Pubblichiamo il commento del prof. Giuseppe Condorelli alla recente sentenza del TAR che ha confermato l’ordine al rettore di convocare subito le elezioni. Con uno sguardo al futuro ed un monito ai candidati

“Addio Pignataro Addio.

Sei stato il peggior rettore, non si potrebbe immaginare di peggio;

hai fatto di tutto per tenere incollato il posteriore alla poltrona, hai favorito amici dando posti a loro inadatti (esempio più evidente il “clinico angiologico” ) infischiandotene delle conseguenze.

Addio Pignataro; questo modo di gestire l’università lo hai imparato durante la tua permanenza a York?

Ora si faranno avanti i candidati al rettorato; li valuteremo, purché nessuno di loro sia stato uno dei direttori di dipartimento firmatario della ampollosa lettera ” Pro domo nostra ( e di qualche figlio)”.

La sentenza è un momento importante non solo per l’ateneo, ma per tutta la città, per gli studenti e per le famiglie che li mantengono agli studi.

Con il rettore giusto e con i moltissimi docenti seri di cui l’ateneo dispone si ripartirà, anche se risalire la china sarà estremamente impegnativo. Sono fiducioso.

P.S. Ho pensato che Giacomo, respinto da York, come penitenza, potrebbe andare a Cracovia a visitare la Jaghellonica; gli fornirò una maglietta con su scritto Sono Comunista Sovietico, sicuro che i polacchi sapranno accoglierlo adeguatamente.”

Giuseppe Condorelli