Hercule Poirot è lo pseudonimo scelto da un altro dei nostri più assidui commentatori, professionista dai variegati interessi . È intervenuto a commento dell’intervento del Prof. Condorelli e, oltre a fare una rapida incursione sulle elezioni incorso per l’Ordine dei Medici, lancia tra le righe un tema di interesse nazionale che a breve riprenderemo…

Indubbiamente Sudpress propone contenuti e stili che difficilmente lascerebbero immaginare padroni e interessi partigiani.
Tutto il merito dovuto quindi! Ma mi preme pero’ chiedermi e chiedere cosa davvero ha questa citta’ che non vada.
Se le parole hanno ancora un peso, ne sceglierei una soltanto: Miseria.

Victor Hugo tutto sommato descrive I Miserabili come personaggi buoni e generosi ma perseguitati e castigati dalla miseria, che non ammette ne’ perdono, ne’ redenzione.

In questa citta’ vige invece una situazione diametralmente simmetrica:
solo i miserabili hanno successo, sono immuni da condanne e censure e continuano a gestire le sorti delle miserie dei cittadini.

Gli ingredienti ci sono tutti: sporcizia, infamia, tracotanza, ignoranza, disamore per la cultura, per il senso del pudore.

Da piccolo, scandalizzato dai due nudi che sovrastano all’ingresso del palazzo del tribunale, nelle mani della Giustizia, veniva spiegato da mio padre che il nudo a sinistra era quello che aveva commesso colpe e che per la vergogna si nascondeva il viso, mentre quello di destra, non avendo nulla da temere, restava ben dritto con le braccia abbassate.

Sarebbe ora che Chi di dovere, invertisse la posizione di questi due nudi, giacché, a vergognarsi, a Catania, non sono i colpevoli, ma chi come noi si trova a disagio in mezzo ad un mucchio di furbi e sfacciati, immuni da ogni paura o vergogna.

Ma una colpa noi cosiddetti uomini onesti l’abbiamo: l’incapacità di aggregarci al di fuori di schieramenti politici, massonici, o dei circoli-bene.

Siamo capaci solo di lamentarci.

Abbiamo la memoria corta; pensiamo dopo tutto solo ai fatti nostri; siamo incapaci di essere responsabili di fare buone scelte alle elezioni; incapaci di appoggiare chi, in modo del tutto disinteressato ha dimostrato, pur non essendo né un genio, né un luminare, di combattere il malaffare, l’andazzo legalizzato, le operazioni piu’ perverse.

Per quanto riguarda ad esempio le elezioni dell’ordine professionale dei medici, (personalmente sono del tutto disinteressato al riguardo, non essendo né medico, né odontoiatra ma disgustato da come quelli della Rai o di Mediaset ci riprendono e ci giudicano mettendo le nostri istituzioni cittadine alla berlina) è ad esempio assurdo di come ci si sia dimenticato del lavoro che Sciacchitano svolse nell’esclusivo interesse di tutti gli iscritti alle casse di previdenza, aprendo a tutti noi professionisti, ignari di come funzionino oggi le Casse, dei rischi che corriamo e di come potremmo correre ai ripari…

Si presenta un illustre Chirurgo, con la C maiuscola, disposto a sacrificare il suo tempo e le sue capacita’ nel tentativo di riportare dignita’ a questa corporazione.

Si perche’ gli ordini professionali nacquero esclusivamente per difendere le relative corporazioni dalle ingerenze esterne, politiche, universitarie, ecc.

E invece si assiste alla costante ingerenza dell’universita’ in vari ordini professionali e gli iscritti non muovono un dito.

Da estraneo ai giochi, mi auguravo che l’illustre Candidato formasse una lista nuova, ad indicare che in effetti si volesse cambiare registro, senza ledere la dignità e la rispettabilita’ dei membri del precedente consiglio.

Ma salvo errore, in questa lista apparirebbero quattro membri appartenenti al consiglio uscente.

Perchè?

Perché Sciacchitano è stato liquidato?
Perché nessuno qui lo ha difeso e nemmeno ricordato?
Quali interessi sono davvero in gioco?

Possibile che gli ordini professionali qui debbano rappresentare controllo di voti politici? Si vuole cambiare?

Si inizi con la nomina di gente assolutamente disinteressata, anche mediocre: la reggenza di un consiglio di un ordine professionale non richiede particolari doti professionali o di intelligenza!
In un precedente mio commento spazzatura, indicavo lo starnuto come causa di danno erariale, ma a parte i soldi da spendere, che tutto sommato sono quelli di norma, dove sta la trasparenza?

Che ci siano persone che traffichino umanum est, diabolicum è invece l’assoluta indifferenza dei catanesi, che sono bravi solo a fare i fatti propri.