martedì - 25 giugno 2019

Sgominata piazza di spaccio da 11.000 euro al giorno: tra gli arrestati anche minorenni

L’operazione “Stella Cadente”, condotta abilmente dai Carabinieri di Catania, ben 150 militari, ha portato agli arresti di molte persone, tra cui tre minorenni, per traffico e spaccio di stupefacenti

Operazione “Bivio” a San Cristoforo contro piazze di spaccio: i Carabinieri arrestano 27 persone

Un vero e proprio quadrilatero della droga, quello compreso tra via Trovatelli, via Alogna, Via della Concordia e via del Principe, che insieme ad altre stradine limitrofe come via Trovato, rappresentavano il “bivio“dello spaccio catanese, da qui il nome dell’operazione dei Carabinieri, che hanno arrestato 27 persone, tra cui anche i gestori delle piazze di

5 milioni di beni sequestrati ai Morabito, legati al clan Santapaola-Ercolano

Una stalla con terreno e sette fabbricati a Picanello e e altri due a Mascali; una tabaccheria e una sala giochi nel quartiere; una società che si occupava di pesca e nove beni mobili registrati, oltre a numerosi rapporti bancari e postali: sono questi i beni sequestrati dalla Direzione Investigativa Antimafia, su disposizione della Procura etnea, nel popoloso quartiere

Sigilli al ristorante Pitti, Alfano: “Non ho partecipato all’inaugurazione, notizia falsa già smentita in passato”

Così il ministro dell’Interno in merito a quanto riportato oggi da alcuni organi di informazione, secondo cui il titolare del Viminale nel settembre dell’anno scorso avrebbe partecipato a Catania all’inaugurazione del ristorante sequestrato ieri nell’ambito di un’operazione antimafia. “Valuteremo azioni legali risalendo a chi ha per primo dato la notizia e a chi l’ha diffusa”

Catania, sigilli al ristorante Pitti: “E’ riconducibile al clan Santapaola”

Operazione della Squadra mobile che su disposizione del Gip del Tribunale di Catania ha sequestrato la società San Giuliano srl riconducibile a Salvatore Caruso, arrestato nell’operazione “Bulldog” per associazione per delinquere di stampo mafioso. Il Pitti, uno dei beni aziendali della San Giuliano era intestato a  Gianluca Silvestro Giordano, compagno di Melinda Caruso, figlia di Salvatore. Il

Mafia, Dia confisca beni per 500 mila euro ad affiliato clan Santapaola

Provvedimento della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Catania nei confronti di Roberto Morabito, 49 anni, contiguo al clan Santapaola del gruppo di Picanello, condannato in via definitiva per tentato omicidio

Un arsenale nell’ascensore: le armi dei Nizza per gli “affari” di viale Moncada

Armi e droga lungo l’asse Librino-San Cristoforo. L’operazione Carthagho dei carabinieri ha smantellato, sotto il coordinamento del procuratore Carmelo Zuccaro, un business da 80mila euro al giorno. E’ il pentito Fabrizio Nizza, fratello del giovanissimo capomafia latitante Andrea, a raccontare “una vicenda di armi” del gruppo reggente Librino. di Serena Di Stefano & S.S.

Mafia: sgominato gruppo Nizza del clan Santapaola grazie alle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia

Il ruolo degli indagati all’interno del gruppo Nizza del clan Santapaola è stato svelato dalle dichiarazioni dei pentiti Davide Seminara, Fabrizio Nizza e Salvatore Cristaudo

Le piazze di spaccio fruttavano 80mila euro al giorno: gli affari d’oro dei Nizza

Il gruppo Nizza negli ultimi anni è riuscito a creare un vero e proprio “cartello” della droga con il monopolio delle piazze di spaccio nei quartieri di Librino, San Giovanni Galermo e San Cristoforo e, grazie ai cospicui profitti ricavati, ha acquisito un notevole peso all’interno del clan Santapaola. I proventi giornalieri del sodalizio si aggiravano intorno agli

Imponevano il pizzo a una commerciante: arrestati due esponenti del clan Santapaola

Da quasi due taglieggiavano una commerciante di Mascalucia imponendo il pagamento del “pizzo”. Con l’accusa di estorsione con l’aggravante del metodo mafioso, i carabinieri del comando provinciale di Catania hanno arrestato il 55enne Alfio Carciotto ed il 29enne Fabio Cantone, entrambi catanesi (VIDEO)

Mafia, arriva la condanna definitiva: arrestati 2 esponenti clan Brunetto

In manette Attilio Amante e Rosario Argiri Carrubba, per associazione di stampo mafioso ed estorsione. Il provvedimento rappresenta l’epilogo dell’operazione “Little Brown” eseguita dalla Guardia di finanza di Catania nel gennaio 2008

Scontro tra clan, nuovi equilibri e tendenza a “farsi impresa”: la fotografia della mafia catanese

La crisi della famiglia storica dei Santapaola, l’emersione di nuovi gruppi criminali, uno scontro al vertice della struttura mafiosa in provincia e la sempre più forte veste imprenditoriale di Cosa Nostra. Sono questi gli argomenti riservati alla trattazione dell’analisi della mafia catanese, effettuata nella relazione annuale della Dna

Mafia e calcio. [[Estorsioni e minacce per il logo dell’Acireale

Come è possibile leggere dagli atti della Procura riferiti alla maxi-operazione “Caronte”, la longa manus della mafia si estende anche all’interno delle società calcistiche locali. Al centro della vicenda la vendita del logo dell’Acireale Calcio 1946 s.r.l.,posseduto da Santo Massimino, vicino alla famiglia di Santapaola – Ercolano, lo stesso Vincenzo Ercolano e l’imprenditore Salvatore Palella

Collaborava con Santapaola- Ercolano: condannato a 12 anni di reclusione

Metteva a disposizione delle famiglie mafiose la sua attività imprenditoriale. Confiscati beni per 10 milioni di euro

PROSEGUE IL PROCESSO IBLIS

  Sentito l’imprenditore, costituitosi parte civile, Antoine Ardu e due imputati che patteggiarono la pena per intestazione fittizia di beni Deposizioni poco lineari, accesi controesami  e imputati che reclamano la parola per interrogare i propri accusatori, sono questi i motivi conduttori che hanno caratterizzato l’ultima udienza del processo Iblis sui presunti rapporti tra mafia, imprenditori

«I MEDIA CI AVEVANO GIÀ CONDANNATO»

    Si conclude con la sentenza di assoluzione “perché il fatto non sussiste” il processo sulle presunte infiltrazioni di Cosa Nostra nella festa  religiosa di Sant’Agata. Presente in aula l'ex Presidente del Circolo  Cittadino di Sant'Agata. Visibilmente commosso ha commentato l'esito come "una liberazione, anche se i media ci avevano già condannato" Dopo  quattro

CONVIVERE TRATTANDO

    L’affare “Tenutella”, l’intervento dei politici per sbloccare i lavori e gli imprenditori che da vittime diventano partner economici di Cosa Nostra Il contributo del pentito Santo La Causa si sta dimostrando utile alla magistrature per togliere il velo su omicidi e dinamiche di comando delle famiglie catanese. Ad essere svelate sono però anche le

LA CAUSA RACCONTA LA MORTE DI SANTAPAOLA E SEDICI

  Lo sconvolgente racconto al processo “Iblis” del pentito. I particolari della morte del boss Angelo Santapaola, cugino di Nitto, e del suo guardia spalle Nicola Sedici Catania – Santo La Causa, l’ultimo dei pentiti eccellenti di Cosa Nostra, entra con la sua sconvolgente versione nel processo “Iblis” per il duplice omicidio di Angelo Santapaola

IBLIS: PARLA “L’IDEATORE” DELLA TENUTELLA

L'imprenditore Pietro Orlando racconta i dettagli dell'affare riguardante la costruzione del centro commerciale. Il coinvolgimento degli imprenditori Ragusa e D'Urso e il contrasto emerso con l'Ira Costruzioni  CATANIA –Si è definito “l’artefice” di quello che a distanza di anni sarebbe diventato l’ennesimo centro commerciale della provincia di Catania. Il suo nome è Pietro Orlando ma

IBLIS: I POLITICI

Nella prima sentenza del processo Iblis arriva il verdetto anche per tre esponenti politici che hanno scelto il rito abbreviato. Si tratta del deputato regionale Giovanni Cristaudo che è stato assolto, l’ex consigliere provinciale della Provincia Regionale di Catania Antonino Sangiorgi condannato a 10 anni di carcere e il consigliere comunale di Ramacca Franco Ilardi condannato a 8 anni
Dario De Luca

IBLIS: LE SENTENZE

Si conclude il primo grado di giudizio della maxi operazione Iblis L’indagine che dal 2010 ha tra i protagonisti più illustri l’ex Presidente della Regione Raffaele Lombardo. Al vaglio la posizione di 27 imputati del rito abbreviato. La sentenza del gup Santino Mirabella nell’aula bunker di Bicocca. Assolto il deputato Giovanni Cristaudo. Per gli altri oltre un secolo di carcere
Dario De Luca

MASSIMO il Guercio: Paladino al Civico, non vede il Cannizzaro e l’ASP di Catania

Mentre moralizza la Sanità palermitana mandando a casa gli uomini di Gianfranco Miccichè, Massimo Russo si dimentica del Cannizzaro di Catania. Eppure è l’Ospedale dei fratelli Lombardo, dove cinque giorni dopo la notizia (poi smentita) del possibile arresto del presidente, è stata fabbricata una diagnosi di aneurisma all’aorta, oggi oggetto delle attenzioni dell’Antimafia e della

L’odore dei SOLDI SONDAGGIO DI SUD: Chinnici e Russo DEVONO DIMETTERSI!

Vincenzo Aiello, capo di Cosa Nostra catanese, viene intercettato mentre comunica agli affiliati che la famiglia ha destinato i soldi del pizzo alla campagna elettorale di Raffaele Lombardo. La magistratura fa le sue verifiche ma in molti fingono di non vedere e non sentire: è questa la mentalità mafiosa che attraversa la politica siciliana, e

Login Digitrend s.r.l