Un finale strepitoso quello di Wondertime che nella serata di ieri ha chiuso la stagione 2019. La rassegna d’arte, ideata da Rossella Pezzino de Geronimo e giunta alla terza edizione, ha diffuso per un mese intero arte nella nostra città con una serie di eventi, installazioni e spettacoli che hanno mobilitato il quartiere della Civita. La serata conclusiva, realizzata al Porto di Catania con migliaia di spettatori e grazie all’impegno del presidente dell’Autorità Portuale Andrea Annunziata e la costante assistenza di Ilaria Tomasi , ha visto impegnata l’intera orchestra e coro del Teatro Massimo Bellini con 140 artisti sul palco in un applauditissimo concerto sinfonico che ha fatto da cornice all’annuncio del quartiere scelto per la prossima edizione che si terrà a settembre 2020.

Sul palco, prima del concerto, ha preso parola il nostro editore Pierluigi Di Rosa, che ha ringraziato tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo straordinario evento ideato da Rossella Pezzino de Geronimo ed organizzato con Daniela Arionte, cofondatrice di Wondertime e curatrice delle varie mostre.

Menzione particolare per Pippo Russo che ha curato la complessa logistica di tutti gli eventi, coordinando lo staff messo a disposizione da Dusty con Lino Coco, Marco Ponzo e Pietro Saccullo, tutti infaticabili e straordinari nel svolgere i loro compiti.

Impeccabile la gestione della sicurezza garantita dall’architetto Giuseppe Pulvirenti.

Una squadra di professionisti ormai collaudata che rende WonderTime, una macchina davvero difficile da gestire, praticamente perfetta nella sua organizzazione, mostrando come la sinergia tra privati e pubblico possa portare a risultare eccezionali a giovamento di tutta la città.

Essenziale è infatti risultata l’assistenza offerta dall’amministrazione comunale con il Capo dei Gabinetto Giuseppe Ferraro e lo staff della Cultura con Salvo Lo Giudice e Giovanni Oberdan, che hanno dimostrato come buona volontà e competenza siano la chiave di volta per risolvere problemi e fare cose belle per la nostra Catania.

Rossella Pezzino de Geronimo, ideatrice della rassegna, ha salutato Wondertime 2019  annunciando tema e quartiere della quarta edizione.

WonderTime, che nel 2020 tornerà a settembre, si terrà nel quartiere di Cibali dove arte e spettacolo si svilupperanno  sul tema “Colore, Calore e Movimento”.

L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo Manlio Messina, ha definito Wondertime come “un ciclo di cultura di eccezionale valore“, ringraziando l’orchestra del teatro Massimo Bellini per il lustro che infonde alla nostra città in tutta Europa. Ha affermato che “tutti insieme, anche con il nuovo commissario del teatro, Daniela Lo Cascio, dobbiamo salvare il teatro attraverso un percorso virtuoso. Noi siamo la patria di Vincenzo Bellini, ma non abbiamo un festival belliniano. Il paradosso dei paradossi. Insieme al comune di Catania e a Barbara Mirabella, assessore alle Attività Culturali, stiamo lavorando affinchè nel 2020 si possa inaugurare una stagione con il festival belliniano. Viva Catania e viva la cultura“.

Sul palco anche Barbara Mirabella, assessore comunale alla Cultura, che ha ringraziato Giovanni Cultrera, direttore artistico per la musica, per aver organizzato anche quest’anno un evento magnifico. Da parte sua, i ringraziamenti del sindaco Salvo Pogliese, assente per impegni familiari ma che ha voluto presenziare nel pomeriggio alla premiazione della sezione giovanile di WonderTime curata anche quest’anno da Marco Magnano di San Lio con la collettiva “TemporarYoung” ospitata al Palazzo della Cultura.

L’orchestra è stata diretta magistralmente dalla bacchetta internazionale del Maestro Luigi Piovano, il quale ha mantenuto vivo l’interesse del pubblico spiegando dettagliatamente i brani eseguiti, la quinta sinfonia di Beethoven e i grandi cori Verdiani. Ha ringraziato l’orchestra per essere lì presente nonostante i problemi che attanagliano il teatro, “è un’atto d’amore per la città“.  Inoltre, ha precisato come il teatro non sia un contenitore vuoto, ma è fatto da musicisti, padri e madri. Per questo motivo, la decisione di replicare il Va Pensiero di Giuseppe Verdi invitando il pubblico a cantare insieme come una preghiera, come un caloroso momento di vicinanza e solidarietà. Questo è stato uno dei momenti più alti e toccanti della serata, che si è concluso con un intenso applauso.

Un concerto che ha lasciato tutti soddisfatti e orgogliosi del gioiello, la nostra orchestra, che Catania possiede.

In apertura di serata si è anche svolta la premiazione del contest di scrittura creativa realizzato dallo sceneggiatore Davide Chiara, che ha visto come vincitrice Daniela Puglisi con il suo romanzo Alle corde; insieme a lei, altri 5 vincitori vedranno a settembre la pubblicazione dei loro scritti in un’antologia a cura di WonderTime.

Le immagini di Donato Scuto