L’attuale presidente del consiglio comunale Salvatore Trovato, ha deciso di candidarsi come primo cittadino del suo paese: “Insieme ai miei compaesani, voglio ritrovare l’orgoglio di essere calatabianese. Il paese non merita di essere trattato come negli ultimi 15 anni”

Il neo candidato sindaco, tra i più giovani che concorreranno alla carica di primo cittadino nei paesi della provincia, ha appena 29 anni, ma conosce bene le dinamiche della politica di Calatabiano, e dell’amministrazione, essendo il presidente del consiglio comunale da 5 anni, eletto con il record dei voti. Laureato in scienze politiche, appartiene ad un’importante famiglia di imprenditori nell’ambito tessile.

Il suo interesse e la sua esperienza politica non nascono di recente: “Mi sono sempre distinto per l’impegno nel sociale, è attualmente sono attivo con 7 associazioni. Ho maturato la passione per la politica sin dagli anni del liceo, intensificandola nei comitati studenteschi universitari, dove venni anche eletto consigliere di facoltà. In questi anni di attività consiliare ho sempre manifestato nelle mie scelte lo spirito cattolico-democratico”.

Come ormai sembra essere consuetudine, in questo periodo in cui la politica delle piccole comunità è perlopiù distante da schieramenti precisi, anche quella di Salvatore Trovato sarà una lista civica: “SiAmo Calatabiano”, espressione del territorio, è formata da madri e padri di famiglia, nonché da ragazzi e ragazze che hanno a cuore il proprio paese, vivendo la politica come un servizio e non come un lavoro”.

A proposito del programma che intende portare avanti qualora fosse scelto dai concittadini, il candidato primo cittadino sostiene: “Cambiare il modo di fare e percepire la politica. A tal proposito, rifiutando rimborsi e privilegi, cercheremo di destinare i fondi previsti per le indennità alla creazione di due aree per i giovani. Tra le novità del programma -prosegue Trovato- la creazione di una squadra di tecnici e professionisti che lavorerà in sinergia con la Pubblica Amministrazione al fine di percepire quanti più fondi regionali, nazionali e comunitari possibili”.

E ancora -Per i giovani che non hanno la possibilità di praticare attività fisica, sarà garantito lo “sport free”, stipulando una convenzione con associazioni sportive locali. Massima attenzione verrà data al ripristino e alla valorizzazione del Centro Storico, adottando un apposito piano particolareggiato”.

Ma non solo amministrazione maggiormente efficiente: “Prevediamo molti progetti legati alle scuole; si procederà immediatamente con la gara d’appalto sui rifiuti, per meglio gestire il servizio e ridurre del 50% il costo della tassa. Cercheremo di far approvare definitivamente il piano di utilizzo del demanio marittimo al fine di poter rilanciare con dignità il litorale. Particolare attenzione verrà data agli agricoltori e ai prodotti locali. Infine, oltre alla riorganizzazione dei servizi comunali e alla riqualificazione delle aree verdi, verranno adottate politiche di razionalizzazione della spesa pubblica, al fine di ottimizzare le risorse ed estinguere il debito pubblico”.

Per quanto concerne poi il buon esito della tornata elettorale, Salvatore Trovato si dice ottimista: “Sono assolutamente fiducioso. Oggi non c’è cittadino di Calatabiano che non avverta la difficile situazione in cui vive la comunità. Vogliamo una città sicura, accogliente, vivibile, solidale, trasparente e partecipata, cosa che le vecchie Amministrazioni comunali non hanno saputo garantire. Per la prima volta, vogliamo dare ai calatabianesi l’opportunità di allontanare definitivamente, con un semplice voto, dal Palazzo Municipale chi ha messo in ginocchio il nostro paese. Solo in questo modo Calatabiano potrà intraprendere un nuovo cammino di crescita, lasciandosi alle spalle gli anni di malapolitica. L’11 giugno, con orgoglio, dimostriamo di essere tornati comunità”chiosa il candidato sindaco.