mercoledì - 26 giugno 2019

Risposta aperta ad un vigliacco che si crede furbo: non è questa la strada!

Se proprio non avete il coraggio di metterci la faccia, almeno non pretendete di poter insultare chi lo fa! Questa domenica volevamo aprire con un augurio agli amici del quotidiano “La Sicilia” che inaugurano proprio oggi il nuovo formato tabloid e speriamo di cuore possa aiutarli a superare il difficile momento. Lo faremo a seguire

Salutiamo con rispetto Marco Avolio, persona perbene

Ci stringiamo alla famiglia, con tutta la Città che lo stimava e voleva bene, con un particolare pensiero alla figlia Giulia ed ai fratelli Enzo ed Ester. 

Guasto alla discarica Sicula Trasporti: è emergenza rifiuti per 250 comuni siciliani

Se un guasto ad un impianto di pre-trattamento rifiuti di una discarica provoca quello che sta accadendo a più della metà dei comuni siciliani, è di tutta evidenza che si tratta di un sistema che non funziona. E si annuncia l’ennesima estate drammatica. Ma nonostante tutto quello che accade, nessuno riesce a trovare una soluzione:

Ordine degli avvocati: bomba della Corte Costituzionale sulle elezioni

Ce ne siamo occupati, ovviamente, e anche stavolta i fatti dimostrano che le perplessità di cui davamo conto erano più che fondate. Anzi, in questo caso arriva il suggello niente meno che della Corte Costituzionale che ha sancito che il divieto di terzo mandato per i consiglieri dell’Ordine degli Avvocati prescritto dalla legge è pienamente

Appello al sindaco di Catania: si assegnino i beni confiscati alla mafia

È comprensibile che in una fase di drammatico dissesto finanziario le priorità possano apparire di altra natura, ma ci sono provvedimenti che, compiuti od omessi, hanno un enorme valenza simbolica e bisogna tenerne conto. Negli ultimi anni la procura etnea e le forze dell’ordine, soprattutto quelle specializzate nell’aggressione ai patrimoni illeciti come la DIA e

Rifiuti e deliri: durissima replica dell’assessore Cantarella all’ex sindaco Bianco un pò smemorato

In effetti, quando a Catania si usa l’espressione “le scippa dalle mani” rende bene l’idea. Negli ultimi giorni l’ex sindaco Bianco sembra proprio essere entrato in un grave stato di confusione spazio-temporale, forse anche scusabile in considerazione degli ormai 68 anni e dello sbalzo termico troppo repentino: ma quando è troppo è troppo. Prima l’ostentato giubilo

Si è spenta Maria Iannizzotto Berretta ma i familiari ringraziano l’ospedale Garibaldi

Incontro il figlio Vito per caso, non ci vedevamo da vent’anni: “Ti leggo sempre, ho cercato il tuo numero perché volevo segnalare al tuo giornale un caso di “buona sanità”, mi dice. “Ma certo Vito, perché no, è una notizia”. Poi nella serata di ieri mi manda un messaggio, la mamma è spirata: “Ma la

Fabio Tracuzzi festeggia il suo compleanno presentando il 65° Festival Internazionale del Cinema di Taormina: auguri a tutti e due

Tutto sommato questo è il bello di un giornale come Sudpress: la possibilità di dare le notizie come ci pare, spesso in maniera “alternativa”. Qui la notizia di interesse pubblico è che oggi 13 giugno alle 11 presso il Metropole di Taormina si terrà la conferenza stampa del 65° Festival Internazionale del Cinema finalmente rilanciato

La desolazione del Teatro Bellini chiuso causa gestione inadeguata e Regione irresponsabile

Non c’è nulla da commentare, lo abbiamo già fatto abbastanza. Basta il video. E mentre in tutti i Teatri del mondo civile si vive il fermento di stagioni estive che sono occasione di sviluppo turistico ed economico, da queste parti si arriva con una strafottenza insopportabile a tenerlo chiuso e con artisti e maestranze a

Liceo Musicale Bellini: beffa per i fornitori onesti che non partecipavano alle truffe

Quello che sta emergendo da alcune segnalazioni ricevute in redazione fa cadere le braccia. In molti ricorderanno l’enorme scandalo di oltre 14 milioni di euro sottratti da dipendenti infedeli all’Istituto Musicale Vincenzo Bellini di Catania anche con la complicità di alcune ditte fornitrici. Ora, mentre queste l’hanno praticamente fatta franca, ad andarci di mezzo quelle

Oggi a Catania il proconsole di Salvini in Sicilia Stefano Candiani. Che viene a fare, l’ennesima passerella?

C’è un solo tema in agenda per Catania in questi giorni: il dissesto e quanto accadrà con le scadenze del 30 giugno. Lo ripeteremo sino alla noia, per non assumerci la responsabilità di sentirci dire domani che non siamo stati sufficientemente chiari nel sostenere l’allarme lanciato dai vertici comunali: occorrono interventi legislativi e governativi immediati

A Catania 2 eventi internazionali. Alla stessa ora dello stesso giorno: ma sincronizzare le agende no?

Catania, nonostante la sua bellezza e la posizione strategica, è sempre più “provincia dell’Impero”, totalmente estranea ai circuiti internazionali del più redditizio turismo culturale. E una volta che si potrebbero accendere riflettori adeguati, ne organizzano due allo stesso orario dello stesso giorno: sabato 8 giugno ore 10.30. Al porto di Catania, molo di Levante il

Il Teatro Vittorio Emanuele di Messina si rilancia e riparte dai giovani con un super talent

Ci possono essere tutti i problemi possibili ed immaginabili, ma alla fine quello che fa la differenza è la capacità di trovare soluzioni alternative e magari innovative piuttosto che rimanere inermi ad attendere che arrivino soldi a pioggia che spesso vengono poi anche sprecati. Infatti, mentre alcuni non trovano di meglio che chiuderli i teatri,

Il dissesto, l’emendamento al “Decreto Crescita” e il ministro catanese Giulia Grillo desaparecida

Nel tardo pomeriggio di ieri due agenzie del sindaco Salvo Pogliese non solo hanno ribadito l’allarme per il precipitare della situazione in città, ma fissato anche la data da noi anticipata riprendendo l’intervento del vice sindaco Bonaccorsi in consiglio comunale: il 1 di luglio. Questa forca caudina potrebbe essere evitata con un emendamento che sospenda

Teatro Bellini: orchestra e coro pagati e lasciati a casa

È uno scandalo. Il sovrintendente Roberto Grossi, una delle tante eredità lasciate dalla gestione di Enzo Bianco, ha uno stipendio di 100 mila euro l’anno, anzi 99,999,96 per l’esattezza, giusto giusto 0,4 centesimi in meno del massimo previsto dalle normative per questi incarichi pubblici. E questo è il risultato: programmazione zero!

Governo regionale: Musumeci vuole un super tecnico ai Beni Culturali, conferma per Fratelli d’Italia al Turismo

Adesso è necessario non perdere altro tempo. Le attese dimissioni di Sandro Pappalardo, divenuto consigliere dell’ENIT, libera la casella dell’assessorato al Turismo e accelera la fine dell’interim di quello ai Beni Culturali rimasto scoperto ormai da oltre 3 mesi dopo la tragica scomparsa del archeologo Sebastiano Tusa. Due i nomi che svettano sugli altri: la

Centri sociali o centri illegali? Il caso del CSO AURO, cortile del ‘700 distrutto e trasformato in discoteca abusiva

Quella dei “centri sociali occupati” è un’antica tradizione figlia degli anni della contestazione ’68ina, in alcuni casi anche nobile, e stanno tornando all’attenzione pubblica dopo che una circolare governativa rivolta ai prefetti ne ha disposto il censimento e lo sgombero in tutt’Italia. Alcuni sono anche benemeriti, quello sorto nell’ex cinema Midulla a San Cristoforo, ad

Il vice sindaco Roberto Bonaccorsi lancia l’allarme: “Dal 30 giugno sarà disastro per Catania”

Per decidere di non occuparci della vicenda della telefonata farlocca che ha scatenato i 5Stelle e qualche polemica alquanto risibile, l’abbiamo ascoltata insieme ad alcuni passaggi delle sedute del consiglio comunale in cui vi si faceva riferimento o che ne erano all’origine. Tra questi ci è capitato di ascoltare un passaggio dell’intervento in aula del

Teatro Bellini: è scandalo mondiale per come il governo Musumeci lo sta ammazzando

È davvero incredibile quello che stanno combinando alla Regione, in ogni settore: non funziona niente, un’approssimazione insopportabile, assenza di strategia al limite della dabbenaggine e nel campo del Turismo e Spettacolo un disastro senza precedenti nonostante la straordinaria congiuntura favorevole. La vicenda del Teatro Massimo Vincenzo Bellini di Catania è poi l’apoteosi dell’inadeguatezza: artisti di

Bel segnale dal Prefetto Claudio Sammartino: il 2 giugno Festa della Repubblica al Fortino

Ci sono fasi nella storia di una comunità in cui simboli e metafore assumono un’importanza particolare e la scelta compiuta dal prefetto di Catania Claudio Sammartino di portare la Festa più importante della nazione, quella del 2 giugno che celebra la Repubblica italiana, in una delle zone più difficili della città ha in questo difficile

L’ex candidato sindaco Giovanni Grasso lascia i 5Stelle: “La città è distrutta, occorre un’opposizione ragionevole”

Se non è un terremoto poco ci manca, ancor di più se all’indomani della debacle europea del movimento che è stato utile ma probabilmente se non cambia registro ha già esaurito la propria ragione di esistere: ne riparleremo. Intanto a Catania accade un fatto che anticipa i temi di un disagio all’interno del movimento che

Teatro Bellini: tra “fondazione” e nuovo sovrintendente “naif” il governo Musumeci vuole ammazzarlo? Maestranze in rivolta

Rilanciano l’allarme i sindacati del Teatro Massimo Bellini di Catania che dopo le denunce delle scorse settimane sull’insipienza del governo regionale ora temono un colpo di mano che potrebbe dare il colpo di grazia ad un patrimonio ridotto all’asfissia. Mentre infatti l’attuale governance non riesce neanche a presentare i bilanci, sta per scadere il mandato

Europee, Emiliano Abramo: “Giù le mani da Bartolo!”

All’indomani dei risultati delle europee, mentre sono ancora incerte le conseguenze di un voto che conferma la netta separazione tra politicanza e paese reale, alcuni distinguo assumono rilevanza. Al momento il più forte ci è sembrato quello del leader siciliano della Comunità Sant’Egidio Emiliano Abramo, tra i primi sostenitori della candidatura del medico lampedusano Bartolo

Login Digitrend s.r.l