Lo sciopero notturno dei dipendenti della ditta che si occupa di manutenzione, lavaggio e ingrassaggio dei mezzi della Nettezza Urbana, davanti all’autoparco comunale ha avuto come risultato l’ennesima riunione con l’assessore  al ramo Rosario D’Agata.  Entro martedì 19 si dovrebbe avere il pagamento di una mensilità e della tredicesima, e forse entro fine dicembre anche il versamento di un secondo stipendio, dei 5 arretrati, per gli oltre trenta operai. Solite rassicurazioni insomma, ma tra i lavoratori serpeggia sempre paura e incertezza, anche in virtù di un fatto che un contratto vero e proprio tra Comune e Sicilcar non ci sarebbe e questo non consentirebbe alla ditta di ottenere anticipazioni bancarie

“Oltre che dei pagamenti si è parlato soprattutto della possibilità di stipulare un contratto vero -conferma il dipendente Ferdinando Munzone- in modo che l’azienda possa avere aiuti bancari per poter anticipare le spese necessarie, come appunto gli emolumenti. D’Agata e Musumeci si sono presi l’impegno di chiedere riscontri alla ragioneria sul pagamento della fattura del mese di ottobre, in modo da farlo avere ai dipendenti entro fine mese; ciò consentirebbe a noi e alle nostre famiglie di avere un pò di respiro per queste festività. Siamo stati anche rassicurati sul futuro lavorativo, non sembra ci siano rischi di finire licenziati. Detto questo, posso dire che ancora timore e insicurezza ci sono e sono tangibili, ma la speranza è l’ultima a morire. Vedremo se l’amministrazione avrà la capacità di mantenere gli impegni presi“.

Si dice tranquillo invece il titolare della Sicilcar, Giancarlo Seminara, presente all’incontro con dipendenti e sindacati, che assicura: “Entro la settimana prossima, certamente prima di Natale i dipendenti avranno la tredicesima ed una mensilità, e forse entro fine mese anche un altro stipendio. Penso che la situazione si possa tranquillizzare nelle prossime settimane, anche perchè dovremmo poter firmare un contratto con il comune finalmente per avere possibili fideiussioni bancarie”.

Dello stesso avviso il segretario della UILM, Matteo Spampinato: “Aspettiamo questi pagamenti come assicurato dall’assessore D’Agata, ma soprattutto abbiamo chiesto che l’azienda si impegni nel momento in cui il comune paga le fatture nei termini del contratto ad anticipare quanto spetta ai dipendenti, perchè non è ammissibile che i lavoratori siano pagati da Sicilcar solo quando quest’ultima riceva i soldi dal Comune”.