“ll sindaco Bianco pensa di giocare con la vita dei catanesi e non si rende conto che ormai è inadeguato per amministrare questa città”. A sostenerlo sono i Portavoce catanesi del M5S Giulia Grillo, Mario Giarrusso, Nunzia Catalfo, Ornella Bertorotta e Gianina Ciancio, a seguito dell’articolo di Sudpress di ieri, sulla delibazione della Giunta comunale, avvenuta appena due giorni fa, su un nuovo piano di rientro, oltre quello bloccato a Roma (sempre che sia legittimo in quanto presentato fuori tempo massimo) e per il quale il nostro giornale ha attivato un timer in home page

“Un piano di rientro latitante da parecchi mesi ed ecco arrivare il piano bis che costringerà i catanesi a pagare per almeno 30 anni. Apprendiamo da fonti di stampa del nuovo documento approvato dalla premiata ditta ‘Bianco&Co.’ che pur di avere margini di liquidità prevede una dilazione dei debiti nell’arco di 30 anni.

È vergognoso il comportamento di questa amministrazione comunale che non guarda al futuro di questa città ed altrettanto vergognoso che le Autorità competenti non intervengono per fronteggiare la crisi finanziaria in cui versa Catania. Il M5S sia alla Camera che al Senato, in questi anni, ha presentato diverse interrogazioni parlamentari per attenzionare le numerose criticità e inadeguatezze nonché denunciare atti e comportamenti illegali di questa amministrazione.

Nessuna risposta da parte di Ministri della Repubblica, nessuna ispezione o controllo da parte di chi ha il dovere di svolgere questi compiti. La situazione finanziaria è insostenibile. Vengono spostati milioni di euro da una cassa all’altra e a riguardo dei piani di rientro del mastodontico debito sappiamo solo che i catanesi dovranno sacrificarsi per altri 30 anni prima di vedere nuovamente ripartire questa città. Il M5S coinvolgerà i cittadini affinchè si possa cambiare pagina, con l’obiettivo di far uscire Catania dalla crisi finanziaria provocata dalle amministrazioni che hanno mal governato questa Città”.