giovedì - 19 settembre 2019

Processo Iblis, 10 condanne: vanno in carcere

I carabinieri del nucleo Investigativo e raggruppamento operativo speciale di Catania hanno eseguito 10 ordini di carcerazione nei confronti di altrettante persone già arrestate nel novembre 2010 e condannate nell’ambito del processo Iblis

Processo di Appello IBLIS: la replica del P.G. Siscaro

Il procuratore generale: “La Mafia infiltra lo Stato, l’economia, l’impresa e tutto ciò che trova sul territorio”.

PROSEGUE IL PROCESSO IBLIS

  Sentito l’imprenditore, costituitosi parte civile, Antoine Ardu e due imputati che patteggiarono la pena per intestazione fittizia di beni Deposizioni poco lineari, accesi controesami  e imputati che reclamano la parola per interrogare i propri accusatori, sono questi i motivi conduttori che hanno caratterizzato l’ultima udienza del processo Iblis sui presunti rapporti tra mafia, imprenditori

IBLIS: IN AULA I TESTI STANNO IN SILENZIO

All'udienza del processo del filone ordinario di Iblis, sfilano diversi imputati condannati in primo grado nel rito abbreviato. L'ex consigliere comunale di Ramacca Francesco Ilardi e l'ex Consigliere provinciale Antonino Sangiorgi si sono avvalsi della facoltà di non rispondere così come Alfio Stiro, l'ex sorvegliato speciale che presenziò un banchetto per festeggiare l'elezione di Angelo

CONVIVERE TRATTANDO

    L’affare “Tenutella”, l’intervento dei politici per sbloccare i lavori e gli imprenditori che da vittime diventano partner economici di Cosa Nostra Il contributo del pentito Santo La Causa si sta dimostrando utile alla magistrature per togliere il velo su omicidi e dinamiche di comando delle famiglie catanese. Ad essere svelate sono però anche le

LA CAUSA RACCONTA LA MORTE DI SANTAPAOLA E SEDICI

  Lo sconvolgente racconto al processo “Iblis” del pentito. I particolari della morte del boss Angelo Santapaola, cugino di Nitto, e del suo guardia spalle Nicola Sedici Catania – Santo La Causa, l’ultimo dei pentiti eccellenti di Cosa Nostra, entra con la sua sconvolgente versione nel processo “Iblis” per il duplice omicidio di Angelo Santapaola

«VOGLIO INCONTRARE SANTO LA CAUSA»

  Nel processo Iblis, a rispondere alle domande dei Pm è Maurizio Zuccaro, che lancia l’invito al suo ultimo accusatore, l’ex reggente della famiglia di Catania e nuovo pentito Santo La Causa Costretto in una sedia a rotelle, e agli arresti domiciliari da anni. Recentemente assolto nel rito abbreviato del processo "Iblis", Maurizio Zuccaro (nella

LE MOTIVAZIONI DELLA CONDANNA DEL GEOLOGO

ESCLUSIVA: Viene definito l’esempio del mafioso moderno, vecchio amico di Nitto Santapaola con l’amore spiccato per la politica. Giovanni Barbagallo è stato recentemente condannato per associazione mafiosa nell'ambito del processo Iblis, lo stesso che vede coinvolti l'ex Presidente della Regione Raffaele Lombardo e il fratello parlamentare Angelo. Giovanni Barbagallo di professione prima dell’arrestato faceva il

IBLIS: PARLA “L’IDEATORE” DELLA TENUTELLA

L'imprenditore Pietro Orlando racconta i dettagli dell'affare riguardante la costruzione del centro commerciale. Il coinvolgimento degli imprenditori Ragusa e D'Urso e il contrasto emerso con l'Ira Costruzioni  CATANIA –Si è definito “l’artefice” di quello che a distanza di anni sarebbe diventato l’ennesimo centro commerciale della provincia di Catania. Il suo nome è Pietro Orlando ma

APPALTI E MESSE APPOSTO PARLA SANDRO MISSUTO

Arrestato nel luglio 2009 nell’ambito dell’operazione antimafia denominata “Cerberus”, Sandro Missuto (nella foto) entra in prima persona all’interno del processo Iblis. L’imprenditore originario di Gela (ndr. Attualmente sotto processo in altro procedimento), è ritenuto dalla squadra mobile nissena e dalla DDA la figura che faceva da collante tra il clan degli Emmanuello e le diverse imprese

IBLIS: “USCIMMO DALL’AFFARE TENUTELLA PER PRESSIONI”

Dario De Luca e Fabiola Foti Continuano ad essere al centro delle udienze del processo ordinario Iblis, l’affare del centro Commerciale catanese de “La Tenutella”e le forte ambizioni di Cosa nostra che gravitavano attorno all’opera. Ad essere sentito l’imprenditore ligure Francesco Ferrari, all’epoca dei fatti vicepresidente dell’IRA Costruzioni, la società ,che in un primo momento, si

IBLIS: I POLITICI

Nella prima sentenza del processo Iblis arriva il verdetto anche per tre esponenti politici che hanno scelto il rito abbreviato. Si tratta del deputato regionale Giovanni Cristaudo che è stato assolto, l’ex consigliere provinciale della Provincia Regionale di Catania Antonino Sangiorgi condannato a 10 anni di carcere e il consigliere comunale di Ramacca Franco Ilardi condannato a 8 anni
Dario De Luca

IBLIS: LE SENTENZE

Si conclude il primo grado di giudizio della maxi operazione Iblis L’indagine che dal 2010 ha tra i protagonisti più illustri l’ex Presidente della Regione Raffaele Lombardo. Al vaglio la posizione di 27 imputati del rito abbreviato. La sentenza del gup Santino Mirabella nell’aula bunker di Bicocca. Assolto il deputato Giovanni Cristaudo. Per gli altri oltre un secolo di carcere
Dario De Luca

SOCIETÀ, FINANZIAMENTI E RELAZIONI PERICOLOSE

I Ros ad un’azienda finanziatrice nel 2008 del Mpa, dedicano un intero capitolo dell’indagine Iblis del 2010. Al centro i contatti del referente provinciale di cosa nostra Enzo Aiello con il mondo imprenditoriale per la costruzione del Parco tematico di Regalbuto
di Dario De Luca

LOMBARDO: ARRIVA LA RICHIESTA DI RINVIO A GIUDIZIO

E’ stata presentata ieri dalla Procura della Repubblica di Catania la richiesta di rinvio a giudizio per concorso esterno all’associazione mafiosa e voto di scambio aggravato dall’articolo sette per il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo

INDAGATO PER MAFIA FINANZIÒ MPA

Due società pesantemente coinvolte nell’inchiesta Iblis del 2010 facenti riferimento a Mariano Incarbone, risultano aver versato in totale 50.000 mila euro al partito di Lombardo, in occasione delle elezioni regionali del 2008
di Dario De Luca

Login Digitrend s.r.l