Le “poltrone”, lo abbiamo visto anche recentemente con il caso Sac Service, continuano ad auto assegnarsele, addirittura producendone anche quando non occorrerebbero, tra consiglieri della stessa Super Camera che si incollano nei vari consigli di amministrazione delle svariate società che controlla, a loro volta fucine incontrollate di appalti milionari, gestione di personale e consulenze a iosa non di rado bizzarre. Nel frattempo resta misterioso il ruolo svolto sul territorio da questo elefantiaco ente che opera in un regime di trasparenza vicina allo zero e continua ad indebitare le proprie casse (pubbliche) senza che si intraveda una soluzione: in ultimo il presidente Pietro Agen, assumendo i poteri della giunta (che ha poi ratificato), ha aumentato l’indebitamento a breve di oltre 2 milioni di euro portando a 6 milioni l’utilizzo dell’anticipo di tesoreria, con un costo presunto per interessi bancari in pochi mesi di ben 61 mila euro. Chiesta relazione motivata da parte del Collegio sindacale.... Leggi tutto