E’ uno dei nostri più assidui e lucidi commentatori ed il suo post alla rubrica “Il Sasso” lo proponiamo in evidenza

Per comprendere l’attuale incrudimento dei fenomeni di violenza scellerata, il cui epicentro è evidenziato nel territorio francese, occorre dedicarsi ad una più seria analisi alla ricerca del suo ipocentro: la politica francese nei riguardi delle sue ex colonie africane e quelle del medio oriente.
Diversamente sfugge la vera genesi di questi fenomeni, potendosi allora tutto ridurre, ma troppo semplicisticamente, a mere manifestazioni scellerate di autorganizzazione individuale di chi, non essendo in grado di realizarsi emulando modelli che la società occidentale offre a chi sia in grado omologarvisi, la realizzi per l’appunto emulando altre formule, che a noi appaiono violente, scellerate e criminali, ma perseguite da chi si non riesca ad omologarsi, si senta escluso e risulti di fatto disadattato.
E’ indubbio che il comportamento attuale di tutti noi venga da sempre dettato dal bisogno di realizzarsi, economicamente e culturalmente, e solo chi possieda un buon retroterra culturale e una forte stabilità mentale riesce ad analizzare il proprio comportamento ed evitare pedisseque strategie di autorealizzazione interiore, pilotate e guidate da elementi o da gruppi terroristici, a loro volta, pilotati da entità economiche di grande influenza.
Ovvio allora lo stress-path della mente del disadattato, che, per il principio di minima azione, preferisce dare spiegazioni semplicistiche, sposare filosofie o fedi errabonde, omologarsi insomma in schemi e in cliché che in un certo senso gli garantiscano stabilità economica e mentale.
Ne “Il mito del gregario” del filosofo Alessandro Plebe, vengono bene illustrati questi meccanismi psicoanalitici che erano alla base dei comportamenti individuali delle società sovietiche.
Del resto anche oggi è evidente a tutti quali siano gli attuali meccanismi che consciamente o inconsciamente guidano le nostre menti verso modelli di omologazione,
come sono altrettanto evidenti quelli di coloro che, pur possedendo un retroterra culturale, ma di fatto esclusi dalla piramide piramidale dei settori di comando della società (potere politico, burocratico, universitario e in generale finanziario).
Così del resto possiamo osservare, analizzare e dare una ratio a tutti i fenomeni oggi isolati, 30 anni fa collettivi, dei vari individui che hanno manifestato comportamenti criminali e omicidi, sposando ideologie ridicole (mi riferisco ad esempio alle brigate rosse o a ordine nuovo), o dei fenomeni di contestazione giovanili guidati in Italia da Marcuse, o che emulavano la Cina rossa, o l’URSS..e che 30 anni prima emulavano Hitler o Mussolini.
L’antidoto per costoro fu ed è sempre uno: riempire la pancia.
Caso emblematico per tutti è il comportamento di Fausto Bertinotti, accanito neo comunista, poi riconvertitosi al capitalismo e di tanti altri politici nostrani.
Sento allora il bisogno di postare questo commento, non nel tentativo di autorealizzarmi cercando di emergere in capacità dialettiche o letterarie, ma solamente nel tentativo
di garantirmi la sopravvivenza dagli attacchi mediatici e non, di chi, dilapidando
le regole della ragione, che impongono di studiare i fenomeni umani con una qualche
regola logica, di fatto distrugge le funzioni del raziocinio, attraverso la corruzione
dell’informazione, del linguaggio e quindi del pensiero.
Tornando al tema in questione, occorre ricordare tutte le politiche coloniali che
la Francia perseguì nei suoi territori coloniali africani e in quelli del medio
oriente (Siria).
Non intendendo però erigermi ad intellettuale, nè a uomo di cultura, invito chi tenesse al proprio bagaglio immunitario di andare ad informarsi per esempio leggendo “L’Effroyable Imposture” di Thierry Meyssan, a proposito delle scelte scellerate del governo Francese in Siria, libano e parte della Turchia, e adesso concentratesi in Siria.
Tornando alla storia della colonizzazione francese della Siria e confrontandola con l’azione dei presidenti Sarkozy e Hollande, Thierry Meyssan rivela la volontà di alcuni attuali leader francesi di ricolonizzare il paese.
Una posizione anacronistica e criminale che rende la Francia attuale uno Stato sempre più odiato in tutto il mondo.
Invito allora a chiedersi perchè TUTTI vogliono salvare i profughi siriani, giustamente, ma perchè NESSUNO parli della genesi di questa guerra!
Troppi dettagli dovrebbero indurre tutti a chiederci cosa ci stiano a fare Russia, Francia e USA, cosa realmente stiano facendo e chi ci stia realmente dietro al famigerato Califfato! C’è forse Satana? Non credo, se no, Papa Francesco lo direbbe!
Un piccolo invito è osservare altri dettagli: perchè la Francia fece guerra al Vietnam, paese civilissimo e ostilissimo da sempre alla Cina. 
Per finire inviterei tutti a riflettere su un fatto sorprendente. di cui nessuno parla, (ad eccezione di un prelato che accompagnò il papa nel Centro Africa..!): La ciliegina sulla torta: il CFA!
Il CFA fu istituito nel 1945 per consentire alla Francia di mantenere l’egemonia economica e politica sulle ex colonie francesi e non solo. Il CFA, nato come franco delle “Colonies Françaises d’Afrique”, ha successivamente cambiato nome in franco della “Comunità Francese dell’Africa ” (facendo sparire la scomoda etichetta colonialismo).
Ad imitazione del FMI, alle cui riserve versate gli stati aderenti non possono più attingere nemmeno in casi di calamità, la Francia garantisce la parità con l’euro e la piena convertibilità di questa moneta artificiale, che obbliga tutte le nazioni africane excoloniali ad eseguire le transazioni economiche attraverso la creazione di un Fondo così formato:
Un fondo comune di riserva in moneta estera a cui partecipano tutti i paesi del CFA.
Questo fondo è costituito dal 65% di quanto ciascuno Stato africano incassa dalle proprie esportazioni ed è depositato presso il Tesoro francese.
Questo significa che per ogni 1000 euro che uno di questi Stati incassa esportando beni reali, 650 euro li trattiene la Francia come riserva a garanzia delle convertibilità .
E’ poi imposta la partecipazione delle autorità francesi nella definizione della politica monetaria della zona CFA.
Ecco la genesi dell’odio: 65%!! Vi rendete conto???
Secondo voi, perchè Gheddafi fu scalzato e poi ucciso da Sarkozy??
Gheddafi voleva eliminare queste porcherie, istituendo una moneta araba!
Morto Gheddafi, l’invasione africana è semplicemente una conseguenza.
Ho solo fornito una delle tanti chiavi di lettura, dettata non da congetture, tendenze ideologiche o manie di autorealizzazione, ma da fatti incontestabili!

H. Poirot