Ancora una proroga per la raccolta differenziata e indifferenziata dei rifiuti solidi urbani e altre prestazioni legate all’igiene urbana come spazzamento e lavaggio delle strade di Catania. Il Comune ha stanziato altri 12 milioni e 400mila euro circa fino al prossimo 13 dicembre, vale a dire per 106 giorni, che andranno alla stessa ditta che gestisce il servizio attualmente, la  R.T.I. SENESI SPA – ECO.CAR. SRL

Si va avanti a colpi di proroghe dunque, per un settore delicato quale quello della raccolta rifiuti e dove girano diversi milioni di euro, dopo l’espletamento della gara ponte, lo scorso gennaio, che aveva visto vincere, tra le polemiche, proprio il raggruppamento di imprese. Una gara che avrebbe dovuto essere di soli 106 giorni e che quindi, con questa proroga, sale a 212 come qualcuno aveva già previsto.

Realizzata in attesa di assegnare finalmente il servizio per sette anni, su questa procedura diciamo “provvisoria” sono piovuti, oltre che le polemiche, anche esposti e denunce alla magistratura, a Prefettura e Amministrazione comunale, da parte della ditta che non aveva potuto partecipare, la Dusty di Rossella Pezzino poiché, a suo dire, c’era stato troppo poco tempo a disposizione per poter preparare le carte.

Ciò però non ha impedito al raggruppamento Senesi Ecocar di partecipare e vincere il bando e occuparsi dunque della raccolta dal 16 maggio scorso fino al 30 agosto.

Tutto ciò perché, nel frattempo, la gara d’appalto per la gestione delle attività di igiene urbana per sette anni, per un importo pari a oltre 300 milioni di euro, il cui termine ultimo per la presentazione delle proposte scadeva l’11 gennaio 2017, era andata incredibilmente deserta.

Intanto la raccolta differenziata langue ad un misero 7,92%, stando ai dati del mese di giugno scorso, quasi la metà di quello rilevato nell’ottobre del 2016, e questo nonostante i “salti mortali” di cui una volta la Senesi Ecocar ci parlò in occasione di un altro nostro precedente articolo e a prescindere dal fatto che il servizio in città sia diviso tra la ditta esterna e il Comune. Ai cittadini questo poco interessa. Del 30%, poi, di raccolta differenziata promessa dall’assessore all’Ecologia Rosario D’Agata manco a parlarne, siamo molto ma molto lontani…

Adesso si apprende che la procedura “settennale” è stata riaperta, dopo le modifiche apportate “alla documentazione di gara” precedente, secondo le indicazioni dell’Ufficio regionale per l’espletamento delle Gare d’appalto (Urega) che evidentemente dovranno rendere più appetibile la partecipazione da parte delle imprese. Le ditte avranno tempo fino al prossimo 13 settembre per presentare la propria proposta.