Non c’è nulla da commentare, lo abbiamo già fatto abbastanza. Basta il video. E mentre in tutti i Teatri del mondo civile si vive il fermento di stagioni estive che sono occasione di sviluppo turistico ed economico, da queste parti si arriva con una strafottenza insopportabile a tenerlo chiuso e con artisti e maestranze a dover protestare per poter lavorare. Quando l’inadeguatezza diventa scandalo e spreca milioni di soldi pubblici. Del resto da un governo regionale che consente una gestione simile di un gioiello come il Bellini e pensa di potersi permettere di stare 3 mesi senza assessore ai Beni Culturali e ora, in piena stagione turistica, senza neanche l’assessore al Turismo, cosa ci si può attendere se non desolazione?