La manovra finanziaria, che tra l’altro a quanto pare nessuno ha ancora avuto il tempo di leggere, probabilmente neanche il governo, apre scenari preoccupanti per il Mezzogiorno e la Sicilia in particolare. Se dovessero essere confermate le perplessità del sindaco di Catania Pogliese, peraltro confermate dal presidente Musumeci (cui però piace e non capiamo perché), saranno dolori. Allora ci si deve chiedere, e lo approfondiremo nei prossimi giorni uno per uno, quanto siano utili e come rappresentino gli interessi del territorio i parlamentari della maggioranza Lega-5Stelle eletti in Sicilia: SONO ADDIRITTURA 52!

I senatori eletti in Sicilia sono 25 e di questi 17 sostengono il governo: 16 del Movimento 5 Stelle ed 1 della Lega.

Quattro sono catanesi e tutti dei 5Stelle: Nunzia Catalfo, che è anche presidente della Commissione Lavoro e Previdenza, Mario Giarrusso, Tiziana Drago e Cristiano Anastasi.

Poi abbiamo: per la Lega Giulia Bongiorno, che è anche Ministro per la Funzione Pubblica, e per i 5Stelle Antonella Campagna, Grazia D’Angelo, Stanislao Di Piazza, Barbara Floridia, Cinzia Leone, Pietro Lorefice, Gaspare Antonio Marinello, Francesco Mollame, Giuseppe Pisani, Loredana Russo, Vincenzo Santangelo, Fabrizio Trentacoste.

Anche alla Camera dei Deputati la pattuglia è nutrita, nelle due circoscrizioni sono stati eletti ben 35 deputati: 33 per il M5Stelle e due per la Lega.

Sette sono i catanesi, anche qui tutti dei 5Stelle, tra cui il ministro per la Salute Giulia Grillo e poi Luciano Cantone, Santi Cappellani, Laura Paxia, Eugenio Saitta, Filippo Scerra e Simona Suriano.

Quindi abbiamo per i 5Stelle Luciano Cantone, Santi Cappellani, Francesco d’Uva, Paolo Ficara, Andrea Giarrizzo, Marialucia Lorefice, Maria Marzana, Antonella Papiro, Angela Raffa, Gianluca Rizzo, Alessio Mattia Villarosa che è anche Sottosegretario all’Economia, Davide Aiello, Piera Aiello, Roberta Alaimo, Azzurra Cancelleri (che è la sorella del leader siciliano dei 5Stelle Giancarlo), Vittoria Casa, Giuseppe Chiazzese, Rosalba Cimino, Valentina D’Orso, Caterina Licatini, Antonio Lombardo, Vita Martinciglio, Leonardo Salvatore Penna, Filippo Giuseppe Perconti, Dedalo Cosimo Gaetano Pignatone, Matilde Siracusano, Michele Sodano, Giorgio Trizzino e Adriano Varrica.

Per la Lega tra gli scranni di Montecitorio a sostenere il trio Conte-Salvini-Di Maio troviamo Carmelo Lo Monte e Alessandro Pagano.

È probabilmente la rappresentanza regionale di maggioranza più numerosa: 49 parlamentari dei 5Stelle e 3 della Lega, con ben 3 ministri se a Grillo e Bongiorno aggiungiamo quello della Giustizia Alfonso Bonafede, eletto in Toscana ma nativo di Mazara del Vallo.
Cercheremo di capire per ciascuno come stiano rappresentando gli interessi delle comunità che li hanno mandati in parlamento, in molti casi garantendogli ruolo e redditi che neanche potevano sognarsi, passando addirittura da zero ad oltre 100.
I senatori sopra citati hanno già votato questa manovra che condanna la Sicilia alla solita emarginazione, checché ne blateri Vittorio Feltri, e nei prossimi giorni lo faranno anche i deputati.
Troveremo il modo di ringraziarli: intanto buon Natale per l’anno nuovo proveremo ad inventarci qualcosa.