Il comando di polizia municipale si stringe attorno all’ispettore che sabato scorso è stato vittima di un pestaggio in via del Rotolo per aver svolto il proprio lavoro, impedendo a un giovane in scooter di oltrepassare le transenne che vietavano l’accesso della strada. Il vigile è stato operato al Cannizzaro per ridurre un grave edema celebrale e si trova in coma farmacologico con prognosi riservata. Nel frattempo la città manifesta la sua solidarietà e indignazione contro atti di violenza ingiustificati

Sono ormai all’ordine del giorno atti di violenza brutali da parte di gente che scarica la propria rabbia ingiustificata verso chi cerca semplicemente di svolgere il proprio compito, come nel caso dell’ispettore Licari.

Ma la parte di città contro la violenza e le barbarie fa sentire la propria voce. Ne è proprio un esempio il comando di polizia municipale che attraverso striscioni manifesta la propria vicinanza al vigile ferito violentemente con un casco, scagliato più volte sulla testa.

Questa assurda e disumana reazione viene disapprovata da molti cittadini che sul web chiedono a gran voce un intervento mirato da parte delle forze dell’ordine e della magistratura al fine di porre fine o quanto meno limitare questi intollerabili episodi di violenza.

“Il tragico evento è la conseguenza dello stato diffuso di illegalità nel quale da decenni è lasciata la zona Rotolo-Piazza Nettuno-Lungomare -scrive un cittadino in un commento all’articolo di Sudpress sull’episodio- Si auspica un intervento durissimo che ripristini le condizioni di legalità, ordine, pulizia e igiene che siano degne di una città civile. Nel frattempo tutta la solidarietà va al colpito e alla sua famiglia”.

La città non ci sta più e chiede maggiore sicurezza, legalità ed interventi esemplari.