Continuità con l’Amministrazione uscente, quella del sindaco Galati. E’ sotto questa insegna che scende in campo Otello Floresta, vicesindaco uscente e candidato a guidare il futuro governo cittadino di Sant’Agata li Battiati. Il passaggio del testimone è avvenuto a Villa Vittoria, tra amici e sostenitori politici.

Oltre che dal sindaco uscente, la candidatura di Floresta è stata tenuta a battesimo ed è sostenuta dall’eurodeputato Giovanni La Via, dal sen. Pino Firrarello, dall’on. Nino D’Asero, dall’on. Toti lombardo. In prima fila l’ex sottosegretario ai trasporti Pippo Reina, Mimmo Rapisarda sindaco di Gravina, Filippo Drago sindaco di Acicastello e Filippo Privitera sindaco di Camporotondo Etneo, gli onorevoli Marco Forzese, Salvo Giuffrida, Mimmo Rotella e Franco Calanducci, l’avv. Mario Brancato, Alessandro Porto, capo gruppo al consiglio comunale di Catania nella lista del Sindaco Bianco, l’ex presidente dell’Autorità portuale Santo Castiglione, l’assessore all’Urbanistica del Comune di Catania Salvo Di Salvo. In sala sono tanti i consiglieri comunali presenti e ci sono pure i candidati che affiancheranno Floresta.

“Abbiamo gestito questo paese come fosse una famiglia, in modo molto morigerato ed equilibrato – ha affermato Floresta – affrontando problematiche che venivano dal passato, debiti fuori bilancio che hanno avuto un peso notevole nelle nostre casse. Abbiamo saputo far fronte a queste situazioni nonostante le risorse regionali siano sempre più esigue e gli aiuti dallo Stato sempre più ridotti. Ora siamo pronti per il rilancio di Battiati: è il momento del fare”.

Tra gli obiettivi del candidato Floresta, anche una Battiati più vicina all’Europa con la creazione di un ufficio per le politiche comunitarie, oltre a efficientamento energetico, ambiente e sicurezza, per ridurre il carico fiscale e migliorare la qualità della vita.