Fervono le attività ricreative e sociali a San Cristoforo grazie al centro Midulla. Prese d’assalto attività musicali e creative dai bambini

A quasi due mesi dalla riapertura dell’ex cinema Midulla, riaperto forzatamente dagli “attivisti del quartiere”, grande successo stanno riscuotendo in particolare le iniziative ricreative rivolte ai più piccoli.
Nel quartiere, noto per essere una zona difficile della città, dove il livello di legalità è molto basso, i tanti bambini che prima della riapertura del centro di via Zuccarelli avevano pochi spazi dove svolgere attività pomeridiane, oltre alla strada, sono adesso impegnati praticamente tutti i pomeriggi dopo la scuola.

Una ventina i piccoli dai 5 ai 13 anni che partecipano ai laboratori, entusiasti di svolgere giochi divertenti  e stimolanti, e soprattutto di essere seguiti.
Capannelli di bimbi in attesa di entrare si formano già prima delle ore 16, l’ora di inizio d’ingresso alle manifestazioni. Si conoscono tutti, alcuni abitano vicino, altri frequentano la stessa scuola o classe e i laboratori al Midulla sono ormai diventati il loro immancabile appuntamento settimanale.

Doti artistiche e musicali vengono messe in campo ma soprattutto ciò che sorprende è la loro velocità di imparare la condivisione di esperienze diverse con i propri coetanei, lo stare insieme in maniera sana l’aiutarsi reciprocamente rispetto alle “regole” della strada.

Gestirli non è semplice ma la voglia che hanno di conoscere un mondo nuovo e diverso rispetto a quello al quale sono abituati, è palpabile nell’aria.

Anche i bambini più “difficili” si fanno coinvolgere nelle attività e dimostrano interesse, a modo loro, ritornando con piacere.

Quello che si vuole fare con queste attività è dare vita a una situazione informale dove i piccoli del quartiere possono imparare a esprimere se stessi attraverso attività come la musica e l’arte, le forme di espressione più adatte a tirare fuori la parte migliore di ognuno di noi.