La Guardia di Finanza, a pochi giorni dai festeggiamenti natalizi, ha messo a segno un altro colpo alle organizzazioni delinquenziali che in questo periodo si adoperano per lucrare sulla produzione e vendita di fuochi illegali

La Compagnia di Siracusa ha sequestrato oltre 200 chilogrammi di artifizi pirotecnici di IV e V categoria, in un deposito abusivo adibito allo stoccaggio di “botti illegali”. Le Fiamme Gialle, nell’ambito dei servizi di controllo economico del territorio, insospettiti dal movimento di un’autovettura in una zona abitata del centro di Siracusa, hanno effettuato un controllo in un garage privato.

Le successive operazioni di perquisizione hanno permesso di rinvenire oltre 4679 razzi esplodenti, riuniti in batteria, e di segnalare all’Autorità Giudiziaria un trentatrenne Siracusano, resosi responsabile dei reati di fabbricazione o commercio abusivo di materie esplodenti ed Omessa denuncia alle Autorità competenti.

Una vera e propria “Santa Barbara” considerato che il deposito era destinato al ricovero di materiale altamente infiammabile, in considerazione della notevole quantità di materiale deflagrante presente in loco, rappresentava un elevato potenziale esplosivo che, in caso di innesco accidentale, avrebbe provocato notevoli danni nelle zone circostanti.

Le indagini, ancora in corso, sono orientate ad individuare ulteriori autori dell’illecito traffico, e, soprattutto, a risalire alle rotte commerciali di approvvigionamento.