Dopo il problema dei buoni pasto inutilizzabili, di cui vi avevamo già parlato in un precedente articolo, adesso ci spostiamo su un altro aspetto poco incoraggiante che coinvolge Misterbianco. La questione riguarda “la triste storia” del poliambulatorio di via Galilei, dichiarato inagibile nel 2016 e soggetto ad atti vandalici ripetuti nel corso del tempo, adesso sembra però possibile un suo recupero. O almeno, di questo si è parlato oggi durante un vertice all’ASP di Catania. Cerchiamo di capire cosa è successo.

Alla riunione odierna partecipano il commissario dell’Asp di Catania Maurizio Lanza e il consigliere comunale Marco Corsaro del gruppo “Guardiamo Avanti” di Misterbianco. L’oggetto dell’incontro è il possibile recupero della struttura sanitaria di via Galilei, che potrebbe risultare un’utile guardia medica per la popolazione di Misterbianco ma anche della vicina Motta Sant’Anastasia.

Dopo il degrado in cui era “scivolato” questo edificio ecco che arriva la svolta: in seguito all’insediamento del commissario Lanza ecco che l’Asp decide quantomeno di mettere in sicurezza gli accessi alla struttura, in modo tale da interrompere la possibilità di vandalismo ed intrusioni non autorizzate. Da questo, al pensiero di poter recuperare interamente la struttura e farla diventare operativa il passo è breve, ma si sa tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. Anche se l’impegno sembra esserci davvero.

Il commissario Lanza ha dichiarato che l’Asp intende inserire il recupero strutturale dell’edificio fra i propri investimenti strategici per l’immediato futuro. Investimenti che però sono stati stimati nell’ordine di circa un milione e 400mila euro, è fattibile tutto ciò?

Per aiutare ulteriormente il recupero del presidio, il gruppo “Guardiamo Avanti” è pronto a cercare la sponda del Governo regionale. “Valutiamo di chiedere un intervento dell’Assessorato regionale alla Sanità – dichiara il capogruppo Corsaro – per reperire fondi tali da accorciare i tempi e restituire rapidamente la Guardia medica e una struttura di nuovo a pieno regime alla città di Misterbianco”.

Staremo a vedere.