Alla fine è stata una festa, un modo tutto originale e molto concreto di stare insieme, aziende e professionisti della comunicazione, per trovare il modo di far ripartire la nostra amatissima Catania dalla voglia di fare le cose per bene. Questo probabilmente, al di là dei numeri eccezionali, il maggior risultato ottenuto dall’iniziativa ideata da Flazio con Sudpress, il comune di Catania, l’Accademia di Belle Arti, la BeAcademy, Arti Grafiche Etna, Radio Studio Centrale e Videobank. Una giornata davvero eccezionale che ci conferma che CATANIA È VIVA!

Sarà ricordato a lungo questo 12 aprile 2019 da tutti quanti hanno partecipato alla Galleria d’Arte Moderna di via Castello Ursino ad un evento il cui successo è andato ogni oltre aspettativa.

L’idea folle dell’azienda catanese Flazio.com, con in testa il patron Flavio Fazio, Egle Silluzio e Dario Privitera, di coinvolgere atre eccellenze catanesi per sensibilizzare le imprese del territorio ad impegnarsi per costruire una propria presenza sul web con lo scopo di migliorare la propria produttività e redditività sembrava una vera e propria utopia.

Ancor di più in una fase in cui il vero rischio è il prevalere della depressione conseguente al dissesto del comune di Catania che non è soltanto finanziario quanto soprattutto psicologico e morale.

È stato davvero bello e probabilmente ripeteremo l’esperienza perché le richieste sono state tante che si è dovuto limitare a 120 le registrazioni, altre 250 circa sono rimaste fuori ma si troverà il modo di aiutarle ad andare anche loro sul web in maniera adeguata.

Le belle immagini di Salvo Puccio e Donato Scuto testimoniano il clima di gioia e straordinaria professionalità con cui decine di giovani designer e copywriter hanno accolto e assistito i loro primi “clienti”.

I numeri sono eccezionali: nel corso della giornata sono già andati on line 96 aziende catanesi, le altre partecipanti che abbisognavano di qualche implementazione particolare lo saranno nei prossimi giorni perché continueranno ad essere assistiti dal team di sviluppatori.

Importante riconoscimento anche la visita del sindaco di Catania Salvo Pogliese che con l’assessore Barbara Mirabella ed il Capo di Gabinetto Giuseppe Ferraro hanno potuto constatare il clima di positività che ha animato la Galleria di Arte Moderna, per un giorno enorme “web agency” con tanti catanesi, giovanissimi e non, pronti a guardare con ottimismo al prossimo futuro.

Grazie davvero, e dobbiamo e vogliamo dirlo, a questa amministrazione comunale che ha aderito immediatamente all’iniziativa concedendo i locali della GAM e fornendo i servizi necessari: non era scontato, anzi!

Hanno “brillato”, si fa per dire, per la loro assenza, come al solito, le grandi istituzioni e organizzazioni datoriali che non si capisce proprio in che modo sostengano il tessuto produttivo della città: totalmente indifferenti Camera di Commercio, Confcommercio, FederAlberghi, etc. che pur invitati e sollecitati a partecipare hanno preferito la latitanza: avranno avuto cose più importanti da fare e siamo certi che i loro utenti ed iscritti prima o poi se ne accorgeranno.

Bellissima, invece, la partecipazione e l’impegno dei giovani designer dell’Accademia di Belle Arti di Catania, che non hanno lasciato un attimo le loro postazioni supportati per tutta la giornata dal direttore Vincenzo Tromba con i docenti Gianni Latino e Ciro Esposito.

Grazie al Maestro Carmelo Nicosia che ha consentito la realizzazione di questa splendida collaborazione mettendoci in relazione con l’Accademia.

Fantastici anche i designer della BeAcademy dotati di una organizzazione di tipo militare, disciplinatissimi ed efficaci.

I “copy” di SudPress

Tutti, come noi, alla fine distrutti ma felici di aver partecipato a qualcosa di veramente originale, come i giovani copywriter di SudPress, Antonio Catara, Loredana Giacolla, Sara Obici, Simone Dei Pieri e Simona Raimondo che con il direttore Lucia Murabito hanno realizzato i testi di oltre 40 siti.

“Eravate in 5 ma sembravate in 50”, ha riconosciuto su Facebook il patron di Flazio Flavio Fazio: bravissimi e serissimi. Grazie, vi siete fatti onore, non c’erano dubbi, come fate ogni giorno in redazione con il vostro impegno e coraggio.

Fantastica la presenza di Radio Studio Centrale che ha voluto essere presente per tutta la giornata mandando in diretta momenti dell’evento con le interviste ai vari protagonisti ed ospiti: grazie a Romano Mascali, direttore artistico e dei programmi di RSC, che ha curato anche la parte tecnica oltre che la diretta del mattino, mentre quella pomeridiana è stata condotta dai bravissimi Roberta e Federico. Presenti per RSC anche il direttore Franco Riccioli e Alfredo Giarrizzo che si sono dichiarati stupiti per la carica di energia sprigionata dall’evento.

Essenziale l’impegno di Videobank, l’azienda catanese leader europeo nel broadcasting video e patron del Taormina Film Fest, con l’Amministratore Delegato Maria Guardia Pappalardo senza la cui disponibilità non sarebbe stato possibile realizzare la manifestazione per la semplice quanto grottesca circostanza che chi ha nel recente passato ristrutturato la GAM non ha pensato (nel 2016!) ad installare …una linea telefonica e tanto meno internet: roba da uscire pazzi!

Ma non è giornata di polemiche, è giornata di festa ed anzi essere riusciti a superare anche questa ci da oggi maggiore soddisfazione.

Infatti abbiamo quindi chiesto aiuto a VideoBank che ha subito aderito con il suo general manager Lino Chiechio che ha trovato la soluzione approfittando della consueta generosità della Comunità di Sant’Egidio che ha consentito di allacciarci alla loro linea: grazie ad Emiliano Abramo e Piero per la loro disponibilità.

Grande successo anche per l’offerta dell’altro partner dell’evento, Artigrafiche Etna che ha curato la stampa di tutto il materiale grafico in tempi record e distribuito alle aziende partecipanti coupon omaggio per i loro lavori: grazie ai fratelli Molino con i loro figli e tutto il loro staff personalmente presenti nel corso di tutta la giornata.

Persino la pausa pranzo si è contraddistinta come un momento conviviale condotto in maniera eccellente dal team dell‘Ottagono di Mascalucia con le bevande offerte da un marchi od’eccezione, la Coca Cola con Siebeg.

A fine giornata sono rimaste una cinquantina di porzioni di pasta al forno e boscaiola, buone davvero, e Flavio Fazio è venuto alla postazione di Sudpress: “Voi che conoscete tutti, perché non contattiamo qualche organizzazione per distribuire questi pasti?”

Detto fatto, abbiamo provato a contattare il nostro amico padre Mario Sirica della Locanda del Samaritano ma aveva il cellulare irraggiungibile, allora il nostro direttore Lucia Murabito ha chiamato l’addetto stampa della Diocesi Marco Pappalardo che ha chiamato Salvatore Pappalardo della Caritas che ci ha detto di rivolgerci a Tony che ci aspettava all’Help Center… Anche questa è fatta, si chiude in bellezza.

Insomma, una festa: dell’efficienza, della positività, della concretezza, della generosità.

Una festa tutta catanese, di quella Catania che ci piace, che non si arrende mai, con la sua gente che si inventa cose belle, che sa stare insieme, che si stanca, si sacrifica, si impegna ma alla fine torna a casa soddisfatta per il solo fatto di aver dato ciascuno il proprio piccolo contributo per un futuro possibile.

Che dipende da noi, non da altri.

Evviva Flazio.com, il Comune di Catania, Accademia di Belle Arti, BeAcademy, Artigrafiche Etna, Radio Studio Centrale, Videobank: siete stati tutti bravissimi e coraggiosi.

E anche Sudpress…