Il 23 ottobre 2009 l'allora Magnifico Rettore dell'Università di Catania, Antonino Recca, conferiva la Laurea Specialistica in "Governo e gestione delle Amministrazioni e imprese" a Francesco Bellavista Caltagirone, presidente della società Acqua Pia Antica Marcia.

La cerimonia, nell'aula magna dell'Ateneo, fu solenne ed alla presenza delle massime autorità cittadine.

A leggere la motivazione fu il preside della facoltà di Scienze Politiche, prof. Giuseppe Vecchio, mentre la laudatio venne proferita dal prof. Giuseppe Barone, ordinario di Storia contemporanea.

L'ing. Francesco Bellavista Caltagirone tenne quindi la sua lectio doctoralis.

Applausi e abbondante rinfresco.

 

Le polemiche furono immediate, anche per le implicazioni politiche che compartavano stante il ruolo assunto dal rettore Recca all'interno dell'UDC.

Ma non molti potevano pronosticare quanto sarebbe successo qualche tempo dopo, con l'arresto, e per ben due volte, del prestigioso laureato onorario dell'Ateneo catanese.

Le accuse sono pesanti: frode in pubbliche forniture, appropriazione indebita e trasferimento fraudolento di beni a terzi

Di nuovo polemiche, stavolta decisamente inconfutabili, me nessun provvedimento da parte dell'Università: Francesco Bellavista Caltagirone resta insignito del titolo di Dottore Honoris Causa.

Nel frattempo, cambia il rettore, con Recca che cede l'ermellino a Giacomo Pignataro, eletto il 13 marzo 2013.

Tra i tanti impegni assunti dal nuovo Magnifico in campagna elettorale pare ci fosse anche quello di revocare quella imbarazzante onorificenza, ma a tutt'oggi nulla è stato fatto.

 

Cosa molta stana, anche perchè, a ricordargli gli impegni presi è addirittura una delibera formale del Dipartimento di Scienze Politiche che quella vergogna vorrebbe cancellarla dai suoi archivi.

Infatti, il Consiglio del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali si riunisce il 29 aprile del 2013, (alleghiamo il verbale in calce) appena 40 giorni dopo l'elezione del rettore Pignataro, e delibera: 

 

"Il Direttore, su richiesta del Dott. Gianni Piazza in merito alla richiesta di sospensione della Laurea Honoris Causa conferita all’imprenditore Francesco Gaetano Caltagirone, sottopone al Consiglio la seguente mozione, già presentata dal Coordinamento Unico dell’Ateneo di Catania: 

“Visto che, ai sensi del dettato dell'art. 169 del testo unico approvato con regio decreto 1592/1933, la laurea Honoris Causa può essere conferita soltanto a persone che, per opere compiute o pubblicazioni fatte, siano venute in meritata fama di singolare perizia nelle discipline della Facoltà per cui è concessa, con questa petizione facciamo appello al Rettore, agli organi centrali dell’Ateneo, al Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali (erede dell'allora Facoltà di Scienze Politiche, la quale ebbe l'idea di proporre quella candidatura), perché si trovino le vie amministrative opportune per questo necessario atto di tutela e ripristino dell'onorabilità del nostro Ateneo”

Il Consiglio, considerando opportuna la richiesta di sospensione in regime di autotutela per l’intero Ateneo, approva e fa propria la mozione avanzata."

 

 

Quindi, vi è un appello formale di un intero Consiglio di Dipartimento per restituire un minimo di decenza all'Ateneo ed alle sue Lauree Honoris Causa, ma il Magnifico Rettore Giacomo Pignataro non ha ancora ritenuto di compiere il richiesto "atto di tutela e ripristino dell'onorabilità dell'Ateneo."

Perchè?

 

 

 

teshon.png
L’Ateneo di Catania conferì l’alto riconoscimento a Francesco Bellavista Caltagirone, arrestato 2 volte. Scienze Politiche ne ha chiesto la revoca un anno fa, ma il Magnifico…
Autore
PDR