giovedì - 21 settembre 2017

Le panchine di piazza Università sono quelle tolte al “Passiatore”, ormai abbandonato

Da qualche giorno, la bella pavimentazione del “passiatore”, storica passeggiata sul mare poco dopo la stazione, è stata deturpata a causa della rimozione delle panchine presenti, successivamente rimontate in piazza Università, con tanto di solita cerimonia celebrativa del sindaco Enzo Bianco. Si tappa un buco, per aprirne un altro. E SUDPRESS HA SCOVATO UN DOCUMENTO INCREDIBILE

Caos rifiuti: le anomalie della gara d’appalto deserta, la manager della Dusty “Bando improponibile, il Comune lo sapeva”

“Mi dispiace avere il ruolo della Cassandra ma io già dalla prima gara andata deserta , avevo cercato di spiegare al Comune che il bando prevedeva dei requisiti specifici e molto esagerati che rendevano impossibile la partecipazione delle imprese del Sud, e non era previsto nemmeno un raggruppamento con le imprese del Nord”. A Parlare è

Mario Rapisardi: si inizia il 18 ma la dirigente avverte “Tante cose non vanno, il Comune dia risposte concrete”

Dovrebbero cominciare giorno 18 le lezioni alla scuola dell’infanzia Rapisardi, ma il condizionale ancora è d’obbligo. “Se entro il 14 non dovessero arrivare le certificazioni sulla sicurezza, come promesso dal Comune, mi riservo il diritto di prendere altre decisioni sull’apertura della scuola” afferma senza mezzi termini la dirigente scolastica, Rosaria Maltese.  “La nostra struttura è molto

Amt, Puccio La Rosa di nuovo presidente: “Mi tremano i polsi”

Ad affiancarlo nel Consiglio di Amministrazione saranno una sua vecchia conoscenza, Raffaella Mandarano, che era stata nel cda con lui fino a gennaio,  e Stefania Di Serio che viene confermata. A deciderlo è stata l’assemblea dei soci convocata proprio oggi

Via del Rotolo: Sudpress non aderisce alla manifestazione del Comune e vi spieghiamo perché

Avevamo deciso di aderire con convinzione alla manifestazione di ieri in piazza Nettuno, promossa spontaneamente da un gruppo di cittadini su facebook, poi saltata per il maltempo. Un’iniziativa che doveva servire, oltre che ad esprimere la vicinanza alla famiglia dell’ispettore Licari, a manifestare l’indignazione contro la recrudescenza dell’inciviltà e del senso di impunità di parte

Pubblicata legge Città Metropolitane: decaduti Bianco, Orlando e Accorinti

Seppur con comodo e in netto ritardo, il governo Crocetta ha promulgato e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, la legge regionale n.17 dell’11 agosto scorso che di fatto ripristina le ex province stabilendo il ritorno alle elezioni dirette dei suoi organi, sindaco metropolitano in testa. La prima conseguenza è che sino alle prossime elezioni torneranno i

Canili fatiscenti, il Comune di Adrano diffida l’Enpa dopo la denuncia di Sudpress

L’Amministrazione intima la restituzione di 5 cani di cui si occupa l’associazione animalista che fino ad ora aveva fatto risparmiare al Comune ben 15 mila euro in 3 anni. Così l’Amministrazione adranita agisce a seguito della denuncia pubblica a Sudpress da parte dell’Enpa, Ente Nazionale Protezione Animali e della Lav, Lega AntiVicisezione riguardo il degrado e il

San Berillo, la storica “ferita” di Catania rimasta aperta

Un dedalo di viuzze e vicoli, un labirinto di vie fantasma abitate per lo più da prostitute ed extracomunitari, pervase dal tanfo delle fogne a cielo aperto. Non è cambiato quasi nulla da quando si è voluta sradicare la delinquenza con lo sventramento del quartiere, tranne per alcune zone frequentate dalla movida catanese il sabato sera.

Regionali, il leader etneo di Forza Italia Pogliese: “Musumeci meglio di Armao”. Ma Catanoso lo “stoppa”

“Dopo la disastrosa esperienza di Crocetta, del quale siamo stati strenui e coerenti oppositori a differenza di altri che hanno sacrificato la loro dignità per qualche comoda poltrona assessoriale, il centrodestra non può permettersi di presentarsi diviso alle prossime elezioni regionali. Non ce lo perdonerebbero mai i nostri elettori per la seconda volta consecutiva, non

Rifiuti, bus in ritardo, spaccio e rovine: benvenuti a Librino, la “città nella città” abbandonata

“Viviamo l’abbandono da parte del comune, del resto della città. Siamo spesso confinati dentro il quartiere, i bus passano raramente, stracolmi e bollenti. Si attende anche ore, per decidere poi di tornare a casa e rinunciare a muoversi ed uscire dal quartiere”. La signora Maria attende da due ore il passaggio dell’autobus della linea Librino

Login Digitrend s.r.l