Un problema non solo estetico che comporta enormi costi, economici e sociali. L’obesità è infatti una vera e propria patologia, figlia del boom economico ma anche di ritmi frenetici e al contempo sedentari, e che colpisce fasce sempre più ampie di popolazione.

L’Italia e la Sicilia in particolare, presenta numeri sempre più allarmanti. Tanto da spingere il Gruppo SG-Company di Milano che si occupa di comunicazione, a lanciare il progetto ObeCity, scegliendo Catania e la collaborazione con Sicob (Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità), per organizzare il primo ObeCity Village, proprio nella European Obesity Day, e offrendo alla cittadinanza catanese una giornata intera di sensibilizzazione, informazione, divulgazione, attività sportive e soprattutto esami specialistici gratuiti per chi si recherà il 18 maggio in Piazza dell’Università.

Il progetto ObeCity e il Village sono stati presentati questa mattina nella sala Giunta di Palazzo degli Elefanti, alla presenza del Sindaco di Catania, Salvo Pogliese, del Chairman&CEO di SG-Company, Davide Verdesca, del Dottor Luigi Piazza, Presidente SICOB e membro dell’Advisory Board di ObeCity, insieme agli Assessori allo Sport, Sergio Parisi e alla Salute, Giuseppe Arcidiacono, nonché al famoso calciatore Peppe Mascara che hanno illustrato i dettagli delle attività del prossimo 18 maggio.

“Un evento di grande valenza sanitaria e pedagogica – ha detto il sindaco Pogliese – che siamo contenti di ospitare e di valorizzare. I dati statistici confermano che la Sicilia registra percentuali allarmanti che producono conseguenze dal punto di vista sociale ed economico. Per questo la nostra città è lieta di dare il via a un’iniziativa che promuove corretti stili di vita e benessere”.

In occasione dell’European Obesity Day, la centralissima piazza Università si trasformerà infatti in un grande Villaggio per divulgare la cultura del benessere ed effettuare screening sulla popolazione. Medici ed esperti saranno a disposizione dei cittadini per effettuare analisi gratuite (controllo del peso, ECG, Glicemia, BMI – Indice di Massa Corporea con refertazione finale a cura di medici specializzati SICOB), potendo anche sperimentare numerose attività ludiche e sportive in compagnia di operatori che coinvolgeranno il pubblico su un campetto di calcio, di volley e di arti marziali, ma dove sarà possibile anche informarsi e acquisire consapevolezza sulla patologia dell’obesità, le sue pericolose conseguenze e cure, nonché suggerimenti di prevenzione (alimentazione e movimento fisico).

ObeCity è un nuovo format che grazie alla collaborazione con scienziati, medici, associazioni e illuminati che costituiscono l’Advisory Board, darà vita a una Guida dedicata alla popolazione, in particolare le fasce più giovani e le famiglie, per re-imparare a preferire stili di vita volti al benessere della mente e del corpo; aspetto più volte sottolineato dall’amministratore di SG-Company, Davide Verdesca:“Quella di quest’anno è la prima edizione di un percorso che mira a sensibilizzare la cittadinanza a modificare alcuni atteggiamenti, sia dal punto di vista nutrizionale sia di quello comportamentale. Siamo onorati – ha aggiunto – di essere qui a Catania e di poter partire da questa splendida realtà che ha risposto immediatamente all’invito.

Come ha sottolineato il dott. Piazza: “Il sindaco è stato un uomo di parola, ha mostrato grande sensibilità e ha permesso che Catania fosse palcoscenico di questa importante iniziativa – ha detto -. Ringrazio anche l’Università, il rettore Francesco Basile e il direttore della Facoltà di Medicina, Giuseppe Sessa, e gli studenti che saranno motore della manifestazione che mira a contrastare una patologia per la quale è stato coniato il neologismo Globesity”.

Il dott. Piazza ha elencato i numeri fondamentali: metà della popolazione spazia tra obesità e sovrappeso. 6000 obesi in tutto il Paese, di cui 500 mila gravi. “Un fenomeno – ha aggiunto – che il nostro Sistema Sanitario Nazionale non può e non potrà supportare, e che necessita di un’inversione di rotta”.

Una popolazione in sovrappeso è una popolazione a rischio: per questo la prevenzione risulta l’arma migliore per sconfiggere una malattia subdola e dai drammatici risvolti sociali. Una malattia, con conseguenze così gravi da impattare drasticamente in enormi costi sociali.

Sull’importanza di un’educazione alimentare e del movimento fisico nelle scuole si è soffermato il professor Sessa. “La diffusione della cultura a scuola è il primo e più importante passo – ha detto – per modificare realmente le prospettive e la qualità della vita”.

Argomenti approfonditi anche dai due assessori presenti in conferenza, Pippo Arcidiacono, che nella vita è cardiologo, e Sergio Parisi.  “I corretti stili di vita vanno perseguiti – hanno affermato i due esponenti della giunta comunale – i controlli da una parte, e la pratica sportiva dall’altra, sono due facce della stessa medaglia, indivisibili per raggiungere il perfetto benessere fisico e mentale”.

E del valore dello sport ha parlato a lungo il testimonial dell’iniziativa, Peppe Mascara. “Bisogna contrastare la vita sedentaria – ha detto l’ex giocatore del Catania – e praticare attività, sport, insomma alzarsi dal divano e muoversi. E il ruolo dei genitori – ha aggiunto – è fondamentale per instillare nei propri figli educazione e stili di vita corretti: non hanno responsabilità i bambini, sono i genitori che devono fare scelte corrette per loro”.

ObeCity è un’iniziativa nata dalla convergenza di intenti tra pubblico e privato: il primo ad accogliere l’invito di SG-Company è stata Medtronic Italia, che sostiene il progetto e che è parte dell’Advisory Board. L’azienda di dispositivi medici, quest’oggi era rappresentata da Elena Busetto, Responsabile CSR che ha spiegato: “Il focus della nostra azienda mira a migliorare la vita delle persone, non solo con le terapie ma soprattutto attraverso importanti campagne di prevenzione e sensibilizzazione: per questo siamo felici di supportare questo importante progetto promosso da SG-Company”.

ObeCity rappresenta il primo tassello di un più ampio progetto che si propone anche di realizzare una Guida di sensibilizzazione all’Obesità, e che sarà presentata nell’ottobre 2019 in concomitanza con la giornata mondiale dell’obesità.