I dati dell’industria italiana continuano ad apparire insoddisfacenti e il trend fortemente positivo registrato nei mesi precedenti sembra essersi interrotto. Lo afferma il Codacons, commentando i dati diffusi oggi dall’Istat su fatturato e ordini di febbraio.

Francesco Tanasi Segretario Nazionale Codacons e Consigliere della Camera di Commercio Catania, Siracusa, Ragusa e della Sicilia orientale, spiega che il fatturato cresce ma solo dello 0,5% mentre gli ordini tornano a segnare numeri negativi con un calo del -0,6% . Ciò che davvero preoccupa, tuttavia, è l’andamento assolutamente negativo dei beni di consumo: quelli durevoli registrano infatti una flessione del -0,6%, che sale al -0,9% per i non durevoli. E’ evidente che l’industria italiana risente della mancata ripresa dei consumi, con le vendite che nel 2018 appaiono ancora deludenti e al di sotto delle aspettative. Meno acquisti da parte delle famiglie equivalgono a minor fatturato e a una contrazione degli ordinativi, ed è per questo – conclude Tanasi che ribadiamo la necessità di intervenire sul settore del commercio e sui consumi, attraverso misure ad hoc che fungano da traino all’economia nazionale.