Dal 30 giugno al 27 luglio la terza edizione di WonderTime: la rassegna d’arte che ama Catania è pronta per invadere la città e far riscoprire, ancora una volta, luoghi dimenticati dall’incredibile storia culturale e artistica

Ci sono luoghi antichi, nel cuore di Catania. Sconosciuti ai più, ma dal grande valore storico e artistico.
E c’è un gruppo di imprenditori mecenati, amanti dell’arte, del bello. Amanti di Catania.
L’insieme di questi due elementi si chiama WonderTime.

L’anno scorso era stato il tempo dell’ex calzaturificio EGA e dell’Istituto Incremento Ippico. Della rimessa AMT R1 e della cripta San Giuseppe al Transito e di tanti altri luoghi riportati a nuova vita.

Una vera e propria provocazione la decisione di portare l’intera orchestra del Teatro Massimo Bellini a piazza Palestro, un evento divenuto subito memorabile e che ha dato il via ad una vera e propria riqualificazione della storica Porta Garibaldi.

Quest’anno sarà la volta di piazzetta 17 agosto, a tutti nota come la Civita, il luogo dove Martoglio si sedeva a scrivere le sue pièce teatrali e del palazzo Gravina Re Burdone. Del cinema a luci rosse Sarah e di Palazzo Biscari con la collezione Sandretto Re Rebaudengo.

Ancora una volta un mese di eventi, mostre, vernissage, concerti, spettacoli, performance. Ancora un volta WonderTime.

wondertime catania 2019WonderTime Catania, la “rassegna internazionale di arte diffusa” ideata da Rossella Pezzino de Geronimo con Daniela Arionte e Pierluigi Di Rosa, giunta alla terza edizione, si prepara a sorprendere il suo pubblico e a travolgerlo con la forza delle emozioni generate dall’arte.
Esperienze uniche, contatto con l’altro, desiderio, abbraccio, vita, sentimento amoroso ed energia folle, porterà il pubblico alla ricerca dell’ “Eros, che non si trova su Wikipedia”, nuovo tema della Kermesse, che coinvolgerà come sempre un comitato promotore composto da imprenditori e professionisti catanesi che hanno coinvolto a confrontarsi sul tema della rassegna anche quest’anno decine di artisti, musicisti, curatori d’arte, sceneggiatori e danzatori.
Ogni giorno per un mese intero, dal 29 giugno al 27 luglio, WonderTime proporrà di vivere angoli della Città in maniera diversa dal consueto, ogni evento con lo sguardo penetrante delle emozioni, accompagnando lungo un percorso di conoscenza, per svelare tutti, o quasi, i segreti che si celano dietro ogni singolo appuntamento.

Nel segno di Eros, si snoderà l’inusuale percorso artistico, che bacerà luoghi dal fascino antico e immortale, come palazzo Pedagaggi, le Terme dell’Indirizzo, Palazzo Gravina Re Burdone, la Fontana di Proserpina, per poi toccare luoghi simbolo della città di Catania, come il cortile Platamone e l’Archivio di Stato e il palazzo Biscari che ospiterà una selezione di opere d’arte provenienti dalla prestigiosa Collezione Sandretto Re Rebaudengo per concentrarsi nel vero centro della nostra “Civita”, la piazzetta “17 agosto” dove all’ombra di un secolare ulivo Nino Martoglio scriveva le sue opere immortali: e anche qui ci sarà una sorpresa con WonderTime che restituirà alla Città un simbolo della sua creatività ed in cui arte e storia si intrecceranno negli angoli nascosti e dimenticati del centro storico, cuore pulsante di Catania, ora squarciato dalle bombe ora scenografia naturale di spettacoli.

Palazzo Gravina Reburdone sarà quest’anno anche sede delle attività giovanili che WonderTime vuole ospitare dando spazio alle proposte dell’Etna Culture Fest con artisti del circuito underground catanese che potranno esprimersi all’interno della splendida corte del palazzo settecentesco di via Vittorio Emanuele.
E ancora la dimora della cultura, la Facoltà di Scienze Politiche aprirà le porte alla creatività con il corso di scrittura creativa sia per la sceneggiatura che per il romanzo.
I 6 migliori soggetti saranno premiati e inseriti all’interno della prima antologia che sarà editata e stampata a cura di WonderTime.

wondertime catania 2019

Un vero e proprio viaggio che passerà anche dalla stazione Giovanni XXII della metropolitana, per parlare con il linguaggio dei giovani attraverso la Street art, all’interno della rassegna “Emergence Festival” che vedrà la presenza di artisti di fama internazionale come Pao e lo spagnolo David de la Mano che contribuiranno a rendere la stazione metro della FCE un’opera d’arte a cielo aperto.
Ancora musica nella chiesa della Badia Sant’Agata, con uno spettacolare concerto di giovani voci del coro “American Music Choir” composto da 100 bambini americani e la magia conturbante della danza Butoh nell’incantevole cornice del convitto Cutelli.

Particolare ed originale l’evocazione profonda e misteriosa dell’Eros che coinvolgerà un simbolo della catanesità a luci rosse, il cinema Sarah che ospiterà ogni giovedì l’artista francese Sophie Nicole Culière con la sua opera audiovisiva “Touch your nose, pull your tongue out”, un auto ritratto frammentario e digitale, attraverso l’esperienza della cahtroulette, un sito web in cui gli utenti vengono accoppiati casualmente attraverso una videochat.

Chiusura con l’ormai tradizionale grande concerto che anche quest’anno ha voluto coinvolgere l’intera orchestra del Teatro Massimo Bellini che offrirà la sua arte nella suggestiva cornice del porto di Catania.
E infine, coda il 17 agosto con uno spettacolo di danza contemporanea della compagnia di stato della Corea che si esibirà per WonderTime al Cortile Platamone del Palazzo della Cultura di Catania.
Un programma straordinario che probabilmente si arricchirà ulteriormente poiché anche in corso d’opera giungono proposte artistiche che gli organizzatori proveranno ad inserire nello spirito mecenatico di offrire alla Città il massimo di occasioni per vivere insieme la nostra comunità ed al contempo consentire ai tanti artisti occasioni per esprimere i loro talenti e sensibilità con lo scopo finale di stringere la nostra città in un grande abbraccio collettivo con tutte le sue componenti di buona volontà impegnate per il suo rilancio.

Il 21 giugno conferenza stampa di presentazione a Palazzo degli Elefanti e dal 30 giugno opening per tutte le mostre in programma: WonderTime 2019 arriva.