Sono state individuate e fermate dai Carabinieri del Comando Provinciale di Catania, sedici persone, 6 in carcere e 10 agli arresti domiciliari, ritenute responsabili a vario titolo, di concorso in detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e di una serie di furti aggravati ai danni di attività commerciali e di civili abitazioni. Gli investigatori hanno documentato infatti l’ingente volume di affari illegali del gruppo criminale

L’indagine ha portato alla luce anche il sistema di gestione dell’attività di spaccio di cocaina e marijuana, ed ha permesso di acquisire gli elementi di prova relativi alla realizzazione dei furti nelle abitazioni e attività commerciali.

Questo ed altro hanno appurato gli oltre cento Carabinieri, insieme ad unità specializzate, la Compagnia Intervento Operativo del XII Reggimento “Sicilia” e il Nucleo Elicotteri di Catania, che hanno eseguito nella provincia di Catania e in un altra parte d’Italia insieme ai Carabinieri di Vizzini e di Milano Porta Genova, un provvedimento restrittivo emesso dal G.I.P. del Tribunale di Caltagirone.

Le persone fermate sono residenti a Grammichele, Caltagirone, Vizzini e Milano. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica calatina, sono iniziate a seguito dell’operazione “Dalton”, condotta dal Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Caltagirone tra il mese di settembre 2015 ed il mese di maggio 2016per combattere la crescente recrudescenza di fenomeni delittuosi particolarmente gravi, e hanno consentito di ricostruire l’organigramma del sodalizio malavitoso, così come di individuarne capi e gregari.

Grazie ad attività tecniche, dinamiche e di osservazione, è stato possibile individuare i responsabili di un tentato furto ad un bar di Caltagirone nonché risalire agli autori di un furto in abitazione e di un tentato furto di una colonnina “self-service” di un distributore di carburante di Grammichele.

Diverse sono invece le ipotesi contestate di detenzione e spaccio di marijuana, hashish e cocaina nei comuni di Grammichele, Vizzini, Palagonia e Caltagirone, attraverso le quali è stato possibile definire la struttura ed i ruoli dei membri nell’ambito del gruppo malavitoso.

L’attività investigativa ha consentito anche di eseguire:

  • un fermo di indiziato di delitto a carico di 4 soggetti ritenuti responsabili di ricettazione e rapina ai danni di un anziano nell’agro di Licodia Eubea;
  • un arresto in flagranza per furto aggravato di materiale edile all’interno di un’abitazione in Grammichele;
  • un fermo di indiziato di delitto a carico di 5 soggetti intenti a pianificare un omicidio nel comune di Grammichele per frizioni legate alla gestione delle attività di spaccio;
  • un ulteriore provvedimento restrittivo a carico di tre soggetti per una rapina pluriaggravata ai danni di una coppia di anziani coniugi di Grammichele.