Sono entrati nella sua abitazione nei pressi di Piazza Santa Maria di Gesù tentando di rubare nell’appartamento. Il poliziotto, accortosi dell’intrusione, è riuscito a fermare uno dei due rapinatori ma è rimasto ferito nella colluttazione.
Il Sindaco: “Un fatto di estrema gravità che conferma il livello dell’insicurezza che si registra a Catania come in molte altre parti del Paese”. Domani incontro con sottosegretari all’Interno Stefano Candiani e Nicola Molteni.

Un tentato furto in appartamento che rischiava di finire in tragedia. È successo la scorsa notte alle 3:30 nei pressi di Piazza Santa Maria di Gesù: due giovani subsahariani si sono introdotti in casa di Nuccio Garozzo, commissario di Polizia approfittando di una porta finestra lasciata aperta.

Il poliziotto, svegliato dai rumori, ha tentato di fermare i due intrusi ingaggiando una violenta colluttazione nella quale ha riportato diverse ferite da taglio causate da un oggetto metallico di cui uno dei malviventi era in possesso.

Nel tentativo di darsi alla fuga, i due extracomunitari hanno raggiunto il balcone dal quale erano entrati e si sono lanciati di sotto atterrando sul marciapiede.

Il Commissario, sceso in strada è poi riuscito a bloccare uno dei malviventi, mentre il complice riusciva invece a fuggire.

Ad intervenire sul posto la locale Squadra Mobile: il ragazzo tratto in arresto è stato identificato come Mohamed Djibril che a causa delle ferite riportate nella caduta veniva ricoverato presso questo Ospedale “Garibaldi”, con prognosi riservata. titolare di permesso di soggiorno per motivi umanitari rilasciato dal Questore di Catania lo scorso ottobre 2017, su segnalazione della Commissione Territoriale per il Riconoscimento della Protezione Internazionale di Catania per motivi legati alla minore età e alla presenza di una grave patologia genetica.

Per il commissario Garozzo si sono resi necessari diversi punti di sutura.

Il diciottenne ghanese, non è nuovo a episodi di violenza: durante lo scorso anno si era reso colpevole di minacce, violenza, percosse e lesioni personali ai danni di dipendenti della comunità per minori che lo ha ospitato, nonché per detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Da ultimo, in data 11 luglio 2018, veniva denunciato per furto ai danni della comunità presso la quale risiedeva.

Non si sono fatti attendere i messaggi di solidarietà al Commissario ferito e alla famiglia.

“Un fatto di estema gravità che conferma il livello dell’insicurezza che si registra a Catania come in molte altre parti del Paese”, afferma in una nota il Sindaco di Catania Salvo Pogliese.

“Mi sono sincerato telefonicamente delle condizioni di salute del commissario Nuccio Garozzo e come primo cittadino gli ho espresso lo sdegno dell’intera città. Domani mattina alle ore 10,00 in Questura insieme ai sottosegretari all’Interno Stefano Candiani e Nicola Molteni e all’assessore comunale alla sicurezza Fabio Cantarella, incontrerò il Questore di Catania e il commissario vittima dell’aggressione per manifestare concretamente la vicinanza delle istituzioni alle forze dell’ordine che devono essere adeguatamente rafforzate con mezzi investigativi e personale qualificato per contrastare i gravi fenomeni di violenza che si registrano e aumentare il livello di contrasto alle organizzazioni criminali”.