È entrata nel vivo la terza edizione della rassegna d’arte diffusa WonderTime che quest’anno riesce letteralmente a “mettere radici” con una operazione che ha riportato nella piazza dell’antico borgo marinaro della Civita, largo 17 agosto, nientemeno che lo storico “Peri d’Alivu”, il mitico albero sotto il quale Nino Martoglio scriveva e declamava le sue opere. Ritorno reso possibile grazie alla ormai nota vision di WonderTime ed alla disponibilità dei gestori del bistrot Vecchio Bastione. Una piccola storia da raccontare.

Per l’edizione 2019 il comitato promotore di WT ha deciso di “adottare” il suggestivo quartiere della Civita.

Al suo centro uno dei suoi posti più suggestivi è una piccola piazzetta, meravigliosamente restaurata una ventina di anni fa: “largo 17 agosto”, una data storica che segna la fine dell’Operazione Husky del 1943, in pratica la fine della seconda guerra mondiale con l’arrivo degli alleati americani dopo i terribili bombardamenti che proprio quella zona colpirono tanto da farla definire “U chianu da bumma”.

Un luogo stupefacente, che ammettiamo non conoscere prima. In qualche parte vandalizzato, WonderTime ha ripristinato i cestini porta rifiuti vandalizzati e ripiantato alcuni alberelli che erano stati espiantati, l’amministrazione comunale si è impegnata a ripulire rapidamente le facciate deturpate dalle solite scritte idiote.

Durante uno dei sopralluoghi con Rossella Pezzino de Geronimo e Daniela Arionte da alcuni “civitoti” ci è stato indicato un angolo della piazzeta: “Qua prima c’era u peri d’alivu, unni Martoglio scriveva i so poesie, u scippano, peccato.”

Ci siamo fatti spiegare bene la storia e ci è subito venuta l’idea: “Lo rimettiamo?”.

Tra il dire e il fare…

Rapida telefonata al comune con il Capo di Gabinetto super operativo Giuseppe Ferraro che ci fissa un appuntamento sul luogo.

“Si può fare?”, “Per l’amministrazione nessun problema, anzi. Però dovete parlare con i gestori del ristorante, gli toglierà un bel pò di spazio.”

Vero, la cosa si complica.

L’indomani andiamo a proporre la folle idea. Ci guardano un pò straniti.

“Ma quanto è grande?”, fanno qualche calcolo: “Cavolo, saltano tre tavoli!”

Ci sfiduciamo, non ce lo fanno fare.

Si consultano: “È un sacrificio, però è una cosa bella riportare l’Ulivo di Nino Martoglio, è un grande simbolo, ci stiamo.”

Non è stata un’operazione semplicissima, ma uno staff di prim’ordine si è messo in moto e in men che non si dica, disturbando il meno possibile, l'”operazione ulivo” è partita.

Il signor Politi ha attivato la sua squadra per il delicato scasso della pietra lavica, il signor Alì ha individuato la pianta nei vivai Sapienza di Mascalucia e siamo andati a prenderla, piantata e poi rifinitura finale con un’elegante seduta che accoglierà i prossimi ospiti di questo bistrot nel cuore di Catania che serve un ottima pizza e fantastico pesce in un luogo di una suggestione unica.

Rossella lo immagina già come un fantastico “speaking corner”, dove bere una birra mentre si dibatte, recita o ascolta musica all’ombra del mitico ulivo di Nino…lei va sempre oltre, vedremo.

Durante le operazioni di posa dell’albero la curiosità degli abitanti si è fatta sentire con ammirazione: “Ma puttastiru u peri d’alivu? Ma ppi ddavero?” “E già, anche questo è WonderTime, dobbiamo mettere radici alla voglia di vivere la nostra meravigliosa Catania…”

Lo inaugureremo giorno 20 luglio con una festa che vedrà protagonisti Francesca Ferro con Melo Zuccaro, storico cantastorie della Civita che racconterà la magia di quel borgo antico, il cuore di Catania.

E siccome il concept di WT vuole essere utile anche a stimolare e supportare l’economia ed il lavoro della nostra comunità, intanto, a chi ama la buona cucina e i luoghi suggestivi, consigliamo di cuore questo coraggioso ed elegante bistrot:  via del Vecchio Bastione 27 per prenotazioni 095 442732.

Dite che vi manda WonderTime e poi fateci sapere.