Otto dovrebbero essere gli eletti dei 5Stelle, 3 di Forza Italia, 2 del Partito Democratico, uno ciascuno per Lega, Fratelli d’Italia e LeU. Dai primi calcoli ci sarebbero anche i nomi di coloro che andranno a Palazzo Madama per il proporzionale

Il Movimento 5 stelle si aggiudica ben otto dei 16 seggi “messi a disposizione” dal Rosatellum per il proporzionale. Le percentuali bulgare dei grillini, con 48.08% in tutta l’Isola, (47,29% nel collegio occidentale Sicilia 1 e 48,88% nel Sicilia 2), consentono di ottenere un successo per Antonella Campagna, Vincenzo Maurizio Santangelo, Cinzia Leone e Fabrizio Trentacoste eletti nell’area occidentale dell’Isola. A questi si aggiungono Mario Michele Giarrusso, Nunzia Catalfo, Cristiano Nastasi, Barbara Floridia.

A Forza Italia andrebbero 3 seggi, due in Sicilia occidentale con Renato SchifaniUrania Giulia Rosina Papateu mentre in Sicilia orientale con Gabriella Giammanco. Le percentuali del partito di Berlusconi in tutta l’Isola sono del 20,65% (Sicilia 1 21,16% e Sicilia 2 20,12%).

La Lega ottiene un seggio che andrà assegnato all’avvocato penalista Giulia Bongiorno capolista nel collegio Sicilia 1. In tema di percentuali, il partito di Salvini ottiene il 5,44% in totale (5,53 Sicilia 1 e 5,35 Sicilia 2).

Anche Fratelli d’Italia otterrebbe un seggio che però andrebbe assegnato al collegio Sicilia 2 dove capolista è l’ex sindaco di Catania Raffaele Stancanelli, coordinatore regionale di Diventeràbellissima che nel frattempo, come per tutti gli altri candidati nei collegi del maggioritario, ha dovuto cedere l’uninominale del capoluogo etneo a Nunzia Catalfo del Movimento 5 stelle. Le percentuali vedono FI di Giorgia Meloni al 3,79% in tutto il territorio isolano: in Sicilia occidentale la percentuale si attesta al 3,43 mentre ottiene quasi un punto in più nella Sicilia orientale con 4,15 %.

A Liberi e Uguali scatterebbe un seggio per Pietro Grasso, capolista e fondatore della nuova formazione dopo l’addio a Renzi. 2,96 la percentuale a livello regionale con Sicilia 1 al 3,33% e Sicilia 2 al 2,58%.

Il Partito Democratico dell’ormai dimissionario Matteo Renzi, otterrebbe solo due seggi, uno nella Sicilia orientale con Valeria Sudano, a sua volta superata abbondantemente da Nunzia Catalfo e nella Sicilia occidentale con Davide Faraone. Il Pd in Sicilia riesce a raggiungere l’11,63% con l’11,11% nella Sicilia occidentale e il 12,16% nella Sicilia orientale.