È stata avviata una sottoscrizione a favore delle famiglie dei vigili del fuoco deceduti nell’esplosione della bottega di via Garibaldi, il 20 marzo scorso, Giorgio Grammatico e Dario Ambiamonte, e dei due sopravvissuti in gravi condizioni Marcello Tavormina e Giuseppe Cannavò. Un conto corrente bancario è stato aperto per poter contribuire al sostegno economico dei feriti e delle famiglie dei pompieri purtroppo deceduti. “Il conto corrente è gestito direttamente dall’Associazione Nazionale dei Vigili del Fuoco in Congedo, che è organismo istituzionalmente riconosciuto a garanzia di trasparenza e correttezza“- viene spiegato dal Comando

Una bella iniziativa di solidarietà per aiutare, in questo particolare caso, le famiglie e chi ogni giorno lavora in condizioni veramente terrificanti, a causa della mancanza di fondi, con stipendi quasi indegni di quel nome e senza nemmeno l’assicurazione INAIL, rischiando la vita e la propria incolumità costantemente.

La donazione, di qualunque importo rappresenterebbe una piccola dimostrazione di riconoscenza nei confronti di chi fa questo mestiere, quasi dimenticato dalle istituzioni, ma con grandissimo spirito di sacrificio e senza preoccuparsi di sè, al momento di intervenire per gli altri.