“Promuoveremo – ha detto Enzo Bianco – il nostro porto con le nuove iniziative e l’idea di farne un hub in diretta connessione con le altre infrastrutture della zona del Sud Est, al prossimo salone nautico di Miami, la più importante vetrina del turismo del mare”.

E questa è già notizia.

Un porto che è chiuso alla città da barriere di tutti i tipi, con locali demaniali trasformati in discoteche e persino una strada pubblica sotto gli “Archi” diventata parcheggio privato a pagamento, lo andiamo a presentare addirittura a Miami.

Bianco. “Abbiamo l’ obiettivo ambizioso di fare del porto di Catania un hub per il distretto Sud Est”

E’ giusto, si sa bene quanto siamo “ambiziosi” a Catania.

E’ infatti una “precisa strategia, messa a punto nel corso di una serie di incontri, che è stata presentata oggi dal sindaco di Catania Enzo Bianco assieme al Commissario dell’Autorità portuale Cosimo Aiello e al direttore del Compartimento Marittimo della Sicilia Orientale, contrammiraglio Domenico De Michele”, come recita fedelmente l’immancabile comunicato stampa del comune.

Un’intervento concreto in effetti pare si sia raggiunto con “l’abbattimento di circa il 30% della tariffa di smaltimento rifiuti, ottenuto grazie alla disponibilità della società che gestisce il servizio, proponendo quindi tariffe in linea con quelle dei porti di Palermo e Messina” e si sta studiando come diminuirle ulteriormente con il conferimento in discarica effettuato dal Comune.“

Questa misericordiosa “disponibilità” della società che gestisce il servizio non la comprendiamo bene, ma è comunque una bella cosa e l’apprezziamo.

Tuttavia, il colpo di genio è un altro, non c’è che dire:

“Nei prossimi giorni – prosegue il sindaco Bianco- sarà completato inoltre il percorso pedonale dedicato ai turisti che scendono dalle navi, grazie all’accordo con la società di gestione della stazione marittima.

Un percorso coperto che collega il molo di attracco con l’edificio della Vecchia Dogana, dotato di nebulizzazione per abbassare la sensazione di calore delle alte temperature estive.

Si, abbiamo capito bene: I turisti scenderanno dalla scaletta di attracco e verranno investiti da una pioggerellina che ne rinfrescherà le membra accaldate.

Geniale, semplicemente geniale, al cui confronto la famosa sciata di Scapagnini in via Sangiuliano diventa quisquilia e pinzillacchera.

Altro che Miami, su Marte dovremmo andare, noi catanesi.


PS: Tanto per capire di cosa si parla:

 

passerella.jpg
Nuove iniziative per favorire il turismo crocieristico….e vola a Miami