti: la protesta non si ferma, città in ginocchio

Sono sempre lì, in presidio permanente davanti ai due autoparchi comunali sulla Stradale Giovanni Agnelli 1 e Viale Maserati, i 105 ex lavoratori dell’igiene ambientale, che fanno parte del bacino prefettizio, e dichiarano di non voler mollare. Da mercoledì sera gli operai sono rimasti compatti davanti le rimesse ed impedito ai mezzi di uscire a raccogliere i rifiuti. Alfio Leonardi della CGIL spiega: “Il commissario, che non abbiamo mai visto, continua a restare sulla

Mezza Catania tra i rifiuti, ma il Comune manda gli auguri di buona pasqua

Diverse segnalazioni da parte di cittadini ed esercenti indignati, mostrano, come la città in buona parte ormai, affondi tra i rifiuti non raccolti da giorni, a causa delle proteste e dei problemi scaturiti dall’inchiesta “Garbage Affair”. Tra le peggiori immagini, c’è quella della chiesa di Santa Caterina del Bargo in via Umberto I, che fa angolo con via

“Affaire Rifiuti”: un settore tutt’altro che “pulito”

L’operazione “Garbage Affair”, di venerdi scorso, che ha permesso di scoperchiare un sistema corrotto e malato della gestione dei rifiuti a Catania, con al centro dell’inchiesta il Ragioniere Generale Massimo Rosso e Orazio Fazio, direttore dell’Esecuzione del Contratto per i servizi di spazzamento, raccolta e trasporto allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e altri servizi di

Isola ecologica di Nesima: mai attivata e vandalizzata.Ma l’amministrazione Bianco che fa?

Elementi di ferro portati via, struttura sempre più fatiscente e spazzatura gettata a a caso ovunque. E meno male che nel 2014 il Comune aveva messo a disposizione 400 mila euro da destinare a tutte le isole ecologiche della città e questo poteva costituire una speranza per recuperare l’impianto. Da allora sono passati più di

Frana su Catania – Messina: indagati vertici CAS per peculato e disastro ambientale

A quasi tre anni dalla frana che blocco un tratto dell’autostrada Catania/Messina, all’altezza di Letojanni, fortunatamente senza vittime, i Carabinieri di Messina hanno eseguito tre misure interdittive nei confronti di due dirigenti del Consorzio Autostrade Siciliane, Salvatore Pirrone e Gaspare Sceusa, rispettivamente direttore generale del CAS e dirigente dell’area tecnica, sospesi dalla carica,e di un imprenditore,

Rifiuti, la vergogna di Catania per le strade

Sacchetti di organico, pannolini, vecchi indumenti, stracci, legna, e addirittura divani in bella mostra proprio sul marciapiede: è ancora caos rifiuti per le strade del centro storico, specialmente in alcuni punti dove da mesi si sono formate delle micro discariche e si tratta delle centralissime via Grotte Bianche e via Sisto, la parallela di via

Smaltimento acque nere, trasportatori in sciopero, Rinzivillo: “Assenza di confronto, nessuna soluzione”

Non si placano le polemiche sulla questione dei conferimenti dei reflui nell’impianto di Pantano d’Arci. Da lunedì 26 febbraio infatti, dopo settimane di incontri e tira e molla, tra istituzioni, aziende e Confcommercio, le imprese che si occupano di spurgo aderenti appunto a Confcommercio, si sono fermate ad oltranza. Uno sciopero che rischia di far degenerare

Altro che “Lungomare Liberato”: mantenuto come discarica a cielo aperto di Catania

In 5 anni ne hanno solo aumentato il degrado. Parti di automobili, fustini di detersivo, cibo, plastica e carta ovunque: dal Borghetto Europa fino alla circonvallazione, passeggiando dal lato del mare,  si trovano innumerevoli quantità di spazzatura tra gli scogli, gettati incivilmente dalle persone senza alcun ritegno. Il Lungomare di Catania, che dovrebbe essere una delle

La città si mobilita per il recupero di piazza Pilo, in degrado da tempo

Punto d’incontro di ragazzi e zona di passaggio che collega viale XX Settembre a via Monserrato, la centralissima piazza Rosolino Pilo fino alla scorsa settimana era in stato di abbandono e deturpata da rifiuti. Le condizioni di quella che dovrebbe essere un’area verde in pieno centro non sono passate inosservate a cittadini e volontari dell’associazione Nuova Agropoli, attiva

Shell Eco Marathon: l’Università di Catania ci riprova con un nuovissimo veicolo

Un veicolo avveniristico con la quale i ragazzi cercheranno di percorrere la maggiore distanza possibile con un litro di carburante o l’equivalente di un kWh di energia. Il team universitario catanese si misurerà nuovamente con la concorrenza in uno dei più celebri concorsi internazionali dedicati al mondo dell’alta efficienza energetica: lo Shell Eco Marathon, creata dal

Progetto “LaCittàXlaCittà”: il 28 gennaio “Nuova Acropoli” e i cittadini riqualificheranno Largo Pilo

Domenica 28 gennaio grazie all’associazione “Nuova Acropoli” ideatrice dell’idea, Largo Rosolino Pilo Dalle 9:00 alle 13:00, sarà oggetto delle cure di volontari e cittadini che vogliono essere parte attiva nella realizzazione di una Catania migliore, in questo caso, facendo un’area verde della nostra città. I lavori di manutenzione straordinaria previsti sono: la pulizia ecologica dell’area, la pitturazione delle recinzioni,

Login Digitrend s.r.l