I militari della Guardia di Finanza hanno sequestrato varie apparecchiature, tra cui pc, stampanti e monitor per un valore complessivo di mille e 100 euro, una postazione telematica e trenta ricevute i gioco 

L’operazione del Comando Provinciale della Gdf di Catania è stata eseguita nell’ambito delle attività di controllo in materia di gioco e scommesse illegali, nei confronti di esercizi commerciali che operano nel settore.

Due centri illegali di raccolta scommesse nei comuni di Paternò e Biancavilla erano stati realizzati attraverso l’accesso online di siti di allibratori stranieri non autorizzati dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per il gioco a distanza.

In particolar modo i militari delle fiamme gialle di Paternò, hanno sequestrato apparecchiature e ricevute da gioco per un valore di oltre mille euro in un’associazione ricreativa. All’interno dei locali è stato anche identificato un uomo, intento ad effettuare una scommessa calcistica su un sito illegale,che rischia adesso una sanzione che prevede il pagamento di un’ammenda o l’arresto fino a tre mesi.

Successivamente le fiamme gialle in un bar adibita anche a sala giochi di Biancavilla, hanno sequestrato trenta ricevute di gioco e una postazione telematica, collegata agli allibratori esteri.

I titolari delle due attività di Paternò e Biancavilla dovranno rispondere di “esercizio abusivo dell’attività di gioco o di scommessa“. I due proprietari rischiano una pena da sei mesi a tre anni di reclusione.