Come anticipato da Sudpress nel pomeriggio, il consiglio dei ministri riunito questa sera ha approvato un decreto legge “interpretativo” che sancisce l’ineleggibilità dei consiglieri uscenti con due mandati svolti. Il fatto che le elezioni siano già in corso da ieri dovrebbe comportare adesso il loro annullamento e l’indizione di una nuova tornata. Tutta da scrivere. In ogni caso rimarranno fuori l’attuale candidato presidente e tesoriere uscente Ninny Distefano, il vice presidente Marco Tortorici, il consigliere segretario Walter Toro oltre ai consiglieri Santo Li Volsi, Alberto Giaconia, Roberto Caruso e Jessica Gualtieri. Il comunicato ufficiale della presidenza del Consiglio dei Ministri di fine seduta.

Misure urgenti e indifferibili per il rinnovo dei consigli degli ordini circondariali forensi (decreto-legge):

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro della giustizia Alfonso Bonafede, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti e indifferibili per assicurare condizioni di ordinato rinnovo dei consigli degli ordini circondariali forensi scaduti il 31 dicembre 2018, superando, a tutela della loro funzionalità, le incertezze applicative in ordine alla ineleggibilità di avvocati che hanno già svolto due mandati consecutivi, ai sensi della legge 12 luglio 2017, n. 113.

Con le disposizioni introdotte si conferma che, come sancito dalla Corte di cassazione con la sentenza n. 32781/2018, ai fini del citato divieto si deve tener conto anche dei mandati iniziati prima dell’entrata in vigore della legge 31 dicembre 2012, n. 247.

Resta fermo quanto disposto dalla legge 12 luglio 2017, n. 113, in ordine, rispettivamente, alla possibilità di ricandidarsi quando sia trascorso un numero di anni uguale agli anni nei quali si è svolto il precedente mandato e all’irrilevanza dei mandati di durata inferiore ai due anni.