L’imprenditore Marco Nunzio Rubino ripropone la candidatura a sindaco, con il sostegno di una coalizione che raggruppa esponenti di diverse forze politiche, a riprova del fatto che “l’impegno sarà totalmente per il paese ed i cittadini”

Marco Rubino non è un politico di professione ma un imprenditore che oggi dà lavoro ad oltre venti dipendenti, nonostante la crisi in cui versano tutti i settori del mondo lavorativo.

La premessa è importante perchè Rubino è abituato a far seguire i fatti alle parole. Per questo motivo è sicuro e deciso nell’elencare i punti fondamentali del suo programma: famiglia, cultura e sport, oltre che lavoro e sicurezza. Il tutto per migliorare la situazione di un paese per troppo tempo considerato un  semplice “dormitorio”, apparentemente senza nient’altro da offrire.

Il neo candidato sindaco ha la ferma intenzione di distaccarsi dall’attuale gestione politica di Battiati, che in “dieci anni poco ha progettato e ancor meno prodotto”. Per far questo ha creato una lista civica, formata da candidati giovani e più esperti, di varie forze politiche, con un unico denominatore, il puro civismo, seguito ovviamente dal buon governo.

Marco Rubino è stato da molti definito il “sindaco ombra” di Sant’Agata Li Battiati, proprio per la sua presenza costante in questi anni sul territorio, che vive ed in cui vivono i suoi quattro figli. In virtù di questo, grandissima importanza verrà data alla famiglia, come ci tiene a comunicare con fervore ed entusiasmo durante l’inaugurazione della sua segreteria in pieno centro a Battiati, e l’impegno profuso sarà sempre accompagnato dalla diligenza del “buon padre di famiglia”, ascoltando la comunità con i suoi dubbi e problemi.

La sua idea di una Battiati migliore prevede anche l’aumento della sicurezza con l’installazione del sistema di video sorveglianza delle strade di accesso del paese e la collaborazione costante con le forze dell’ordine. Sul tema importante sarà il dialogo continuo con i centri limitrofi, come dimostrato dalla presenza e dal sostegno tra gli altri dei sindaci di Mascalucia e Tremestieri.

Emblematica la presenza trasversale di forze politiche come l’assessore al turismo Anthony Barbagallo, l’eurodeputato Salvo Pogliese e il deputato regionale Concetta Raia.