Ripetuti casi di malasanità scoperti dai Nas: ricavi massimizzati a danno dei pazienti

La struttura in questione è la casa di cura “Di Stefano Velona s.r.l.”, e per gli amministratori, il direttore sanitario e tre dipendenti di questa, il GIP ha emesso misure cautelari personali e reali, perchè accusati di aver falsificato moltissime cartelle cliniche, tra cui anche quella del paziente che ha denunciato l’accaduto dopo aver scoperto