La rete è un immenso spazio-non spazio in cui cercare e trovare informazioni, comunicare con altri e soprattutto acquistare beni e servizi. Sempre florido ed estremamente vario, si offre al nostro pascolo come terreno ricco e fertile.

Potremmo anche mutuare dal linguaggio giuridico il termine di ‘diritto di pascolo’ ovvero diritto di godimento, dato che la rete è per tutti, offrendosi a quell’uso civico, sempre secondo il linguaggio specialistico, dove però la polis in questo caso non ha confini fisici. Termine largamente diffuso nel medioevo, quando molte erano le terre incolte di proprietà dello stato, dei principi, delle chiese, e più tardi dei comuni, su cui gli abitanti del territorio avevano facoltà di mandare a pascolare il loro gregge col pagamento di un censo annuo.

Ora noi siamo lì, voi che leggete siete qui, liberi di muovervi e di scegliere lo scampolo di prato che più vi aggrada.

Ma, continuando con la metafora, andiamo a vede cosa ci piace brucare di più, a noi italiani, nel grande non recinto della rete.

I mercati on line più floridi sono qui in Italia sono:

  • viaggi (49%)
  • libri/musica (48%)
  • moda, vestiti, borse ecc. (43%)
  • IT & Mobile/smartphone, tablet, ecc. (33%)
  • biglietti concerti/eventi sportivi (32%)
  • elettronica di consumo (32%)
  • prodotti per la cura della persona (25%)
  • giochi (18%)

Di circa una ventina di settori presi in esame, questi sono quelli con il volume di affari più alto relativamente alla spesa on line.

Prendiamo il primo: acquisto di voli last minute, prenotazione di alberghi o b&b, questi ultimi sempre più gettonati; noleggio di auto, tour, crociere. Tutto si trova, si sceglie e si compra ormai quasi esclusivamente on line.

Poi musica ed editoria, moda, IT, intrattenimento, elettrodomestici, prodotti di bellezza e ancora giochi. E proprio sulla crescita dei giochi, dove rientrano anche i siti di giochi online, negli ultimi anni si è registrata una crescita esponenziale. Soprattutto da quando, con il sempre maggiore utilizzo dei dispositivi mobili come smartphone e tablet, l’utente preferisce portarsi l’intrattenimento in tasca o giocare direttamente da casa invece che recarsi nei casinò fisici o nelle sale gioco. Quello della mobilità infatti è proprio, parlando di nuovi usi e costumi, quello che ha determinato la crescita di tutti i comparti elencati finora.

Chiosando, sempre su fil di metafora, in senso figurativo, con il termine pascolo si intende anche nutrimento, ad esempio le letture che sono un buon pascolo per la mente e così si potrebbe quindi anche dire di viaggi, bellezza e svago.