Ragionamenti più approfonditi si potranno fare nelle prossime ore, quando si cominceranno a delineare gli equilibri interni. Intanto diamo i risultati di questa tormentata elezione dei vertici dell’ordine dei medici catanesi che qualche riflessione consente di farla anche subito. Francesca Catalano, direttrice del reparto di senologia del Cannizzaro e leader dell’ANDOS, è la più votata in assoluto con 1556 voti, successo personale del chirurgo Giorgio Giannone che entra in consiglio direttivo con 1403 voti. TUTTI I RISULTATI

Si è concluso a tarda notte lo spoglio delle schede elettorali per il rinnovo del consiglio direttivo che ha registrato una scarsa affluenza nonostante il clamore suscitato, per varie ragioni, da queste elezioni.

Il dato infatti probabilmente più eclatante e davvero preoccupante è lo scarso interesse mostrato dai medici per i loro organi rappresentativi, andando a votare appena un terzo degli aventi diritto.

Questo ha probabilmente favorito come da pronostico la lista “Ordiniamoci”, decisamente più strutturata avendo tra i suoi sponsor esponenti politici di lungo corso con notevole esperienza nella gestione di campagne elettorali di ogni tipo, dai condomìni alle politiche.

La Lista “Ordiniamoci” ha piazzato 14 consiglieri sui 15 previsti, resta fuori dal consiglio solo Gesualdo Cultrona primo dei non eletti.

Francesca Catalano, primario di senologia al Cannizzareo, presidente Andos e moglie del Magnifico Rettore Francesco Basile, è la prima degli eletti con 1556 voti, a seguire Diego Piazza, primario chirurgo del Garibaldi-Nesima, con 1505, solo nono il consulente dell’assessore alla Sanità Razza Giuseppe Liberti con 1391 voti.

La “Lista Giannone Presidente”, formatasi in antitesi al “sistema dominante”, è alla fine riuscita a strappare un posto in tribuna con l’ingresso in consiglio  dello stesso Giorgio Giannone, una presenza che farà sentire tutto il suo peso e consentirà quanto meno di avere un minimo di conoscenza di quanto accadrà.

Successo personale degli “uscenti” Rosalia Lo Gerfo, Lucio Di Mauro e Nino Rizzo che mancano per pochi voti la riconferma in consiglio piazzandosi in sequenza ai primi posti dei non eletti.

Delusione per la lista “Andiamo Avanti” con il suo promotore Gianluca Albanese che si classifica al 31esimo posto su 45 e la dottoressa Serafina Strano al 34esimo.

Ovviamente il tutto al netto di ricorsi già annunciati per il turbamento causato dall’intricata vicenda della gestione del seggio elettorale sulla quale ci sono già almeno due denunce.

Adesso si apre la corsa alla presidenza che, stando ai risultati ed agli accordi annunciati in campagna elettorale dalla lista vincitrice, dovrebbe vedere per la prima volta nella sua storia una donna al vertice dell’ordine dei Medici di Catania.

Vedremo.

Questi tutti i risultati: