domenica - 22 luglio 2018

L’intervista esclusiva al Procuratore Aggiunto Sebastiano Ardita: “Difficile indagare sui potenti e la magistratura di oggi non è più la stessa”

A pochi giorni dalle elezioni del Consiglio Superiore della Magistratura di domenica 8 e lunedì 9 luglio, vi proponiamo l’intervista che il nostro direttore Michela Petrina ha realizzato con Sebastiano Ardita procuratore aggiunto a Catania e candidato nella categoria Pm, pubblicata sul nostro giornale cartaceo. Ardita, magistrato giovane ma di grande esperienza, che proprio nel

Tondo Gioeni: la fontana che non piace ai catanesi, i commenti negativi scatenano i social

Pensavamo che le due mega acquasantiere che campeggiano al centro del rosa marmoreo della nuovissima fontana monumentale del Tondo Gioeni, appena inaugurata dal sindaco Bianco, fossero il massimo dell’immaginazione kitsch partorita dalla creatività dell’architetto Mirone. Ma la firma del primo cittadino in calce al “monumento” questo no, davvero non ce lo aspettavamo

Appello per il piccolo Giuseppe, quando la meravigliosa solidarietà dei lettori riesce a cancellare tutto il resto…GRAZIE

Una corsa alla solidarietà di cui noi della redazione di Sudpress siamo compiaciuti ma soprattutto orgogliosi come uomini e cittadini. Ieri, dopo aver ricevuto una telefonata da una persona autorevole che ha chiesto aiuto al nostro giornale per lanciare un appello volto a sostenere un bimbo ricoverato nel nuovissimo reparto di rianimazione pediatrica dell’ospedale Garibaldi

Eusair, l’ultima sfilata di Bianco e ministri fuori tempo massimo a spese della città

Un’ennesima, inutile passerella quella che si appresta a vivere il nostro primo cittadino Enzo Bianco ormai agli sgoccioli, nel tentativo di far immaginare ai cittadini che chissà quale “ribalta internazionale” salverà Catania dal baratro in cui è caduta grazie ad un’Amministrazione che ha saputo solo fare immagine e chiacchiere senza realizzare neanche uno solo dei

LA STORIA

Valentina, la mamma ingegnere che ha fatto del bene ai bimbi malati: “Quella volta che Sant’Agata salvò una bimba”

Occhi azzurri profondi e un piglio forte da donna di ferro nonostante l’aspetto minuto e gentile. Valentina Russo, 38 anni, ha realizzato la nuovissima rianimazione pediatrica dell’ospedale Arnas Garibaldi appena inaugurata nel plesso di Nesima dall’assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza e dal direttore generale del nosocomio Giorgio Santonocito. Una direttrice dei lavori che ha

Bianco fa un “regalo” al futuro sindaco: una mostra su Dalì da 495mila euro

Quasi 500mila euro oltre Iva. Tanto varrebbe, secondo gli organizzatori, la nuova mostra “Io Dalì”, sempre “a cura di…” che l’Amministrazione Bianco ha deciso di realizzare al Castello Ursino per il mese di ottobre, fino a gennaio 2019, dedicata all’artista spagnolo Salvador Dalì. Ma il sindaco evidentemente dimentica, o forse è davvero troppo ottimista, che il

Comunali: la Lega sceglie Pogliese, il neocoordinatore Candiani “ritiro di Attaguile non è merce di scambio”

E alla fine accordo fu! Salvo Pogliese sarà il candidato ufficiale anche della Lega. Candidato e leader nazionale leghista Matteo Salvini, colleghi all’europarlamento, si sono incontrati questa mattina e si sono stretti la mano. Nello scarnissimo comunicato inviato dal comitato elettorale di Pogliese si sottolinea la soddisfazione del candidato del centrodestra e “l’assoluta sintonia sul programma amministrativo

E quattro! Maxi gara rifiuti ancora deserta, ormai è sfida alla Giustizia

I registi di fantasy americani o forse meglio ancora i giallisti alla Agatha Christie non avrebbero potuto immaginare un copione migliore di quello che si è tristemente ripetuto al Comune di Catania. La gara settennale da 350 milioni di euro per la raccolta dei rifiuti e lo spazzamento delle strade è andata deserta per la quarta

Caos al Comune, Bianco chiede rinvio audizione alla Corte dei Conti mentre incombe il dissesto

Un posticipo di una ventina di giorni, dal 17 aprile al 4 maggio su richiesta del primo cittadino, forse per prendere tempo e uscire dall’impasse in cui si trova l’Amministrazione comunale nel preparare le risposte ai puntuali quanto pesantissimi rilievi che la Sezione Controllo della Corte dei Conti ha mosso nei confronti del piano di riequilibrio finanziario ma anche del

Caos rifiuti: i lavoratori Seneco in protesta bloccano i camion, Catania sempre più sommersa dalla spazzatura

Da qualche ora gli operai della Sen.Eco., il raggruppamento di imprese che gestisce il 75% della raccolta dei rifiuti in città, compreso lo spazzamento delle strade, sono riuniti in sit-in davanti ai cancelli dei due autoparchi comunali di Pantano d’Arci impedendo ai mezzi della Nettezza Urbana di uscire per il servizio di raccolta dell’immondizia. Il

Bianco e la rotazione dei dipendenti comunali: Arcidiacono “funzionari lì da 20 anni”. Ecco chi sono

“L’amministrazione ha ritenuto di applicare la rotazione dei dipendenti che avevano svolto un servizio abbastanza lungo in quel settore”. Così il sindaco Enzo Bianco, in un comunicato inviato la settimana scorsa, “giustificava” l’ordine di rimuovere la funzionaria della direzione comunale Ecologia Luisa Balsamo, dato a Salvatore Cocina nella durissima telefonata pubblicata anche da Sudpress tra

Rifiuti: la sfacciataggine della Ecocar e la piccata replica a Sudpress, “la città è sporca? Colpa dei cittadini”

Che in città la raccolta dei rifiuti lasciasse molto a desiderare ce ne eravamo accorti in molti e Sudpress in quest’ultimo anno lo ha documentato continuamente, con servizi pubblicati almeno una volta a settimana. Sacchetti lasciati qui e lì, piccole discariche nate in piano centro, rifiuti di ogni genere, e purtroppo non più soltanto cartacce

Regali, assunzioni, vacanze: i comunali al soldo dei re dei rifiuti. Il procuratore “Siamo solo all’inizio”

Spregiudicatezza, arroganza oltre che una buona dose di dilettantismo e forse di “sicurezza dell’impunibilità”. Persino i consigli dell’Anac, l’Autorità Anticorruzione, sono stati disattesi dall’Amministrazione comunale. E’ un quadro loschissimo e desolante quello che i magistrati della Procura etnea con a capo Carmelo Zuccaro dipingono del sistema di corruttela al Comune di Catania, venuto fuori dall’indagine della Dia

Amministrative Catania, il neocandidato sindaco Pogliese a Sudpress: “E’ una scelta d’amore e voglio sfidare Bianco”

Lo aveva annunciato il partito di Forza Italia la sera prima con un comunicato anche se la notizia circolava già da tempo e Sudpress aveva informato i suoi lettori in anteprima: l’europarlamentare Salvo Pogliese si candida a sindaco di Catania. L’ufficializzazione ha spiazzato tutti perché è giunta ancor prima delle elezioni politiche di domenica, contrariamente alle aspettative. Pogliese ha voluto

Pogliese verso Palazzo degli Elefanti, l’ufficializzazione dopo le politiche

Il coordinatore provinciale di Forza Italia ed europarlamentare Salvo Pogliese avrebbe già sciolto la riserva anche se non c’è ancora nulla di ufficiale: sarà il candidato sindaco del centrodestra nella corsa a Palazzo degli Elefanti. Fonti a lui molto vicine non confermano ma neanche smentiscono e a denti stretti ammettono che la notizia è concreta. A

Processo “canili lager”: l’amministrazione Bianco parte civile ma affida i cani sempre a loro

“Il sindaco Enzo Bianco ha dato mandato all’avvocatura comunale di costituirsi parte civile per conto del Comune di Catania nel procedimento penale riguardante la vicenda dei canili lager  nel quale sono imputati il gestore dei Canili Nova Entra di San Giovanni Galermo e Adrano, due veterinari Asp e due funzionari del Comune di Catania che

Comunali 2018, Salvo Pogliese candidato sindaco? Lui a Sudpress “sarebbe il sogno della mia vita”

“Rifletterò in maniera molto articolata insieme al mio partito e all’intera coalizione e a breve scioglieremo la riserva. E’ chiaro che per me sarebbe una gioia infinita diventare sindaco e una strada qualificante lungo il mio percorso”, afferma al nostro giornale Pogliese. “Abramo? Una candidatura rispettabile ma lontana dal centrodestra” GUARDA LA VIDEOINTERVISTA

E tre! Dall’Mpa a Noi con l’Italia passando per Bianco e Forza Italia, Alessandro Porto cambia ancora

Nella confusione di facce note e meno note, tra big scesi all’ombra del Vulcano e dejà vu della campagna elettorale, una menzione a parte merita Alessandro Porto che in questi ultimi mesi ci ha abituati a rapidi “cambi di casacca”. Dopo essere stato per anni paladino dell’Mpa di Raffaele Lombardo, negli ultimi quattro anni era

Ma questi sono proprio animali!

Uno scempio senza limiti colpisce una delle piazze più belle del barocco catanese e stavolta non sono i soliti manifesti elettorali affissi selvaggiamente in giro per la città a compierlo. Si tratta nientemeno che del programma della festa di Sant’Agata -appena presentato alla città dal sindaco Bianco, dal presidente del comitato dei festeggiamenti Francesco Marano, consulente

Rifiuti e arresti. La dirigente licenziata da Bianco “Io a processo a causa di un soggetto che ora è in galera”

Un vero e proprio “anello di collegamento tra gli imprenditori, la criminalità organizzata e la pubblica amministrazione. La sua posizione all’interno del clan era -scrivono gli inquirenti nell’ordinanza firmata dal Gip- di primaria importanza, in quanto dalla sua azione derivavano consistenti introiti per il clan e per i suoi affiliati, legati all’aggiudicazione ed alla esecuzione

Giordana uccisa dall’ex, parla mamma Vera “la violenza è come il cancro, bisogna fermarla in tempo”

Una ragazza gioiosa che amava la danza e la vita dalla quale è stata strappata troppo giovane, ad appena 20 anni e con una figlia di soli quattro. Giordana Di Stefano, assassinata dall’ex compagno Luca Priolo due anni fa davanti casa, in macchina, dove l’uomo condannato a 30 anni col rito abbreviato, si era introdotto

Patto per Catania: fine della cabina di regia, Cgil, Cisl e Uil si svegliano dopo articolo di Sudpress

Sembrerebbe ancora una volta assurdo e ormai c’è da divertirsi per evitare di piangere. Ai pochissimi sostenitori del sindaco Bianco che con fatica enorme tentano di rimanere ancorati alle poltrone negli ultimi mesi a disposizione di questa disastrosa amministrazione comunale, non vorremmo ancora una volta dire “ve l’avevamo detto!”, ma purtroppo non possiamo farne a meno

Musumeci chiude al 40%, “vorrei gioire ma non posso” dice in conferenza. “Resterò solo cinque anni”

Con il 39,84% di preferenze, oltre il 5% in più rispetto al diretto concorrente Giancarlo Cancelleri (34,65%), Nello Musumeci è il nuovo presidente della Regione. Stanco ma felice, il neogovernatore siciliano si presenta al comitato elettorale catanese intorno alle 19.30 prima di partire alla volta di Palermo. Dieci minuti di dichiarazione molto pacata, per via

Login Digitrend s.r.l