E CHI L’AVREBBE DETTO…adesso siamo addirittura in tre con SudStyle e SudLife. Dieci anni straordinari in cui abbiamo squassato con le nostre inchieste i centri di un potere cannibale e parassitario che ha ridotto una città meravigliosa in fogna a cielo aperto di miseria, violenza, bruttezza con tutti i nostri ragazzi costretti a scappare. Continueremo a non stare zitti e a denunciare sempre in maniera rigorosa e documentata, continueremo a non accettare che imbecilli inadeguati segnino il destino delle future generazioni come continueremo a dare voce alla bellezza di quelle persone meravigliose che pure sono tante, non si arrendono ed hanno solo bisogno di mettersi insieme: LA “CITTÁ BUONA” che prenda lo spazio di quella “CATANIA BENE” colpevole di ignavia e complicità. Grazie a tutti quelli che sono passati dalle nostre redazioni, anche i peggiori, che ci hanno insegnato a tenere gli occhi aperti per difendere la nostra indipendenza, la nostra reputazione, la nostra autorevolezza. Grazie a tutti i nostri Direttori, quelli che abbiamo amato e quelli che abbiamo sopportato. Grazie a tutti i collaboratori che con noi sono cresciuti, che tanto hanno imparato e tanto ci hanno insegnato. Grazie a tutti i nostri errori, che ci hanno insegnato a rimanere umili e sempre disponibili a cambiare idea se la nostra è sbagliata. Grazie alle migliaia di lettori che attendono le nostre aperture e grazie a queli che dicono di non leggerci e sono i primi la mattina. Grazie a Danila Corona, la nostra super creativa che con un wapp notturno riesce ad interpretare quello che vogliamo e ci ha consentito in tempi record a colorare la città con i nostri “antichi” cartelloni.  Grazie a noi che abbiamo resistito alle minacce, alle decine di querele, ai tentativi di comprarci. Grazie a Catania, la città più bella del mondo, in cui si può sciare e poi fare il bagno a mare in 20 minuti, grazie davvero perché risorgi sempre migliore nonostante tutta questa gente assurda che ti ha mangiato viva. AUGURI CATANIA…DA SUDPRESS.