sabato - 21 settembre 2019

“Al Principe Umberto di Catania se ne fregano degli studenti”

La scuola è il primo esempio di società che i ragazzi vivono, il primo confronto col mondo vero. Per quanto sempre mediato e filtrato, lì non ci sono i genitori a difenderli e hanno quotidianamente a che fare con autorità, obblighi e responsabilità. A scuola dovrebbero imparare il rispetto per le leggi e per gli

Protesta Cattedrale: “Non abbiamo mai lasciato il Duomo, la nostra lotta continua”

Alcuni dei disagiati dei quartieri Librino, Pigno e San Giorgio, nonostante lo sgombero della maggior parte di loro avvenuto ieri con l’aiuto della Caritas, ancora sono in Cattedrale: “Non vogliamo ostacolare i festeggiamenti per la festa di Sant’Agata- dichiara Aurora, uno dei volti simbolo della manifestazione-. Molti di noi adesso dormono nella sagrestia della vicina chiesa di Sant’Anna

Protesta in Cattedrale: “vogliono portarci via i bambini, perché il sindaco rifiuta l’incontro?”

La protesta dei disperati dei quartieri Librino, Pigno e San Giorgio sta prendendo una piega drammatica. Stamattina gli agenti della Digos di Catania hanno rimosso gli striscioni simbolo della lotta delle diciotto famiglie perché “intaccano” il decoro della città. Nel frattempo, due assistenti sociali hanno proposto a una giovane mamma di abbandonare la chiesa e trasferirsi in

Protesta al Duomo: “Perché sono tra i disagiati della Cattedrale”. Parla Desy, giovane mamma coraggio

Desy è una giovane mamma, tra i disagiati della cattedrale che prima dell’occupazione viveva a casa della suocera con altre 11 persone. Attualmente Desy ha dovuto momentaneamente lasciare i compagni di “protesta” per andare al reparto pneumologia del Policlinico ad assistere la sua bimba gravemente malata. L’Amministrazione Bianco si dice disponibile a trovare una soluzione di emergenza

Mattarella a Librino ma i “disperati” restano in Cattedrale e rispondono a Bianco: “l’unico ad averci manipolato è stato lui”

Domani ci sarà la visita del presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Librino. Il presidente forse non andrà a Palazzo degli Elefanti, chissà, probabilmente per non fargli vedere che mentre lui viene portato in trionfo nel popoloso quartiere catanese, alcune famiglie disperate, 18 per l’esattezza, proprio di Librino, Pigno e San Giorgio da mesi dormono in Cattedrale

Caos alla Mario Rapisardi: primo giorno di scuola tra proteste e polemiche

Alcuni genitori delle classi quinte non hanno fatto entrare a scuola i loro figli per protestare contro il modo di agire della dirigente scolastica Rosaria Maltese. La mancanza di comunicazione con le famiglie e le difficoltà logistiche che comporterebbe il trasferimento di alcune classi alla Carducci, per motivi di sicurezza, sono i punti fortemente attaccati

Caos Amt: sciopero e sit in di protesta bloccano la città per quattro ore

E alla fine sciopero fu! Inevitabile. I sindacati dei lavoratori dell’Amt, in particolare Fast Confsal e Faisa Cisal, dichiarano guerra ai vertici e al Comune nel modo più fragoroso possibile: interrompendo il servizio con relativo sit in di protesta contro il sindaco e una leadership aziendale cieca e con le mani legate. Intanto da Palazzo degli

Scuola e vigili del fuoco in piazza contro la legge 107

L’assistenza igenico-sanitaria, l’eliminazione delle ore di sostegno, la situazione disastrosa dell scuole, la riduzione dei finanziamenti e il precariato: ecco le criticità del mondo della scuola che non possono più essere taciute. Insegnanti, genitori di studenti disabili e vigili del fuoco di Catania avevano più di una motivazione per scendere in piazza oggi tutti insieme

Ospedale di Giarre: contro la chiusura non si placa la protesta e i sindaci fanno sentire la loro voce

Dopo la presentazione del piano di riorganizzazione della rete ospedaliera siciliana da parte dell’assessore alla sanità, Baldo Guicciardi, non si placano le polemiche sulla chiusura dell’ospedale di Giarre. I sindaci non ci stanno e hanno deciso di agire di conseguenza, ma l’azione intrapresa rappresenta solo l’inizio.

Residenti reclusi in casa, protesta a San Giovanni Li Cuti

Pubblichiamo una lettera sottoscritta da alcuni residenti della zona del catanese che hanno evidenziato una disastrosa organizzazione del lungomare liberato e di una gara podistica

Vigili del Fuoco in agitazione: “Lavoriamo in condizioni disastrose”

I Vigili del Fuoco di Catania sono sul piede di guerra e minacciano lo sciopero. Tutte le sedi di servizio della provincia di Catania, da quella centrale di via Cesare Beccaria alla sede di Fontanarossa, passando per quelle della zona industriale (Catania Sud), quella di San Giovanni Galermo (Catania Nord) ai distaccamenti diciamo “minori” come

Bloccata per protesta l’attività del Centro per l’Impiego di Catania

L’iniziativa è stata promossa dal coordinamento “Generazione Ingovernabile” contro le politiche del lavoro del Governo Renzi. Prossima tappa la manifestazione di venerdì prossimo, giorno 21. Il corteo partirà da piazza Roma alle 9.

Amt, terzo sciopero. Per 24 ore si fermano i pochi autobus in circolazione

Continua il “disastro Amt”. Ancora una volta lavoratori e sindacati autonomi Fast Confsal e Faisa Cisal si sono riuniti per manifestare il disagio della loro condizione. “Abbiamo un management aziendale azzerato. Non sappiamo con chi trattare”, sostiene nel corso del sit-in Giuseppe Cottone della Fast Confsal

Antico Corso, striscioni appesi nella notte: “La giunta Bianco dimentica il rione”

Due striscioni campeggiano in altrettanti luoghi del popolare rione catanese: l’ Istituto Diaz-Manzoni e l’Ospedale Vittorio Emanuele. L’iniziativa è del Centro Sociale Liotru che denuncia “la cattiva amministrazione del sindaco Enzo Bianco in due punti fondamentali per il quartiere, che sono stati dimenticati” dalla Giunta

Lavoratori Multiservizi in protesta per 13 giorni di ritardo sui pagamenti

Protesta questa mattina in piazza Università contro i continui ritardi nel pagamento degli stipendi ed anche della tredicesima e quattordicesima. Il rappresentante sindacale della Snav Confisal, Giuseppe Germanò, dichiara: “I continui ritardi causano considerevoli disagi alle famiglie di più di 500 lavoratori”

Senza stipendio di giugno e quattordicesima: stato di agitazione alla Multiservizi

  Non hanno percepito lo stipendio di giugno e con esso non è arrivato neanche il pagamento della quattordicesima. Per questo motivo la UIL FPL ha proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori della Multiservizi che, comunque, hanno assicurato che non si asterranno dal servizio

Lavoratori Myrmex in protesta: la Cgil dice no allo smantellamento dell’azienda

Chiuderà definitivamente i battenti a febbraio, ma oggi 15 ex dipendenti avrebbero dovuto iniziare un progetto di ricerca dentro i laboratori dello stabilimento Iom – Istituto Oncologico del Mediterraneo

Mercatone Uno, i dipendenti protestano in Prefettura

 di Simone Camurri Sit-in di protesta stamane di fronte gli uffici della prefettura di Catania, da parte dei dipendenti del punto vendita Mercatone Uno di Misterbianco. Il fine è quello di far chiarezza su una situazione incerta e piena di incognite, che rischia di lasciare a casa parecchi lavoratori del noto megastore. Intervenuti sul posto, oltre

Almaviva, politici vicino ai lavoratori

Dopo la protesta da parte degli operatori del call center Almaviva, alcuni politici hanno mostrato il loro appoggio nei confronti dei lavoratori che rischiano di perdere la loro occupazione

Anci Sicilia: contro i tagli agli enti locali, consigli comunali in tutta l’isola

Continua la protesta decisa dall’AnciSicilia, durante lo scorso Consiglio regionale, contro la gravissima crisi economico-finanziaria degli enti locali: oggi si svolgeranno Consigli comunali in tutta l’Isola con la partecipazione di sindaci e giunte

Salvini arriva in Sicilia e i palermitani organizzano la “Giornata dell’orgoglio terrone”

Matteo Salvini sbarca a Palermo per presentare il suo progetto politico “Noi con Salvini”. Alcuni cittadini, però, si sono organizzati su facebook dando vita alla “Giornata dell’orgoglio terrone“. “Salvini…Palermo non perdona”, si legge sui manifesti affissi per le vie cittadine che sponsorizzano l’evento

Dipendenti Bingo Family protestano contro licenziamento immotivato

Dopo 12 anni, 13 dei lavoratori del Bingo Family di Misterbianco sono rimasti senza lavoro

Bingo Family: 15 ex dipendenti protestano incatenati

Quindici ex dipendenti da ieri protestano incatenati a Catania davanti la sede legale di via D’Annunzio contro la decisione dell’azienda di licenziarli

Login Digitrend s.r.l