Finalmente arriva anche a Catania. Nasce a Palermo questa iniziativa che vuole recuperare una delle tradizioni più antiche e suggestive della cultura popolare siciliana: la FESTA DEI MORTI. Venerdì 2 novembre tra piazza dell’Università e il Teatro Machiavelli della città dell’elefante sbarca la prima edizione della festa per bambini con laboratori e favole sui passi della tradizione siciliana. IL PROGRAMMA.

In Sicilia i morti non solo si ricordano ma si festeggiano.

È questo lo spirito di Notte di Zucchero, l’evento che punta a restituire la “festa dei morti” mantenendo in vita una tradizione dall’eco tutta siciliana che, con l’avvento del “dolcetto o scherzetto” oltreoceano, si stava perdendo.

Dopo le edizioni palermitane, il 2 novembre la manifestazione arriva a Catania con laboratori, attività, reading, artisti di strada e video contributi dedicati ai bambini. Per tutta la mattina, dalle 10 alle 13, tra piazza dell’Università e il Teatro Machiavelli si snoderanno tante attività dedicate ai più piccoli nel segno della tradizione. Ma anche sull’autobooks, una biblioteca itinerante su quattro ruote posteggiata in piazza. E la partecipazione agli spettacoli e alle attività è assolutamente gratuita.

In tutta la Sicilia, unica regione in Italia, si celebrano i morti con una festa dai contenuti originali e caratteristici.

Una festa per adulti, ma soprattutto per bambini che, per un unico giorno, ricevono dai propri cari doni e dolcetti tipici.

Così, la festa che rivive nelle case dei siciliani ogni anno il 2 novembre, viene portata proprio nel cuore di Catania da Notte di Zucchero. Una manifestazione che ha come obiettivo non solo la riscoperta della tradizione, ma anche la memoria e il ricordo dei morti.

Per questo il programma si apre a laboratori creativi con animazioni, realizzazioni di giocattoli in legno, narrazione, e poi letture e spettacoli di artisti di strada.

Una prima edizione catanese che punta tutto sui bambini e sul loro mondo.

Notte di Zucchero nasce a Palermo ed è proprio nel capoluogo siciliano che l’appuntamento, che negli anni ha avuto un’offerta culturale importante anche per gli adulti con momenti di teatro, musica, arte e video, torna con un evento speciale in un luogo inedito.

Inserita all’interno del programma ufficiale di Palermo Capitale Italiana della Cultura, il 2 novembre, a partire dall’alba, Notte di Zucchero entrerà in punta di piedi al cimitero dei Rotoli – è la prima volta in assoluto che un evento culturale si trasferisce all’interno di un camposanto – con performance e monologhi d’autore, recitati da attori della scena teatrale siciliana secondo il filo conduttore della memoria.

Una festa attesa e celebrata da tutti che mescola, proprio come il Natale, profonde motivazioni religiose a elementi decisamente pagani.

L’ideatrice di Notte di Zucchero è Giusi Cataldo, direttore artistico dell’evento con il coordinamento di Dora Argento.

Fondamentale per l’edizione catanese il contributo di Bianca Caccamese, ideatrice e presidente di KidsTrip, portale di riferimento per il mondo “bambini” nella città dell’elefante.

L’evento, presentato dagli assessori alla Cultura Barbara Mirabella ed alle Attività Produttive Ludovico Balsamo, ha il patrocinio del Comune di Catania e dell’Università di Catania, insieme al sostegno del Teatro Machiavelli, FilFest, Libò, Zammù TV e CityMap.


IN PIAZZA UNIVERSITA’

PlayCircus  10-13

Un’invasione di allegria e colori con gli artisti di strada, il trucca bimbi, il trampoliere, i clown, le bolle di sapone e tanti giochi coinvolgenti per i vostri bambini. Il divertimento è assicurato! A cura di Cafè Express

 Giochi Giganti in piazza  10-13

Notte di Zucchero vi aspetta con tante attività come il Luna Park riciclato, il grande gioco del Tris gigante e  “Come Giocavano gli antichi”, un laboratorio dove si costruiranno antichi giochi da tavolo.Tutti i materiali utilizzati sono di riciclo e di recupero. Le attività sono a cura di Terra di Crianza.

Letture sull’Autobooks 10-13

A Notte di Zucchero si raccontano le storie per la riscoperta della nostra tradizione per la “festa dei mutticeddi”. Raccontando raccontando  riscopriremo insieme quello che la tradizione ci ha conservato. A cura di Libò, Libreria dei Ragazzi e degli Errori

Straludobus 10-13

Arriva a Notte di Zucchero il coloratissimo Straludobus, il pullmino che porta tanta allegria con i suoi giochi della tradizione popolare. Potrete giocare al labirinto, al tris, al paroliere e a tanti altri giochi di strategia, movimento, equilibrio. Grazie per essere con noi all’Associazione Talità Kum Onlus che con i suoi educatori e volontari porta avanti un progetto educativo per i più giovani che vivono in contesti sociali difficili.

 

AL TEATRO MACHIAVELLI

Laboratorio “C’era una volta”10-13

Laboratorio dove si realizzerà una raccolta di storie straordinarie di parole e immagini sulla vita passata dei nostri cari, in modo che il loro dolce ricordo rimanga sempre con noi. A cura di Floriana Manciagli, L’Arcipelago delle storie.

Laboratorio Giocattoli di Legno  10-13

Un albo illustrato, carta vetrata, colori,  filo e trapani a manovella saranno gli ingredienti di un incontro un po’ speciale per introdurre i più piccoli alla falegnameria creativa e al giocattolo tradizionale e per ricordare ai più grandi la bellezza delle cose semplici.Il laboratorio è a cura di Claudia Barone, la giocattolaia

Scheletriamoci ! 10-13

Laboratorio di Cut Out Animation : i bambini disegneranno su carta il loro “scheletro”, lo ritaglieranno formando un collage di tutte le parti del corpo che poi andranno ad animare. La fase successiva prevede la fotografia in pose differenti dei disegni che magicamente si animeranno dando luogo al movimento. A cura di Calisea Art Animation

Laboratorio d’arte 10-13

a cura di Mery Scalisi

Fiabe, Utensili e fantasia Ore 12 

Spettacolo di e con Iridiana Petrone

“Fiabe, utensili e fantasia” è uno spettacolo che propone una rilettura delle fiabe più famose per bambini, utilizzando le tecniche del teatro di narrazione e di figura in modo inusuale, stuzzicando la fantasia degli spettatori dai più piccoli ai più grandi.

Con l’ausilio di un tavolo e utilizzando, in maniera non convenzionale, una serie di oggetti che sono presenti nelle case di ognuno di noi e che vengono utilizzati quotidianamente, si darà vita ad uno spettacolo divertente e unico nel suo genere, capace di stimolare fantasia, creatività ma soprattutto tanti sorrisi.