Il Movimento 5 Stelle è pronto a scendere in campo anche nel Comune di Militello per le amministrative di giugno, schierando Claudio Sinagra come candidato sindaco

Il Comune di Militello è entrato ufficialmente in campagna elettorale e il Movimento 5 Stelle è stato uno dei primi a presentare il suo programma per la città. Il gruppo politico ha scelto come candidato sindaco Claudio Sinagra, disoccupato quarantenne, ex tecnico in una raffineria nella zona industriale di Priolo.

Il M5S anche nel Comune di Militello ha deciso di schierare un candidato giovane e che non ha avuto precedenti esperienze politiche. L’aspirante primo cittadino e il gruppo politico vogliono rivitalizzare il comune militellese puntando sulle risorse ambientali e culturali.

“Io e il Movimento 5 Stelle abbiamo allestito il nostro programma basandoci su tre punti fondamentali – spiega Claudio Sinagra -. Il primo riguarda proprio l’ottimizzazione della pubblica amministrazione, ovvero: trasparenza, legalità e l’eliminazione degli sprechi. Dopodiché ci dedicheremo a questioni tecniche che riguardano proprio il Comune di Militello, dato che la macchina amministrativa negli ultimi vent’anni si è letteralmente inceppata“.

“Il secondo punto su cui vogliamo concentrarci sono le politiche sociali e territoriali. Sembra una cosa banale ma con il movimento vogliamo davvero aiutare tutte le famiglie messe in ginocchio dalla crisi e che adesso vivono una situazione di povertà – continua il candidato sindaco-. Il terzo punto, invece, riguarda il patrimonio ambientale e artistico. Sostanzialmente vogliamo puntare a una rivitalizzazione dell’economia locale, creando un circuito che unisca attività private con associazioni, cooperative ecc… Il tutto al fine di far rifiorire il turismo a Militello”.

Una delle promesse più importanti che l’aspirante primo cittadino e il Movimento 5 Stelle hanno fatto ai cittadini in caso di vittoria riguarda il taglio dello stipendio del 30%. “Abbiamo deciso di fare questa promessa ai nostri elettori anche se esiste una particolare regolamentazione che non ci obbliga ad abbassare lo stipendio nel caso in cui il movimento si insedia in un comune sotto i 10.000 abitanti, proprio come Militello – conclude Sinagra. Noi del Movimento 5 Stelle vogliamo solo riscattare il Comune di Militello, impiegando tutte le nostre energie e ascoltando le esigenze di tutti i cittadini”.