venerdì - 22 febbraio 2019

1290 chili di marmo e un paranco. Per la gioia del Santo

Una piccola crew capitanata da 3 vigili del fuoco ( Vincenzo Scillipoti, Vincenzo Chiarenza e Gianfranco Tirri) si è mossa ieri mattino all’interno della chiesa di San Nicola l’Arena in Piazza Dante a Catania. Per l’operazione di “recupero e messa in sicurezza” della statua di San Nicola, mi hanno specificato i pompieri…Al loro fianco c’erano

Del primato immorale e incivile dei catanesi

Centoquattresima su centoquattro: in gara per malaffare, ‘indecoro’ urbano, istituzioni deviate, inciviltà, inefficienza delle strutture sanitarie, inefficienza delle strutture scolastiche, disordine pubblico, sporcizia delle strade……..abbiamo battuto tutte le città d’Italia.

Accade alle Ciminiere: l’improbabile “1° Biennale Internazionale dell’Arte Contemporanea”

Il titolo è roboante, di certo invitante. Immaginiamo qualche raffinato turista straniero come non avrebbe potuto esserne attratto. E immaginiamo anche il suo “stupore”: a Catania, nona città d’Italia, terra di Cultura per eccellenza, una roba simile. Poi, il patrocinio niente meno che della Città Metropolitana e la concessione (non si sa a che titolo

Gli otto semafori (spenti) di Corso Italia

I catanesi? Ma sono davvero strani. Aggiornamento alle ore 7.45 di mercoledì 24 ottobre: ancora spenti…

Policlinico, commemorato Vito Giustolisi: un grande Medico

Il 6 ottobre è caduto l’anniversario della scomparsa di un grande medico, Vito Giustolisi, Primario del Pronto Soccorso del Vittorio Emanuele e presidente nazionale della Societa Italiana di Medicina d’Emergenza ed Urgenza, considerato uno dei padri della moderna organizzazione dei reparti d’urgenza. È stato commemorato questo sabato alla presenza del Magnifico Rettore dell’Università di Catania

30 minuti di pioggia. Possono diventare un pericolo mortale?

Al direttore di SudStyle Aldo Premoli, milanese che evidentemente ricorda meglio di noi catanesi, la pioggia di ieri ed un incidente cui ha assistito hanno fatto tornare in mente la terribile tragedia del 15 ottobre 2003, quando la giovanissima Annalisa Bongiovanni morì affogata sol perché …pioveva. E anche ieri un giovane ha rischiato e chissà

“Il caos è un effetto del disordine o è la madre di tutti gli ordini?”

Sulla riflessione lanciata dal direttore di SudStyle Aldo Premoli con “Caos, Comunicazione e Butterfly effect”, interviene l’ing. Renato Cappellani: “Può solo rallegrare il fatto che l’Autore del presente articolo dedichi la sua intelligenza all’utilizzo di nuovi strumenti di pensiero che la Scienza mette a disposizione di tutti.”

Caos, Comunicazione e Butterfly effect

La teoria del caos si basa sull’idea che una qualsiasi variazione, anche il battito delle alidi una farfalla, può creare un futuro del tutto imprevedibile. In fisica l’effetto farfallaritiene che piccole variazioni possano produrre grandi variazioni nel comportamento a lungo termine di un determinato sistema.

La strada maestra resta l’azione diplomatica. La tesi dell’Imam della Moschea di Catania

Circa il decreto Salvini su immigrazione e sicurezza si è espresso in SudPress qualche giorno fa mons. Gaetano Zito, Vicario Episcopale per la Cultura. Aldo Premoli direttore di Sudstyle lo ha chiesto anche a  Kheit Abdelhafid Imam della Moschea di Catania.

Diritto di Cittadinanza o Diritto di Nascita? La tesi di Monsignor Gaetano Zito

Dunque il decreto Salvini su immigrazione e sicurezza è cosa fatta. Qui di seguito il direttore di SudStyle Aldo Premoli sintetizza gli aspetti che hanno a che fare con il Diritto di cittadinanza, questione direttamente connessa al fenomeno migratorio che ha investito il continente europeo negli ultimi 5 anni. Argomento delicatissimo, che coinvolge rischiando di

Vicenda Ciancio, il post di Daniele Abate: “Troppo tardi e ormai troppo poco”

Mentre la politica sta ancora metabolizzando la vicenda che ha portato al maxi sequestro di beni per Mario Ciancio Sanfilippo, la società civile sui social dibatte, dice la sua e si complimenta con l’operato della Magistratura. VI proponiamo la riflessione di Daniele Abate, Direttore del Ludum il Museo della Scienza per Ragazzi: un’analisi lucida che

L’ora di dialetto nelle scuole siciliane. La difesa in lingua inglese di Maurizio Caserta

As a young postgraduate student of economics I spent a number of years in England at the universities of Cambridge and London.

L’ora di dialetto nelle scuole siciliane. La requisitoria digitale di Aldo Premoli

Nella libreria Pescebanana, appena inaugurata a Picanello dall’amico Umberto Bruno lo scorso mercoledì, ho fatto un incontro casuale. Una bambina di nome Andrea (11 anni ma pensieri da adulto) è entrata e, sola soletta, si è messa a guadare i libri esposti in attesa che la nonna finisse di fare le sue giocate alle macchinette

Il non finito come nuova estetica italiana

Un’Italia che cade a pezzi, non soltanto in senso fisico, e miliardi sprecati in maniera criminale per realizzare opere spesso inutili che non verranno mai completate: una riflessione nel suo stile del direttore di SudStyle Aldo Premoli che tira fuori una vecchia pubblicazione che offre un modo originale, persino artistico, di guardare alla follia politica

Arte contemporanea a Catania. Questa volta vista da Londra

Vive tra Catania e londra questo 23enne che ha dato una – in verità notevolissima – prova di sé organizzando una straordinaria mostra a Palazzo Biscari la scorsa primavera. E ora interviene, dopo i contributi di Aldo Premoli, Giuseppe Siracusa, Gianluca Collica e Carmelo Nicosia, nel dibattito avviato da SudPress sullo stato dell’arte contemporanea a

Ancora sull’arte a Catania

Rieccoci. Con questo testo un super-polemico Gianluca Collica interviene nel dibattito avviato dall’intervista di Aldo Premoli all’artista Gian Maria Tosatti  dopo l’ installazione a Palazzo Biscari e dai successivi interventi di Carmelo Nicosia e Giuseppe Siracusa pubblicati da SudPress. Proprio mentre in città è partito WonderTime2018…

Il Nord procede a testa bassa. E il Sud che fa?

“La vicenda legata ai 177 eritrei tenuti prigionieri per 10 giorni a bordo della Diciotti si è rivelata alla sua conclusione un gigantesco un effetto ottico: un enorme “Fata Morgana”. Iniziava così l’editoriale  pubblicato su questa piattaforma lo scorso 30 agosto…

L’arte a Catania? …. Si dia spazio al coraggio!

Giuseppe Siracusa, biologo e artista poliedrico, interviene nel dibattito avviato dall’intervista di Aldo Premoli a Gian Maia Tosatti dopo la sua installazione a Palazzo Biscari e dal seguente intervento di Carmelo Nicosia pubblicato da SudPress.

Niente di nuovo sul Molo di Levante/4: Dieci giorni di cronaca. Nera

Una nave della Marina Militare italiana con 190 naufraghi a bordo viene sequestrata da un Ministro della Repubblica italiana. Dopo giorni di estenuanti trattative e sbarchi a singhiozzo nella serata di ieri i Pm di Agrigento, Chiesa, Albania e Irlada piegano Salvini.

Niente di nuovo sul molo di Levante /3: Personaggi e interpreti

  Questa è la cronaca di una settimana catanese, ma ormai a tutti gli effetti italiana e anche europea, in cui solo apparentemente non è successo granché. C’erano 177 prigionieri su una nave della Marina Militare italiana al Molo di Levante, oggi ce ne sono 150…

La nave Diciotti e il Caos che ci governa/2

Il Ministro degli Interni Matteo Salvini, si sa “non ha paura di niente e di nessuno”, così dice lui. E’ stato molto chiaro: i disgraziati che stanno a guardare da martedì alle 23.30 il molo di Levante di Catania non sbarcheranno se la Ue non da garanzie sui ricollocamenti in altri Paesi. Questo prima del

Niente di nuovo sul molo di Levante

Questa è la cronaca di una giornata catanese – mercoledì 21 agosto 2018 – in cui apparentemente non è successo nulla. Mentre il mondo sta a guardare quello che non è avvenuto sul Molo di Levante.

La nave Diciotti e il Caos che ci governa

Fa ormai parte della nostra quotidianità. Ma già nel 492 a.C. per il greco Anassagora il Caos identificava “la mescolanza di tutte le cose, precedendo l’opera discriminatrice dell’intelletto”. Dal Caos nacque Erebo, abisso senza fondo di tenebre; e poi Notte, anche essa buia e misteriosa; e ancora le Moire, tristi ministre del Destino che tessono i

Login Digitrend s.r.l